Articui 2014, Atualitât, Friulanofobie

La Europe o sin ducj nô. Ancje il Friûl

Vuê o sin ai 9 di Mai e, cemût che al è just, si ricuardìn ancje nô de Zornade de Europe.

propit vuê al è jessût ancje un nestri gnûf articul sul Quotidiano, che al è propit dedicât ae Europe, chê che e je e chê che e mancje. Al è un resonament gjenerâl, che propit par chel al tocje ancje chê part de Europe che si clame Friûl. Daûr di une segnalzion di une nestre letore, o vin dât un cuc ancje te direzion di un ciert europeisim che magari cussì no al riscje di fâi cuintri ae idee di Europe ‘unide te diversitât’.

Lu cjatais ancje achì. Buine leture e buine Zornade de Europe.

UE. LA FIESTE DE EUROPE, LIS ELEZIONS, LIS CONTRADIZIONS E LA DIBISUGNE DI PLUI «UNITÂT TE DIVERSITÂT»

La Europe o sin ducj nô. Ancje il Friûl

Vuê e je la Zornade de Europe: une ocasion speciâl di fieste, di riflession e di cognossince in cont dal procès di integrazion continentâl e de citadinance europeane. Cheste date e je stade sielzude ancjemò tal 1985 par vie che propit ai 9 di Mai dal 1950 il ministri pai afârs forescj dal Stât francês, Robert Schuman, al fevelà a Parîs di pâs e di Europe, inviant in cualchi maniere chel cantîr che al è inmò in vore, compagn di chel de Sagrada Familia di Barcelone.

La idee pandude te “Declarazion Schuman” e jere sei semplice che e impegnative: par vê la pâs i Stâts europeans, i protagoniscj principâi dai doi conflits mondiâi de prime metât dal Nûfcent, a vevin di metisi adun, a tacâ de colaborazion tal cjamp economic e po ancje ta chei altris setôrs, cun chê di fâ sù istituzions politichis comuns e intune prospetive di unitât federâl.

Dopo tancj agns no si pues dineâ che chê idee e jere juste: cun dut des tantis contradizions che a àn segnât la costruzion de unitât europeane e che si palesin soredut di un pôc di timp incà, no podìn fâ di mancul de Europe.
Però nus covente une Europe divierse di chê che masse dispès e somee jessi dome “des bancjis e dai burocratis”.
Nus covente une Europe, là che a contin di plui i citadins e mancul i Stâts e là che a valin di plui lis personis, i teritoris, lis comunitâts e mancul la finance, i interès e i afârs di pôcs di lôr: une Europe plui unide, plui solidarie e plui europeane.

Di cheste Europe a fevelin in pôcs, almancul tra i candidâts aes elezions dai 25 di Mai, stant che di une bande si stente in gjenerâl a viodi la Europe tai programs e te propagande e di chê altre, se l’argoment al ven frontât, e je une polarizazion tra un antieuropeisim vecjo, ideologjic, nostalgjic e ipernazionalist e un ciert europeisim che si mostre superficiâl, e masse “cjacaris e distintîf”, tra bandierutis blu e sprocs disvuedâts di sostance.

Cussì, ae idee e ae prospetive de unitât de Europe no ur fasin cuintri dome l’antieuropeisim e lis contradizions de UE, ma in maniere plui o mancul cussiente ancje tancj di chei che a disin di jessi a pro. Un esempli – daûr di une segnalazion che nus à rivade di une nestre letore – al è chel di “Beurope”: e je une biele iniziative che si davuelç in chescj dîs a Udin propit cun chê di promovi, massime tra i plui zovins, la cussience europeane e la cognossince de Europe, a tacâ de sô dimension multiculturâl, però e somee dismenteâsi che in cheste dimension plurâl al esist ancje il Friûl cu lis sôs lenghis.

Forsit, daûr de Europe “unide te diversitât” e dopo dai manifescj par furlan pai 25 di Avrîl e des declarazions dal sindic sul furlan “lenghe de Resistence”, la nestre letore si spietave publicitât bilengâl e riferiments specifics ae nestre realtât tal chel program, che impen al somee jessi chel stes che al sarès a Mantova o a Foggia.

