Articui 2012

Par jessi coerents cu la memorie e cu la prospetive di cambiament

Cualchi letôr dal blog nus à fat savê cui siei messaçs e-mail che tal nestri post pai 25 di Avrîl l’articul publicât che si riferive ancje al prin di Mai e ae Zornade de Europe nol jere cussì clâr in cont de Fieste de Liberazion. O ringracìin pe osservazion e o pensìn che e sedi avonde juste, stant che chel toc al saltave fûr propit ai 9 di Mai dal 2011 e duncje al pontave la sô atenzion soredut sul inovâl de declarazion Schuman.

Alore o zontìn un altri articul, jessût un an indaûr, là che, magari in maniere parziâl, par vie che si cjate dongje di altris argoments, al è un riferiment avonde clâr ae impuartance de Resistence, dal antifassisim e de Liberazion in Friûl.

Il fat che chel che l’an passât al jere il sindic di Faedis cumò al sedi il conseîr regjonâl dal Pd plui votât te provincie di Udin no nus somee cussì casuâl.
O pensìn che nol sedi casuâl nancje il fat che te sô capagne eletorâl al vedi pontât la sô atenzion su lis cuistions che a tocjin la valorizazion de diversitât linguistiche e culturâl, la garanzie di dirits di fonde tant che chei linguistics, il lavôr che al è e chel che al mancje, i zovins, lis specificitâts de comunitât teritoriâl che e ten dongje il Friûl e Triest, la atenzion pe dimension europeane e duncje il refût di chê fufigne propagadistiche (e di chel refudum concetuâl) che e je la “macroregione del nord”.
Nol è casuâl parcè che a son argoments che si cjatin ancje tal document che “Un Friûl Diferent” al veve condividût cun Debora Serracchiani intun incuintri public ai 28 di Març.

Nol varès di jessi casuâl, a chest pont, che la gnove presidente de Regjon e i gnûfs conseîrs, massime chei che su chestis cuistions a àn cjapât posizion ancje daûr di solecitazions rivadis des associazions che a àn poiât il za menzonât document “Lingue proprie, fonte di autogoverno e opportunità di crescita per tutti”, a fasedin il lôr zurament ancje tes lenghis “altris” dal Friûl-VJ.

Al sarès un prin segnâl. Che si à chê di cambiâ musiche, di jessi speciâi, di jessi normâi, di jessi diferents. E di no jessi «cjacaris e distintîf».

FORME E SOSTANCE. IL “BEAU GESTE” DI SHAURLI CUN NAPOLITANO: UNE OASI TAL DESERT?

Ats simbolics, documents e «cjacaris e distintîf»

«Sâr President, benvignût in Friûl. Gospod Predsednik, dobrodošli v Furlaniji. Sehr geehrter Herr Präsident, willkommen in Friaul». Il President de Republiche Taliane al è vignût in Friûl e lu àn saludât in tancj di lôr: la int e i sorestants. Nol sarès stât mâl che cualchidune des autoritâts di chenti e ves dât il benvignût ae cjarie plui alte dal Stât ancje par furlan, par sloven e par todesc.
Al varès parût bon sei par pandi in maniere plui cjalde e plui rapresentative il bon acèt pal ospit de bande de nestre int, sei par fâi onôr ae persone e ae istituzion e mostrâ che la plui part di nô – lu confermin ancje i scandais fats in chescj ultins agns cul jutori de aministrazion regjonâl – o sin di lenghe furlane, di lenghe slovene o di lenghe todescje e cun chest o volin jessi citadins talians cun dignitât e dirits compagns di chei altris, daûr di ce che e dîs la Costituzion, a tacâ dai principis di fonde che si cjatin tai siei articui 2, 3 e 6. E ricuardâ ancje che cheste specificitât, in dì di vuê ancjemò di plui che tal passât, e je la fonde de autonomie speciâl de regjon Friûl-VJ, intant che par chest la nestre int e à vût patît a fuart la ditature fassiste ma e à ancje scombatût, cun fuarce e cun soference particolârs, pe liberazion e pe costruzion de Republiche che vuê Giorgio Napolitano al è il so president.

