Atualitât, Editorie, Friulanofobie, Politiche

Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs

Une gnove conferme di cemût che «L’Italia è una e incorreggibile». E je chê che e rive dal passaç ae Cjamare dal gnûf dissen di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public, che al continue a fâi cuintri ae normative di tutele des minorancis linguistichis storichis, in particolâr parcè che no garantìs lis trasmissions televisivis e radiofonichis tes lenghis de plui part des minorancis stessis, a tacâ di chê furlane e di chê sarde.

Il test al jere stât fat bon ae fin di Lui dal Senât in violazion palese de Leç 482/1999 (là che a son diviersis «normis di tutele des minorancis linguistichis storichis» e tra chestis al è l’articul 12 che al fevele propit di servizi radiotelevisîf public in maniere clare e precise) e dal DPR 345/2001 (che al è il Regolament pe metude in vore de stesse Leç 482, là che l’articul 11 al zonte ancjemò clarece in cont di cemût che si à di «sigurâ lis cundizions pe tutele des minorancis» in chest cjamp).

Par ce che al tocje radio e television publiche e minorancis, sei l’esecutîf che senatôrs e senatoris in chê ocasion a vevin mostrât di no cognossi ni l’articul 6 de Costituzion («La Republiche e tutele lis minorancis linguistichis cun normis specifichis»), ni la esistence de Leç 482/1999 (là che a son diviersis «normis di tutele des minorancis linguistichis storichis» e tra chestis al è l’articul 12 che al fevele propit di servizi radiotelevisîf public in maniere clare e precise) e dal DPR 345/2001 (che al è il Regolament pe metude in vore de stesse Leç 482, là che l’articul 11 al zonte ancjemò clarece in cont di cemût che si à di «sigurâ lis cundizions pe tutele des minorancis» in chest cjamp) e nancje il fat che a tacâ dal 2000, e soredut dal 2005 incà, il Comitât di esperts che al sta daûr de metude in vore de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, ratificade de bande dal Stât talian ancjemò tal 1997 cu la leç 302, e po ancje il Comitât dai Ministris dal Consei de Europe a continuin a marcâ – un cu lis sôs Opinions e chel altri cu lis sôs Risoluzions – che il Stât talian nol rispiete i impegns che al à cjapât sù cun chê ratifiche propit in cont de tutele des minorancis tal cjamp de radio e de television publiche e in particolâr cun rivuart pes comunitâts furlane e sarde.

Îr dut chest si à tornât a viodilu e a sintîlu in maniere ancjemò plui fuarte e plui fastidiose. Parcè? Parcè che dopo dal pastroç fat in Senât, diviers di lôr a vevin prometût che la robe e sarès stade comedade ae Cjamare dai deputâts.
Al jere cui che al veve menaçât «di fare il Vietnam», ma – cemût che si spietâvisi – nol à fat nuie. In maniere plui serie cualchidun altri al à fat indenant un emendament che – se fat bon – al varès fat justizie de cuistion, però al è stât dut dibant.

Magari cussì no, scrivi e proponi un emendament nol è avonde, cuant che si acete di ritirâlu in comission e si contentisi di un ordin dal dì che al impegne – Cuant? Cemût? – il guvier a visâsi de cuistion.

Ir e je lade cussì: l’emendament nol jere plui e al è dome un gjeneric impegn dal esecutîf.

Ce che al fâs ridi – o che al fâs vaî, sielzêt voaltris – al è il resocont de zornade fat de plui part dai media, là che al somee che chê di îr e sedi stade une concuiste e une vitorie.
Un biel esempli di disinformazion!!!

Al vignarès di dî che dongje di chel ordin dal dì – che in concret i domande al guvier e ae Rai di fâ alc che al varès di jessi za stât fat e che si varès di fâ di almancul cuindis agns, daûr de Leç 482/1999 e dal DPR 345/2001 – al torne a palesâsi une ciert disordin di ducj i dîs.

Al è un disordin concetuâl che al ten dongje gjornaliscj e parlamentârs: su lis pagjinis dal cuotidian di chenti – chel cul non forest – si lei ancjemò une volte di «elevare a rango di legge la tutela delle minoranze linguistiche nella Riforma Rai alla pari delle cosiddette minoranze linguistiche nazionali».

Al è un disordin fondât su la ignorance, suntune cierte prepotence e su la mancjance di rispiet dai principis di fonde, dai dirits e des leçs.