Cun dut achel, la Europe o sin ducj nô. E ancje il Friûl.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

Advertisements
Standard
Atualitât, Dome pal blog, Par ridi (?), Politiche

‘Italicum’: «nomen omen»

Lu clamin ‘Italicum’ e al è il progjet di gnove leç eletorâl pal Parlament talian.
Di ce che si viôt, al somee un proviodiment fat di pueste par limitâ rapresentance, partecipazion politiche e paritât.

Par sigûr la leç eletorâl in discussion e fâs cuintri aes minorancis linguistichis e in particolâr a sarts e furlans, cemût che al ven sclarît achì.

Tai ultins dîs, tra lis altris juste dongje dai 8 di Març, al salte fûr che chê che si vûl che e sedi la gnove leç eletorâl e je cuintri de paritât tra om e femine.

Cuintri de rapresentance, de partecipazion politiche e de paritât.
Che al sedi câs di dî «nomen omen»?

Standard
Articui 2013

Une Regjon divierse par un Friûl diferent (…)

O vevin dit che o varessin scrit alc in cont des elezions. O vin provât a fâlu chê altre dì su lis pagjinis dal “Quotidiano”.
Cualchi letôr, dopo che e je saltade fûr la gnove de definizion de gnove Zonte regjonâl, nus à scrit che o jerin stâts masse otimiscj.

Daûr de atribuzion des deleghis o scugnìn ameti che cualchi dubi lu vin vût ancje nô. Par esempli al ven di domandâsi dulà che a son ladis a finîle lis lenghis minoritariis e la lôr tutele, stant che no si cjatin menzonadis di nissune bande, almancul par cumò. E chest nol è un biel segnâl.

Cun dut achel, daûr de esperience dai ultins 5 agns, o sin sigûrs che cuntune altre maiorance o saressin metûts inmò piês…

E alore, zontant trê ponts di sospension tra parentesi al titul origjinari e tornant a domandâ che almancul cualchidun al fasi il “beau gest” di zurâ ancje par furlan, par sloven o par todesc par marcâ une prospetive di cambaiment, ve chi l’articul saltât fûr Vinars stât.

ELEZIONS. I RISULTÂTS A MOSTRIN LA ATUALITÂT E LA COMPLESSITÂT DE CUISTION FURLANE

Une Regjon divierse par un Friûl diferent

Lis votazions aministrativis no si son ancjemò sieradis dal dut. Cun dut achel, daûr di ce che al è saltât fûr des urnis dôs setemanis indaûr a son za avonde elements par fâ une riflession, soredut di un pont di viste furlan.

Il prin dât che al salte fûr al è chel dal astensionisim. Si pues calcolâlu no dome in linie cun chê tendence gjenerâl che e viôt in dut il Stât talian un numar simpri plui alt di citadins che no van a votâ, ma ancje tant che une conferme di chê mancjance di rapresentance e di rapresentazion che par nestri cont e je une des dificoltâts di fonde dal Friûl.
Chest probleme al jere stât frontât ancje de bande dal diretôr dal mensîl “La Patrie dal Friûl” che tal numar di Avrîl, prime des votazions, al veve scrit di un «Friûl dineât te urne».

Chê valutazion e jere par sigûr valide cuant che e je stade fate indenant. Cun di fat, almancul a cjalâ simbui e listis, di Friûl te urne si’nt cjatave pardabon pôc. Sul plan dai nons e dai simbui nol jere tes regjonâls e si rivave a viodilu in cualchi maniere dome tes elezions provinciâls, tra la sigle dal MAF (“Movimento autonomista friulano”) e chê dal Front Furlan (FF): il prin, adun cu la Lega Nord e cui varis partîts di centridrete inflochetâts di tricolôrs (ma chei di “Identità e Innovazione” no vevino scrit che «il peggior nemico … è il nazionalismo»?); il secont a cori par so cont cuntune cierte confusion programatiche e cualchi buine idee, a tacâ de alteritât declarade rispiet ae vision “italopadana” de coalizion di centridrete. Cheste clarece, pûr limitade, e je stade premiade, cun 10mîl vôts pal FF e 2mîl vôts di plui pal so candidât president, intant che il MAF, che piês di chel (2,06%) e à fat dome la liste “Scelta adesso”, al à paiât lis sôs contradizions e chês de sô coalizion, che però e a cjapât la Provincie.