Magari cussì no, a Udin, a Glemone, a Dieç, a Cjargnà e a Pordenon, nissun dai sorestants al à rivât a fâ un pensament e duncje une azion di cheste fate. Par fortune, impen, a Faedis al è sucedût. Cun di fat, il sindic al à ricuardât, doprant ancje furlan e sloven, la specificitât dal so Comun (e o pensìn che se al fos stât sindic di Tarvis o Malborghet, al varès saludât ancje par todesc).
Cristiano Shaurli al à fat ancje alc di plui, sei cul so discors, coret te analisi storiche e te prospetive, sei cul fat che i à consegnât a Napolitano un document, prontât dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482, che al ten dongje associazions e altris entitâts des minorancis linguistichis furlane, slovene e gjermaniche dal Friûl. Te sô letare vierte, il Comitât al domande l’intervent dal president, tant che “garant de Costituzion”, par che a vegnin metudis in vore ad in plen lis leçs di tutele e duncje par che a vegnin garantîts pardabon chei dirits ricognossûts in tiermin formâi de Leç fondamentâl de Republiche e di ches altris normis specifichis, cemût che a domandin ancje in Europe.

Chel di Faedis al è un at piçul, ma al devente grandonon denant dal cidinôr e de cjacaris di tancj di lôr.
In chescj dîs, par esempli, al è tornât a saltâ fûr il câs de precarietât di Onde Furlane, che e fâs un servizi public unic tal cjamp de culture e de informazion par furlan e par chest e varès di vê un jutori garantît de bande des istituzions e no lu à.
Un câs che al mostre che ancje chi nô no mancjin chei che a son dome «cjacaris e distintîf», soredut se il distintîf al è chel de acuile dal Friûl.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

01/06/2012

Advertisements
Standard
Articui 2011

Metìn fûr la bandiere dal Friûl ancje pai 25 di Avrîl, pal prin e pai 9 di Mai

Chê altre dì Debora Serracchiani e la coalizion di centriçampe a àn vinçût lis elezions regjonâls dal Friûl-VJ.
O tornarìn in curt su cheste che o calcolìn une buine gnove. Intant, in ocasion de Fieste de Liberazion, o tirìn fûr un articul dal 2011 che al tocje i 25 di Avrîl, il prin di Mai e i 9 di Mai.
Trê fiestis furlanis, pe storie ma ancjemò di plui pe atualitât e pal avignî. Zornadis che si varès di meti fûr la bandiere dal Friûl

RESISTENCE, LIBERAZION, EUROPE, FRIÛL. CUANT CHE IL LUNARI AL JUDE A CAPÎ

9 di Mai e 25 di Avrîl: fiestis furlanis

Ogni mês si fâs la lune e ogni dì si impare une. Cun di plui, ogni dì, o almancul ogni setemane, a son un inovâl o une ricorence di memoreâ. Il lunari, massime chest an, al ufrìs une schirie di datis che a son pardabon impuartantis, o ben che cussì a vegnin calcoladis.

La ocasion par fâ fieste e soflâ dentri de trombe de retoriche e ven simpri cjapade sù, in cualchi câs ancje cuntun boreç che al somee in chel stes moment masse esagjerât e masse pôc justificât. Chês par ricuardâ, capî, resonâ, discuti, cognossi e pensâ, invezit, si lis cjape sù con mancul facilitât.
Lu vin viodût plui voltis propit in chescj ultins mês. Su chest sfuei o vin za marcât, un mês indaûr, cemût che ancje pai 3 di Avrîl, moment bon par pandi une braure furlane libare, positive e dinamiche, nol è mancjât cui che al è rivât a esprimi il so “Furlan Pride” dome a sotan vie: poleç e no acuile.
No si podeve pratindi miôr cualchi setemane prime, pai 150 agns de proclamazion dal Ream di Italie: anzit, al à fat maravee che al sedi stât almancul un piçul svôl di acuile, ancje se in realtât al jere chel di un dordul.
Par no fevelâ de memorie platade, e tornade a discuvierzi, de “Joibe Grasse” dal 1511. In chel câs la fieste e je stade fate ma la retoriche e je lade inte direzion contrarie e cussì al è stât dit che al jere un fat storic impuartant ma che no si veve di fâ masse scjas par vie di dute chê violence e dut chel sanc. Propit chest an che a massalicis e becjârs ur vegnin garantididis cetantis celebrazions “in pompa magna”!

