Atualitât, Dome pal blog, Politiche

Un altri bon motîf

Chê altre dì al è colât il cincuantesim inovâl dal Consei regjonâl dal Friûl-VJ. E je stade une gnove ocasion, compagn dal mieç secul dal Statût regjonâl, memoreât ai 31 di Zenâr dal an passât, par fâ un resonament in cont de autonomie speciâl de Regjon, des sôs motivazions, des sôs finalitâts e des sôs prospetivis.

Sul argoment, magari cussì no, a continuin a saltâ fûr, massime de bande di cualchi responsabil istituzionâl di chenti, argomentazions che clamâlis discutibilis al è fâur un compliment.
La nestre opinion su la cuistion le vin za palesade timp indaûr e par chest no i tornìn parsore.
O vin miôr pontâ la nestre atenzion suntune altre notizie che o vin cjatât in rêt e che e je deventade argoment di discussion, cemût che si lei ancje achì.

Cun di fat, di un scandai fat di resint al ven fûr che la opinion de plui part dai imprenditôrs dal Venit e je cuintri des autonomiis speciâls dal Trentin-Südtirol e dal Friûl-VJ.
Al è un altri bon motîf a pro de specialitât regjonâl.

Standard
Dome pal blog, Friulanofobie, Politiche

Il Blanc e il neri

Il lat furlan al è Blanc. La decision dal Consorzi agrari dal Friûl-VJ di batiâ in cheste maniere – Blanc – la sô produzion di lat e je par sigûr di preseâ.
Lassant di bande chei che cumò tes ostariis, impen di domandâ un tai di blanc, a’nt domandaran une scudiele… chest fat al conferme ce che o pensìn e che o scrivìn za di timp: che la lenghe furlane e plui in gjenerâl lis lenghis ‘altris’ dal Friûl e duncje de regjon Friûl-VJ a son un strument impuartant pe promozion dal teritori e dai siei prodots, soredut par vie che a son in stât di rindi riconognossibile la lôr specificitât e, tal câs dai prodots, la lôr divignince che e varès di jessi une sorte di marcje di cualitât e di origjinalitât.

Chest al vâl ancje pe produzion culturâl ta chestis lenghis, a tacâ de musiche e dal audiovisîf, che pardabon a podaressin jessi une oportunitât di valorizazion e di promozion dal teritori tant che risorse, prodot e prodot di prodots. Un segnâl positîf in chest sens al rive de manifestazion Sapori di pro Loco , là che vinars ai 23 di Mai e sarà une serade che za il so titul al è un program.
Cun di fat, l’event si clame ‘Tiere di savôrs, Tiere di musiche‘ e al presente une cerce de creativitât in lenghe furlane te musiche e te comunicazion, cui concierts di Residui di Chernobyl, Aldo Sbadiglio e la Famiglia Ananas in vacanza a Dresda e il coordenament e la animanzion dai Cjastrons.

Dongje di chescj piçui segnâi positîfs – al è clâr che nus plasarès viodi dute la eticheture dal lat ancje par furlan, compagn che il materiâl di promozion di Sapori di Pro Loco – a son altris che a van in dute une altre direzion. Magari cussì no, dongje dal Blanc al è ancje il neri.
Cheste situazion, che lant daûr dai Pink Floyd o podaressin clamâle ‘the dark side of the moon’, e ven palesade ben des declarazions publichis dadis fûr tai dîs passâts de bande dal assessôr regjonâl pe culture, che al à lis deleghis ancje pes minorancis linguistichis.

Di ce che si lei achì e daûr dai criteris che a son stâts sielzûts par spartî i bêçs pai programs radiotelevisîfs par furlan, al salte fûr un mix pericolôs tra scjarse competence, une cierte superbie e une volontât nancje masse platade di volê scjafoiâ lis politichis linguistichis e di tutele.
In cierts moments al somee dificil cjatâ diferencis tra l’assessôr regjonâl di cumò e chel di prime.

Une altre brute sensazion e je chê che e rive dai bants pai contribûts regjonâi pes ativitâts culturâls, dâts fûr che nol è tant, là che il prin motîf di esclusion al è propit chel de valorizazion des lenghis minoritariis.
Al è dificil no cjatâsi in cunvigne cun ce che a scrivin tal blog dal Comitât pe autonomie e pal rilanç dal Friûl, là che si cjate, in forme di domande, une sorte di denuncie di apartheid culturâl.