Tes regjonâls il Friûl nol jere tai simbui ma vie pe campagne eletorâl al è saltât fûr tes cjoltis di posizion cuintri de fantomatiche «macroregione del nord» e a pro di dirits, lenghis, sostenibilitât economiche e coesion sociâl. Diviers candidâts dal centriçampe si son esprimûts in cheste maniere e une base teoriche e programatiche di cheste fate – e cun chê cualchi candidât tes listis che a poiavin Debora Serracchiani – e je stade ufierte a chê coalizion de bande dal gnûf progjet politic “Un Friûl Diferent”.

Il centriçampe al à cjapât vôts soredut tes areis metropolitanis e tes zonis cussì clamadis “rossis” – e duncje no in dut il il Friûl – ma chest nol vûl dî ni che il Friûl al va a drete ni che il Friûl al sedi stât «dineât». Anzit: il sucès di cierts candidâts plui atents viers chescj temis, il ridimensionament di cierts “visitors” che a son vignûts «in Frìuli» e l’impat limitât sul vôt pes regjonâls dai pastroçs che in chei dîs si fasevin in Parlament a Rome a confermin la atualitât e la complessitât de “cuistion furlane”, massime intune prospetive di cambiament.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

03/05/2013

Standard
Articui 2012

Par jessi coerents cu la memorie e cu la prospetive di cambiament

Cualchi letôr dal blog nus à fat savê cui siei messaçs e-mail che tal nestri post pai 25 di Avrîl l’articul publicât che si riferive ancje al prin di Mai e ae Zornade de Europe nol jere cussì clâr in cont de Fieste de Liberazion. O ringracìin pe osservazion e o pensìn che e sedi avonde juste, stant che chel toc al saltave fûr propit ai 9 di Mai dal 2011 e duncje al pontave la sô atenzion soredut sul inovâl de declarazion Schuman.

Alore o zontìn un altri articul, jessût un an indaûr, là che, magari in maniere parziâl, par vie che si cjate dongje di altris argoments, al è un riferiment avonde clâr ae impuartance de Resistence, dal antifassisim e de Liberazion in Friûl.

Il fat che chel che l’an passât al jere il sindic di Faedis cumò al sedi il conseîr regjonâl dal Pd plui votât te provincie di Udin no nus somee cussì casuâl.
O pensìn che nol sedi casuâl nancje il fat che te sô capagne eletorâl al vedi pontât la sô atenzion su lis cuistions che a tocjin la valorizazion de diversitât linguistiche e culturâl, la garanzie di dirits di fonde tant che chei linguistics, il lavôr che al è e chel che al mancje, i zovins, lis specificitâts de comunitât teritoriâl che e ten dongje il Friûl e Triest, la atenzion pe dimension europeane e duncje il refût di chê fufigne propagadistiche (e di chel refudum concetuâl) che e je la “macroregione del nord”.
Nol è casuâl parcè che a son argoments che si cjatin ancje tal document che “Un Friûl Diferent” al veve condividût cun Debora Serracchiani intun incuintri public ai 28 di Març.

Nol varès di jessi casuâl, a chest pont, che la gnove presidente de Regjon e i gnûfs conseîrs, massime chei che su chestis cuistions a àn cjapât posizion ancje daûr di solecitazions rivadis des associazions che a àn poiât il za menzonât document “Lingue proprie, fonte di autogoverno e opportunità di crescita per tutti”, a fasedin il lôr zurament ancje tes lenghis “altris” dal Friûl-VJ.

Al sarès un prin segnâl. Che si à chê di cambiâ musiche, di jessi speciâi, di jessi normâi, di jessi diferents. E di no jessi «cjacaris e distintîf».