Une ocasion che e je buine par ricuardâ, resonâ e fâ fieste, cun sintiment e cence pôre, e rive de zornade di vuê. Propit ai 9 di Mai al cole l’inovâl di chel che al ven calcolât tant che l’inviament concret de costruzion de unitât europeane. In chê dì dal 1950 il Ministri pai afârs forescj dal Stât francês, Robert Schuman, al veve sclarît che cul metisi adun si podeve sghindâ il pericul di gnûfs conflits e creâ lis cundizions par un bon disvilup economic e sociâl e pe incressite de democrazie. Un an plui tart e nassè la Ceca (Comunitât europeane dal Cjarbon e dal Açâl) e di in chê volte, pûr tra contradizions e dificoltâts, o sin rivâts ae Union europeane di cumò. Forsit chest nol è il moment miôr pe Europe, cundut achel cheste dimension, che no pues esisti cence pâs, dirits, unitât e diversitât, e reste chê di riferiment pal Friûl di vuê e par chel di doman. Une Fieste de Europe, duncje, che no pues che jessi ancje fieste furlane.

Il lunari, tai dîs passâts nus à lassât ancje la possibilitât di tornâ a pensâ sul taramot e soredut su la ricostruzion: un model di coesion e partecipazion, soredut par vie che al jere ce che e voleve la int di chenti. Altris datis ancjemò: prin di Mai e 25 di Avrîl. E ancjemò altris ocasions par resonâ in particolâr di lavôr, dirits, paritât, autonomiis, tutele des minorancis, justizie, libertât, solidarietât, Costituzion. Cun passion, cun preocupazion, cun cussience, cun atenzion. Tant a dî: Resistence, Europe, Friûl. Storie e avignî.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

09/05/2011

Standard
Articui 2011

Il Far East Film Festival ancje par furlan. Une (piçule) cerce di normalitât

Dai 19 ai 27 di Avrîl si davuelç la edizion numar 15 dal Far East Film Festival, la rassegne di cine asiatic plui impuartante e plui innomenade de Europe. Par vot dîs Udin e torne a jessi la capitâl europeane dal cine dal Orient plui lontan.

Inte suaze di “Udin par furlan” – il progjet di comunicazion par furlan dal Comun di Udin – il plui grant festival european di cine asiatic al sarà contât ancje par furlan cun diretis, incursions, intervistis e aprofondiments trasmetûts su lis frecuencis di Radio Onde Furlane (sui 90.0 Mhz e vie streaming sul sît de emitente). Plui in detai, dopo de direte de dì de scree, vinars ai 19 di Avrîl, e vignarà fate une altre ta chê de sierade, sabide ai 27 di Avrîl tra sîs e mieze sot sere e vot (18.00 – 20.00). Altris spazis informatîfs in direte a son po in program, inte fasse orarie tra dîs e mieze e undis di matine (10.30 – 11.00), intes zornadis di sabide ai 20, lunis ai 22, martars ai 23, miercus ai 24, vinars ai 26 e sabide ai 27 di Avrîl.

Che la lenghe furlane e vegni doprade te comunicazion e te informazion che e tocje iniziativis di innomine internazionâl che si davuelzin in Friûl al varès di jessi alc di normâl. Par cumò nol è cussì, cun dut che al sarès ancje alc di bon e di just (pe lenghe, pai dirits linguistics, pe promozion des specificitâts dal teritori ancje di un pont di viste turistic e plui in gjenerâl economic). E alore si scuen contentâsi. Cemût che al sucedeve za un pâr di agns indaûr, simpri cun alc che al veve a ce fâ cul Far East Film Festival e cul Comun di Udin.
O tornìn a recuperâ chel articul, saltât fûr ai 23 di Mai dal 2011, cun chê che si rivi a passâ des ecezions ae normalitât.

DIRITS, CULTURE E TERITORI. SI MÔF ALC ANCJE IN FRIÛL, MA CE CHE AL È NORMÂL AL RESTE UNE ECEZION

Alc al è alc, però la Scozie e je lontane

Alc al è alc e nuie al è nuie. Cheste detule furlane nus jude un pôc a preseâ chel “alc” di bon che al salte fûr e un pôc a contentâsi di cemût che a van lis robis in chestis setemanis. Se si cjale ce che al è stât intant dai ultins cuindis dîs, a son plui di cualchi motîf par cirî alc di bon e rinfrancjâsi. Cu la spiete, la sperance e la voie che al sedi ancje alc di miôr.