E soredut al è un disordin di caratar politic, che al mostre cetant che e je debile la vôs dai furlans e dal Friûl no dome a Rome ma ancje a Triest, stant che ancje in chest câs de bande dai vertiçs de Regjon no si à sintût nuie sul argoment.

Al covente movisi e fâ alc. E no dome pal furlan in Rai.

Standard
Atualitât, Friulanofobie, Par ridi (?)

Keep calm e freìnsi de Nutella!

Che al sedi Paolo Villaggio o che e sedi la Nutella, par solit i furlans si fasin menâ pal boro, massime in gracie de stampe locâl, che – nomen omen – e à chê tal so dna: par esempi cuntun abûs di ‘piccola patria’ e ‘friulanisti’, magari ancje cualificâts tant che puriscj o cun problemis di digjestion…

Keep calm! E provìn a meti i numars i colone:
a) il furlan al è une lenghe, che al sarès ben che e fos doprade normalmentri (o ancjemò miôr: che al è ben e al conven che e vegni doprade normalmentri);
b) la Nutella e je un prodot che i covente fâ campagnis gnovis par promovisi (ancje parcè che al somee che e sedi daûr a pierdi cuotis di marcjât);
c) Nutella e à cjatât chê des lenghis ‘altris’ e dai dialets – ancje se par Nutella a son ducj ‘dialetti’ e vonde – e le à pensade ben: si svicine ae int, ai teritoris e e cree discussion e duncje promozion de sô campagne;
d) erôrs, omissions e confusions a van daûr di chest ategjament a taliane vie («e chissenefrega come se scrive…’so dialetti!») e di une strategjie di comunicazion («fasìn casin cussì si fevele di nô»): se e je vere che i àn domandât a un espert e dopo a àn fat ae lôr maniere, cence lâ daûr di ce che ur veve dit/scrit, a valin dutis dôs lis motivazions;
e) cun chê stesse ande talianone a àn decidût che lis etichetis par furlan a vevin di jessi metudis fûr dome tes provinciis di Udin e Pordenon e no ancje tal Gurizan… Però a podevin fâ piês, fasint dome par Udin…;
f) cualchidun in maniere autorevule e trancuile al à marcât doi aspiets: il furlan al è une lenghe e si varès di scrivile ben (par talian scrivaressiso ‘aqua’ o ‘portafogio’??);
g) cualchidun altri al è contenton, parcè che in cualsisedi maniere la lenghe si le viôt e duncje e ven promovude.

Forsit al covente cjapâ flât e preocupâsi des robis che a coventin pardabon, no dome par promovi la lenghe ma ancje – e soredut – par garantî il dirit des personis a doprâle ben, cence problemis, cence prejudizis, cence pôris e cence discriminazions.

Ce vuelial dî? Meti in vore lis leçs di tutele. Pardabon!

Duncje: freìnsi de Nutella! E doprìn il furlan…

Standard
Atualitât, Politiche

Un Pat cuintri dal ‘Partito della nazione’, un Pat a pro dal Friûl

Îr a misdì a Udin al è stât presentât il Patto per l’Autonomia, une iniziative cjapade sù di un trop di sindics e di aministratôrs locâi cun chê di difindi e promovi la specialitât de Regjon e di slargjâ i spazis de democrazie partecipade.

La iniziative e somee jessi chê juste tal moment just (o almancul: prime che al sedi masse tart).
E rive juste tal moment che la fantasime dal Partito della nazione e mostre ad in plen la sô brute muse grise, nere e cun trê pineladis di ros, di blanc e di vert (o di Verdin?): centraliste, pseudoeficientiste, afariste e nazionaliste.

O vin za scrit che chê creature mostruose e je pericolose soredut pal Friûl e pai furlans. Duncje al è ben che si movisi e che si fasi alc, propit chi di nô.