Al passe il timp, ma l’apel al è simpri chel: Debora, fai una cosa di sinistra. Fai cosa di civiltà, fai una cosa….

Standard
Articui 2014, Atualitât, Friulanofobie

La Europe o sin ducj nô. Ancje il Friûl

Vuê o sin ai 9 di Mai e, cemût che al è just, si ricuardìn ancje nô de Zornade de Europe.

propit vuê al è jessût ancje un nestri gnûf articul sul Quotidiano, che al è propit dedicât ae Europe, chê che e je e chê che e mancje. Al è un resonament gjenerâl, che propit par chel al tocje ancje chê part de Europe che si clame Friûl. Daûr di une segnalzion di une nestre letore, o vin dât un cuc ancje te direzion di un ciert europeisim che magari cussì no al riscje di fâi cuintri ae idee di Europe ‘unide te diversitât’.

Lu cjatais ancje achì. Buine leture e buine Zornade de Europe.

UE. LA FIESTE DE EUROPE, LIS ELEZIONS, LIS CONTRADIZIONS E LA DIBISUGNE DI PLUI «UNITÂT TE DIVERSITÂT»

La Europe o sin ducj nô. Ancje il Friûl

Vuê e je la Zornade de Europe: une ocasion speciâl di fieste, di riflession e di cognossince in cont dal procès di integrazion continentâl e de citadinance europeane. Cheste date e je stade sielzude ancjemò tal 1985 par vie che propit ai 9 di Mai dal 1950 il ministri pai afârs forescj dal Stât francês, Robert Schuman, al fevelà a Parîs di pâs e di Europe, inviant in cualchi maniere chel cantîr che al è inmò in vore, compagn di chel de Sagrada Familia di Barcelone.

La idee pandude te “Declarazion Schuman” e jere sei semplice che e impegnative: par vê la pâs i Stâts europeans, i protagoniscj principâi dai doi conflits mondiâi de prime metât dal Nûfcent, a vevin di metisi adun, a tacâ de colaborazion tal cjamp economic e po ancje ta chei altris setôrs, cun chê di fâ sù istituzions politichis comuns e intune prospetive di unitât federâl.

Dopo tancj agns no si pues dineâ che chê idee e jere juste: cun dut des tantis contradizions che a àn segnât la costruzion de unitât europeane e che si palesin soredut di un pôc di timp incà, no podìn fâ di mancul de Europe.
Però nus covente une Europe divierse di chê che masse dispès e somee jessi dome “des bancjis e dai burocratis”.
Nus covente une Europe, là che a contin di plui i citadins e mancul i Stâts e là che a valin di plui lis personis, i teritoris, lis comunitâts e mancul la finance, i interès e i afârs di pôcs di lôr: une Europe plui unide, plui solidarie e plui europeane.

Di cheste Europe a fevelin in pôcs, almancul tra i candidâts aes elezions dai 25 di Mai, stant che di une bande si stente in gjenerâl a viodi la Europe tai programs e te propagande e di chê altre, se l’argoment al ven frontât, e je une polarizazion tra un antieuropeisim vecjo, ideologjic, nostalgjic e ipernazionalist e un ciert europeisim che si mostre superficiâl, e masse “cjacaris e distintîf”, tra bandierutis blu e sprocs disvuedâts di sostance.

Cussì, ae idee e ae prospetive de unitât de Europe no ur fasin cuintri dome l’antieuropeisim e lis contradizions de UE, ma in maniere plui o mancul cussiente ancje tancj di chei che a disin di jessi a pro. Un esempli – daûr di une segnalazion che nus à rivade di une nestre letore – al è chel di “Beurope”: e je une biele iniziative che si davuelç in chescj dîs a Udin propit cun chê di promovi, massime tra i plui zovins, la cussience europeane e la cognossince de Europe, a tacâ de sô dimension multiculturâl, però e somee dismenteâsi che in cheste dimension plurâl al esist ancje il Friûl cu lis sôs lenghis.

Forsit, daûr de Europe “unide te diversitât” e dopo dai manifescj par furlan pai 25 di Avrîl e des declarazions dal sindic sul furlan “lenghe de Resistence”, la nestre letore si spietave publicitât bilengâl e riferiments specifics ae nestre realtât tal chel program, che impen al somee jessi chel stes che al sarès a Mantova o a Foggia.

Cun dut achel, la Europe o sin ducj nô. E ancje il Friûl.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

Standard