Si è sierade che nol è tant la edizion 2011 dal “Far East Festival”. Ancje chest an l’event al è stât un sucès, pe partecipazion dal public e pe cualitât e pe varietât dai films e dai incuintris presentâts. Cun di plui e je stade la prime volte che il program di sale al è stât dât fûr ancje par furlan. Il fat al à colpît tancj di lôr, al à mot curiositât, maravee e simpatie.
Ise une iniziative straordenarie? CEC e Comun di Udin a àn fat dome une robe juste e, almancul in teorie, normâl: il festival si fâs a Udin, in Friûl; a Udin e in Friûl e esist, e si dopre, ancje la lenghe furlane; la manifestazion no je un “ufo” rispiet a chest teritori; une part dal public al à tant che lenghe proprie il furlan e ancje cence lâ a discomodâ leçs di tutele e dirits linguistics al è just che chest fat al vegni ricognossût e rispietât.

In Friûl – e plui in gjenerâl in dute la regjon – par chestis resons i materiâi di comunicazion e informazion di dutis lis iniziativis che a vegnin fatis chenti a varessin di jessi simpri ancje par furlan e par sloven e par todesc, soredut chei che a àn une rilevance che e va ancje fûr dai nestris confins. Impen, cundut che al è propit il fat di vê cuatri lenghis nestris che nus fâs “gente unica”, cemût che nus definive il vecjo sproc de promozion turistiche regjonâl, chest nol sucêt mai, ni pal “Mittelfest”, ni par “Folkest”, ni par “èStoria”, ni par “pordenonelegge.it”, pe rivade di chestis bandis dal Zîr di Italie o pai concierts che cumò a vegnin marcâts “LIVE”, tant par fâ cualchi esempli a câs. E nancje par “Vicino/Lontano” o “Festintenda”, che però – alc al è alc – almancul a fasin publicitât su Radio Onde Furlane.

Al à fat ben, alore, Enrico Ghergetta, tornât a jessi elezût President de Provincie di Gurize, a fâ il so zurament ancje ta chês altris lenghis propriis dal Friûl orientâl, ven a dî par furlan e par sloven. Alc al è alc.
Une biele gnove e je ancje chê de mobilitazion dal Comun e de int di Migjee. Cuant che ur àn dit che undis fruts notâts pe prime elementâr a jerin masse pôcs par meti adun une classe, daûr dal cussì clamât “Decret Gelmini”, si son visâts che chel stes decret al previôt che tes areis gjeografichis là che si cjatin minorancis linguistichis la cuote minime par une classe e je dome di dîs fruts e cumò a domandin la metude in vore complete di chês normis. Viodarìn cemût che e larâ a finîle.

La Scozie des elezions di cuindis dîs indaûr e je lontane, compagn de Sardegne là che la setemane stade il referendum cuintri dal nucleâr al è stât un grant sucès, ma su dirits e teritori al è alc che si môf ancje chi di nô. Alc al è alc.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

23/05/2011

Standard
Comunicâts, Dome pal blog

Vonde cjapâ pal boro i Furlans!

No sin i unics che a pensin la “macroegione del nord” no sedi in stât di puartâ nuie di bon pal Friûl e pai Furlans.
Cheste e je la opinion ancje di UN FRIÛL DIFERENT, gnûf progjet politic pal Friûl di vuê e di doman, che si presente cussì, cemût che si lei ta chestis riis che a compagnin il comunicât pe stampe dât fûr îr, che al tocje popit chest argoment:

Un Friûl Diferent è un soggetto politico che si è formato da poco più di un mese e si pone l’obiettivo di interpretare la “Questione Friulana” secondo una logica progressista, nei suoi aspetti economici, sociali e culturali. Nella attuale compagna elettorale per le elezioni regionali ed amministrative appoggia le coalizioni di centro-sinistra ed i candidati che hanno partecipato al suo percorso costitutivo. Nelle settimane scorse ha organizzato una conferenza stampa con Debora Serracchiani in cui sono state evidenziate in particolare le potenzialità di una regione multilingue. Sono state poi effettuate tre iniziative pubbliche a Treppo Grande, Muzzana del Turgnano e S. Pietro al Natisone per approfondire, anche assieme ai candidati alle regionali Cristiano Shaurli (PD), Lorenzo Croattini (Cittadini per Debora Serracchiani), Angelo Tomasin e Roberto Dapit (SEL), i temi dell’adeguamento del territorio del Friuli-Venezia Giulia alle nuove tecnologie del web, della politica linguistica regionale e dello spazio Europeo come primario spazio di riferimento per una regione rifondata.
Con questo comunicato si ritiene necessario prendere posizione sulla follia rappresentata dalla adesione di Tondo alla cosiddetta “macroregione del nord”.

Ve chi ce che a scrivin in cont de “macroregione del nord” chei di UN FRIÛL DIFERENT:

UN FRIÛL DIFERENT

Comunicato stampa

TONDO VUOLE LA MACROREGIONE, MA IL FRIULI HA BISOGNO DI BEN ALTRO

“VONDE CJAPÂ PAL BORO I FURLANS !”

Ormai per i voti si può fare di tutto aldilà di ogni coerenza.
Se andate a leggere le dichiarazioni ed il programma di Renzo Tondo, candidato presidente della Regione Friuli-VG per il centro-destra troverete espressa la volontà di superare e quindi abolire le Province. La stessa coalizione si presenta alle elezioni provinciali di Udine con candidato Pietro Fontanini, ed il suo programma è centrato proprio sul rilancio ed il mantenimento di questa istituzione: anzi una delle forze di supporto, il MAF (Movimento autonomista friulano) proprio per questo motivo, in nome di un articolato ragionamento sulla sussidiarietà, si schiera con il centro-destra.
Tondo dichiara di voler rilanciare l’autonomia speciale del Friuli-VG, chiedendo nuove materie di competenza esclusiva, e costruisce una lista di supporto personale denominata “autonomia responsabile”; contemporaneamente firma un patto con le Regioni Lombardia, Piemonte e Veneto, per sancire la costituzione della cosiddetta “macroregione del Nord”, di fatto una istituzione più politica che territoriale, il cui unico scopo è quello di rafforzare il legame politico tra Berlusconi e i suoi seguaci con la Lega Nord di Maroni,
Ma cosa “ci azzecca” la macroregione del Nord con il Friuli-VG?
Semplicemente il riconoscimento della condivisione di obiettivi di autonomia fiscale (i 7,5 decimi delle tasse versate nel territorio) per la Lombardia, il Piemonte e il Veneto, più o meno le entrate che oggi sorreggono la “specialità devastata”, dall’esterno e dall’interno, del Friuli-VG.
Per UN FRIÛL DIFERENT non c’è alcun pregiudizio a che il sistema regionale italiano si possa riformare con gradi di autonomia ben più adeguati di quelli attuali e siamo contro ogni visione centralizzatrice statale come risposta ai temi della crisi sociale ed economica. E siamo anche convinti che è in una Europa più democratica e meno ostaggio dei banchieri che potremo trovare una risposta adeguata alla crisi ormai irreversibile di sovranità che coinvolge gli stati nazionali.
Ma riteniamo che porre la questione della macroregione sia un modo per prendere in giro i cittadini e porre questioni che spostano dalla realtà. Ben altri sono i temi che invitano oggi a gestire e rifondare la specialità del Friuli-VG. Il Friuli-VG è una regione connotata dalla presenza di una pluralità di gruppi linguistici storici (friulano, italiano, sloveno e tedesco), e da una forte nuova emigrazione proveniente da varie parti del mondo, anche se prevalentemente dell’est europeo. E’ una regione geograficamente proiettata nell’Europa centrale, tra Alpi Orientali e Nord Adriatico ed ha bisogno di strumenti specifici per gestire la sua trans-statalità e la sua multiculturalità in tutti i suoi aspetti territoriali, sociali ed economici.
Tondo lasci perdere i suoi compagni di strada inattendibili ed eviti di blaterare di cose impossibili ed anche illegittime con cui dichiara di voler contraddistinguere i primi 100 giorni del suo “nuovo” mandato: se non lo ha fatto nei 1800 giorni precedenti è logico, e forse anche sperabile, che non lo farà neanche in futuro.