A son diviersis robis interessantis di cheste iniziative che nus colpissin in maniere positive:

1) e ven pandude une idee clare dal Friûl in tiermins teritoriâi e linguistics e culturâi, cu la sô unitât e la sô pluralitât;

2) i siei promotôrs a fasin indenant une idee di democrazie partecipade e di prossimitât – une robe che e covente une vore e che chi di nô le àn pensade e dite dome chei di Un Friûl Diferent (tai ultins agns une des robis miôr che si vevin metudis in moviment: a proposit, dulà sono?);

3) daûr di ce che si lei democrazie, teritori, dirits si tegnin dongje cul pluralisim linguistic e culturâl e cuntune idee di disvilup sostignibil e just e di gjetion corete dal teritori e des sôs risorsis;

4) si sa che lis fondis de autonomie regjonâl si cjatin inte presince des minorancis linguistichis furlane, slovene e todescje e inte lôr tutele;

5) il ‘Patto’ al nas in Friûl, cuntun grup di aministradôrs locâi che a son zovins e che a rivin dal Friûl di mieç, ma ancje de  Basse, de Cjargne, de Alte, dal Friûl ocidentâl e di chel Gurizan;

6) personalitâts di valôr de culture e de politiche di chenti a mostrin di vê une atenzion positive viers de iniziative (e cualchidun – di pôc valôr…? – al mostre za di jessi cuintri….);

7) chescj aministradôrs dal Friûl a mostrin di no vê ni sudizion, ni sotanance, ni dipendence viers Triest e anzit a proponin di tignî dongje ancje chê part de Regjon e cui che di chês bandis là al pues fâ indenant ideis compagnis di democrazie e di colaborazion, fondadis sul ricognossiment, sul rispiet e su la paritât.

In chest moment si scuen jessi otimiscj e cjalâ cun atenzion cheste iniziative, che par ce che al tocje lis divignincis politichis dai siei promotôrs si pues calcolâle trasversâl e soredut civiche, dongje de int e dal teritori.

Cun chest otimisim e soredut cuntune cussience fuarte de necessitât che al nassi alc di bon e di propositîf, cuintri dal Partito della nazione e a pro dal Friûl, nus somee just segnalâ cualchi aspiet che il stes Patto per l’Autonomia al podarès marcâ di plui te sô azion e te sô comunicazion, propit par jessi coerent e crodibil:

1) Di cualchi bande o vin let che il non uficiâl dal ‘Patto’ al è ancje par furlan, par sloven e par todesc. Al è just e al è coerent cun ce che al è stât dit inte conference di presentazion e cun ce che si lei intai documents, che a sclarissin i obietîfs de iniziative. Però al covente che cheste pluralitât cussiente e rispietose si le viodi di plui. Non cuadrilengâl simpri e dapardut, …please!

2) Stant che il ‘Pat’ – cumò lu clamìn ancje par furlan – al vûl jessi alc di gnûf e di bon, al varès di marcâ la sô novitât cul scrivi tai siei tescj, par esempli par talian, ‘Friuli-Venezia Giulia’ e no ‘ Friuli Venezia Giulia’ o ‘fvg’ e ‘FVG’ (eventualmentri, par sparagnâ timp e caratars ‘F-VG’).

Cualchidun al calcolarà chestis osservazions alc di piçul e di formâl. Par nestri cont nol è cussì: la forme e je sostance, soredut in chescj câs.

Viodarìn ce che al nas. E ce che al devente.

Standard
Atualitât, Par ridi (?), Politiche

La creature mostruose dal ‘Partito della nazione’

Une fantasime e zire ator pal Stât talian. E je une creature mostruose, che no je dome brute di viodi ma e je ancje plene di tristerie e di arogance.

E ven indenant in maniere decise, si môf cuntune ande sigure, cu la fuarce di cui che al à – e che al è – il podê e di cui che al à voie di vêlu, di mantignîlu e di gjestîlu pai siei interès.

Si declare moderne, eficiente e simpatiche, ma e sa di antîc, salacor e puce di vecjo e di frait.

Cheste creature e je alc di plui di un boboròs.

Chest mostri nol è masse ros: salacor al è un bobo…ros, blanc e vert (o Verdin?), neri e grîs.

Lu clamin ‘Partito della nazione’ e tal so program e tes sôs azions si vualme plui di cualchi passaç che al somee a chel che si clamave ‘Piano di rinascita democratica’.

La robe e varès di fâ pôre – o miôr, di fâi pensâ parsore – un pôc a ducj.

Al covente stâ in vuaite, massime in Friûl.

Salacor, chi di nô cheste creature e somee ancjemò plui mostruose e pericolose.

Parcè che e mostre di no vê nissun rispiet pe diversitât, che impen e je la anime e la sostance dal Friûl, te sô unitât teritoriâl, te sô pluralitât di lenghis e di culturis, tal so dirit di jessi se stes, cence parons e cence confins.

E cence fantasimis.

Standard