UN FRIÛL DIFERENT Udine, 18 aprile 2013

Standard
Articui 2012

Lenghis propriis, dirits, democrazie e disvilup par ducj

Vuê a Udin, a Palaç Mantica, il Comitât / Odbor / Komitaat / Comitato 482, che al ten dongje associazions e altris entitâts espression des comunitâts linguistichis furlane, slovene e gjermaniche dal Friûl al presente ae stampe a al public il document “Lingue proprie, fonte di autogoverno e opportunità di crescita per tutti”.

Il test al è stât condividût cuntune schirie di associazions e al è stât sometût ai candidâts ae presidence de Regjon Friûl-VJ e ai rapresentants des listis che ju sostegnin.
L’incuintri di vuê al sarà une ocasion, di une bande, par confrontâsi in public sui contignûts dal document cui candidâts ae presidence e al Consei regjonâl che a saran presints e, di chê altre, par fâ cognossi ce rispuestis che a àn vût lis osservazions e lis domandis fatis indenant dal Comitât.

Par plui resons no son tancj motîfs par jessi otimiscj.
Tra la riduzion des risorsis a pro di lenghis, tutele e dirits linguistics, la mancjance sostanziâl di politiche linguistiche e azions positivis di normalizazion e iniziativis “spot” che a àn fat plui dam che altris, i ultins agns a àn segnât un tornâ indaûr preocupant in chest cjamp che al tocje dirits di fonde, patrimoni culturâl, oportunitât di disvilup sociâl e economic e esercizi de autonomie speciâl de Regjon.
A son ducj motîfs bogns par cambiâ.

Che la situazion e sedi avonde grivie al è saltât fûr a clâr ai 24 di Novembar dal 2012, in ocasion de Conference regjonâl su la tutele de minorance linguistiche furlane, cemût che o scrivevin achì:

LENGHE FURLANE. UNE RIFLESSION SU LA CONFERENCE REGJONÂL DAI 24 DI NOVEMBAR

Leç 29/2007, a mancjin i fats, lis azions e i risultâts

Al va ben che la Regjon si movi – ancje se planc plancuç e tarts – par fâi cuintri aes azions dal Guvier che a menacin la lenghe furlane, i dirits linguistics dai citadins e la lôr tutele, cemût che o vin za segnalât su chestis pagjinis. Ma se chê stesse no si môf par meti in vore almancul in maniere decente la legjislazion regjonâl, al è dificil che la volontât declarade di difindi lenghe, dirits e dignitât e vedi une cualchi credibilitât dentri tai palaçs di Rome.

Propit la mancjance di credibilitât di cui che al comande a Triest e sul Friûl e la mancjance di fats, di azions e di risultâts in cont di ce che e previôt la Leç 29 dal 2007 a son saltadis fûr ad in plen sabide ai 24 di Novembar, cuant che a Udin si à davuelte la prime Conference regjonâl su la tutele de minorance linguistiche furlane. Dut chest al è stât palesât tes relazions tecnichis de ultime part de matinade e in cualchidun dai intervents dal dopomisdì, ma salacor al à cjatât la sô rapresentazion plui evidente tal numar, grandonon, des sentis vueidis dentri dal Auditorium di Vie Sabbadini.

Il vueit te sale al è stât argoment di un ciert dibatiment sui gjornâi e inte rêt tai dîs seguitîfs. Tai palaçs di Udin e Triest al jere cui che si justificave fevelant di une organizazion fate con premure o marcant il caratar tecnic dal incuintri che al varès tignudis lontanis lis massis popolârs. Al pues stâi che a vedin ancje une cualchi reson – e il fat che il cartel denant de puarte dal Auditorium nol fos stât fat par furlan e nol fos nancje bilengâl al da la idee di une cierte improvisazion se no propit di menefreghisim o di alc ancjemò piês – ma nus somee che la int no si è dade dongje te conference par altris motîfs. Soredut parcè che la plui part di lôr a savevin za che daûr des declarazions altitonantis in cont de impuartance des minorancis linguistichis e de lôr tutele al jere il vueit di fats, di ideis, di strategjiis e di prospetivis.

I presints a jerin, di une bande, un pôcs dai responsabii di chest vueit, che il lôr nivel di responsabilitât si pues misurâlu in maniere proporzionâl invierse cu la durade de lôr presince e direte cul vueit des lôr peraulis. E di chê altre, un pôcs di chei che a lavorin cun passion e cun competence cu la lenghe furlane, a pro di lenghe, culture e dirits, e che tai lôr intervents a àn tornât a fâ propuestis e a domandâ che si meti in vore la leç cun sintiment. Che si metin adun i struments di programazion che ancjemò a mancjin. Che a sedin garantîts ûs e insegnament de lenghe tes scuelis e che duncje la Regjon si cjapi sù ancje par chest dutis lis competencis su la istruzion. Che a sedin lis cundizions previodudis de normative pal ûs public dal furlan e pe sô presince cualificade tai media. Che si metin i bêçs che a coventin là che al covente, daûr di criteris di cualitât, di continuitât e di eficacitât.

Magari cussì no, no àn vude nissune rispueste.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

07/12/2012

Standard
Articui 2012

Repetita juvant: Friûl is not Padania!

E je chê e simpri chê. Magari o vin ancje nô une tendence a jessi ripetitîfs, però no si pues fâ nuie di diviers, se a contin simpri chê dal ors. Par esempli chê de “macroregione dal nord”.
E alore ve chi un articul jessût ai 11 di Otubar dal 2012, ancjemò une vore atuâl.

FRIÛL IS NOT PADANIA. NO SARAIAL IL CÂS DI VÊ UNE RAPRESENTANCE PLUI FURLANE?
 
Ni macroregjons, ni micropolitics
 
«Continuiamo così, facciamoci del male». Se sù par jù un mês indaûr si jerin lassâts cuntune citazion di Nanni Moretti, cumò nus tocje tacâ di gnûf cuntune frase gjavade fûr di “Ecce Bombo”,  che e piture ben la situazion di chestis setemanis e di chescj mês in Friûl.

Chest al vâl sot diviers ponts di viste, ma in particolâr in cont dai disvilups plui resints de politiche regjonâl. Cun di fat, se di une bande o cjapìn cun plasê at che dopo passe doi mês e mieç finalmentri il Guvier de Regjon al à deliberât di ricori denant de Cort Costituzionâl cu la impugnazion di chês normis de revision de spese che a son cuintri de autonomie speciâl e de tutele des minorancis, di in chê altre nus tocje vê i sgrisui par cemût che a van lis robis. Esemplis clârs che a dan pardabon aviliment a son la iniziative dai conseîrs regjonâi de Lega Nord che cualchi setemane indaûr a àn fat indenant une mozion pe costituzion di une Macroregjon dal Nord cun dentri ancje il Friûl e Triest e l’ativisim dal president Tondo a fâsi viodi dongje di Formigoni, par pandi l’interès e la disponibilitât dal Friûl-VJ a jentrâ dentri di une fantomatiche struture teritoriâl, istituzionâl e aministrative di chê fate.

A son operazions faladis sul plan de vision strategjiche e de azion tatiche. Chescj sorestants no mostrin dome di no savê, di no capî o di no volê fâ savê e fâ capî che «Friûl is not Padania», ma no si rindin nancje cont che nol è par sigûr in cheste maniere che a puedin difindi la autonomie speciâl che di chê si jemplin la bocje ogni moment. Cun cuale credibilitât puedino vierzi une tratative o un resonament cul Guvier – ametût che a Rome a vedin voie di fâlu… –  in chestis cundizions? E cussì, cemût che al salte fûr ogni dì, il Stât al va indenant a fâur cuintri aes autonomiis, a chês speciâls in particolâr e soredut a chês speciâls che i lôr rapresentants a mostrin di no jessi in stât di prudelâlis.

Saraial un câs che a Aoste o tes provinciis autonomiis di Trent e Bolzan nissun al sedi interessât a cheste fantomatiche macroregjon? Al vignarès cuasi di ridi, se nol fos di vaî, che par cjatâ cualchidun che al difindi la autonomie speciâl de regjon Friûl-VJ bisugne lei ce che e dîs la ministre Cancellieri… Cussì al va il mont: macroregjons e micropolitics.

Par no fevelâ dai industriâi, che cemût che al è saltât fûr la setemane stade a Pordenon, la lôr prospetive «gnove» e sarès chê dal «Nord-est»: tant a dî che la alternative a di un «di bessoi» di tornâ inventâ e sarès chê dal «fasso tuto mi». Piês il tacon de buse…

Al torne a saltâ fûr il probleme de rapresentance dal Friûl. E je ore che si cjati une soluzion: alc di gnûf, fûr de partitocrazie taliane e di un ciert autonomisim vaiot e sotan. Par dâ vôs a une comunitât che e à voie di vivi e no di sorevivi, cun relazions positivis cul mont e cence vê pôre di se. Un Friûl alternatîf, un Friûl diferent, un “Friûl Friûl”.
 
EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

 
11/10/2012

Standard
Articui 2013

3 di Avrîl, un Friûl diferent che al cjale indenant

Nol è mai masse tart. E cussì, cun dut che a son passâts za doi dîs dai 3 di Avrîl, si pues ancjemò scrivi: Buine Fieste de Patrie dal Friûl par ducj cuancj.

L’auguri al reste bon ancje par altris motîfs. Par esempli, par vie che lis iniziativis par memoreâ l’inovâl numar 936 de nassite dal Stât patriarcjâl furlan a son ancjemò in vore almancul fintremai ae fin de setemane e parcè che chê de investidure feudâl dal patriarcje Siart e je une date impuartante pal Friûl, che di chê si pues fevelâ ancje in altris moments.

Cun di plui, chest an, inovâl, cerimoniis e celebrazions pe “Fieste de Patrie” a colin juste tal mieç de campagne eletorâl pes elezions regjonâls e par chês aministrativis. Duncje, ancjemò di plui al merete fat un resonament che al partìs de storie e che al ponte soredut sul presint e sul avignî, stant che i passe trê secui di vite dal Stât patriarcjâl, di in chê dì dal 1077 fintremai al 1420, a son stâts determinants pe definizion de unitarietât teritoriâl dal Friûl, dal so profîl multietnic e multilengâl e de fisionomie de lenghe furlane e des sôs relazions cun diviersis comunitâts teritoriâls.

A son propit chescj i elements di fonde che a marchin, ancjemò in dì di vuê, la identitât e il potenziâl di cheste tiere e de sô int, e che a tornin ancje tes discussions di chescj dîs.

Un câs al è chel des relazions teritoriâls – argoment che al vignarà frontât propit intun incuintri public Joibe ai 11 di Avrîl li dal “Inštitut za slovensko kulturo” di Sant Pieri – e de gjeografie, là che si viôt che il Friûl nol è dome chê che in dì di vuê e je la provincie di Udin e che la sô dimension gjeopolitiche e je simpri stade chê europeane e no dome chê taliane. Cussì al devente dificil di crodi sei che la Provincie di Udin, almancul cemût che e je cumò, e sedi in stât di difindi e di promovi dut il Friûl, sei, salacor ancjemò di plui, che la fantomatiche “macroregione del nord” e sarès la soluzion juste pal Friûl intîr e pe regjon che e ten dongje Friûl e Triest. In chest câs in particolâr al vignarès di dî che e sarès une soluzion, dome doprant il lengaç de chimiche, tal sens che cussì il Friûl al vignarès disfat…

Un altri al è chel des lenghis e dai dirits linguistics, che il lôr esercizi al devente ancje une oportunitât di disvilup, cemût che al vignarà sclarît intun altri apontament doman a 4 e mieze dopo di misdì li dal “Friuli” a Muçane.
Un altri ancjemò al è chel des gnovis tecnologjiis e de citadinance digjitâl, che di chel a fevelaran a Trep li dal “Borgo Floreani” usgnot a 8 e mieze.

Chescj apontaments no fasin part des celebrazions dai 3 di Avrîl, ma a saltin fûr de ativitât di “Un Friûl Diferent”, sogjet politic che nol è tes schedis eletorâls ma che al met su la taule cuistions pal Friûl di vuê e di doman.
Un Friûl di memoreâ, cence mistificazions e retoriche.
Un Friûl di vivi e par vivi, ducj cuancj.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

05.04.2013

Standard