FORME E SOSTANCE. IL “BEAU GESTE” DI SHAURLI CUN NAPOLITANO: UNE OASI TAL DESERT?

Ats simbolics, documents e «cjacaris e distintîf»

«Sâr President, benvignût in Friûl. Gospod Predsednik, dobrodošli v Furlaniji. Sehr geehrter Herr Präsident, willkommen in Friaul». Il President de Republiche Taliane al è vignût in Friûl e lu àn saludât in tancj di lôr: la int e i sorestants. Nol sarès stât mâl che cualchidune des autoritâts di chenti e ves dât il benvignût ae cjarie plui alte dal Stât ancje par furlan, par sloven e par todesc.
Al varès parût bon sei par pandi in maniere plui cjalde e plui rapresentative il bon acèt pal ospit de bande de nestre int, sei par fâi onôr ae persone e ae istituzion e mostrâ che la plui part di nô – lu confermin ancje i scandais fats in chescj ultins agns cul jutori de aministrazion regjonâl – o sin di lenghe furlane, di lenghe slovene o di lenghe todescje e cun chest o volin jessi citadins talians cun dignitât e dirits compagns di chei altris, daûr di ce che e dîs la Costituzion, a tacâ dai principis di fonde che si cjatin tai siei articui 2, 3 e 6. E ricuardâ ancje che cheste specificitât, in dì di vuê ancjemò di plui che tal passât, e je la fonde de autonomie speciâl de regjon Friûl-VJ, intant che par chest la nestre int e à vût patît a fuart la ditature fassiste ma e à ancje scombatût, cun fuarce e cun soference particolârs, pe liberazion e pe costruzion de Republiche che vuê Giorgio Napolitano al è il so president.

Magari cussì no, a Udin, a Glemone, a Dieç, a Cjargnà e a Pordenon, nissun dai sorestants al à rivât a fâ un pensament e duncje une azion di cheste fate. Par fortune, impen, a Faedis al è sucedût. Cun di fat, il sindic al à ricuardât, doprant ancje furlan e sloven, la specificitât dal so Comun (e o pensìn che se al fos stât sindic di Tarvis o Malborghet, al varès saludât ancje par todesc).
Cristiano Shaurli al à fat ancje alc di plui, sei cul so discors, coret te analisi storiche e te prospetive, sei cul fat che i à consegnât a Napolitano un document, prontât dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482, che al ten dongje associazions e altris entitâts des minorancis linguistichis furlane, slovene e gjermaniche dal Friûl. Te sô letare vierte, il Comitât al domande l’intervent dal president, tant che “garant de Costituzion”, par che a vegnin metudis in vore ad in plen lis leçs di tutele e duncje par che a vegnin garantîts pardabon chei dirits ricognossûts in tiermin formâi de Leç fondamentâl de Republiche e di ches altris normis specifichis, cemût che a domandin ancje in Europe.

Chel di Faedis al è un at piçul, ma al devente grandonon denant dal cidinôr e de cjacaris di tancj di lôr.
In chescj dîs, par esempli, al è tornât a saltâ fûr il câs de precarietât di Onde Furlane, che e fâs un servizi public unic tal cjamp de culture e de informazion par furlan e par chest e varès di vê un jutori garantît de bande des istituzions e no lu à.
Un câs che al mostre che ancje chi nô no mancjin chei che a son dome «cjacaris e distintîf», soredut se il distintîf al è chel de acuile dal Friûl.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

01/06/2012

Standard
Comunicâts, Dome pal blog

Vonde cjapâ pal boro i Furlans!

No sin i unics che a pensin la “macroegione del nord” no sedi in stât di puartâ nuie di bon pal Friûl e pai Furlans.
Cheste e je la opinion ancje di UN FRIÛL DIFERENT, gnûf progjet politic pal Friûl di vuê e di doman, che si presente cussì, cemût che si lei ta chestis riis che a compagnin il comunicât pe stampe dât fûr îr, che al tocje popit chest argoment:

Un Friûl Diferent è un soggetto politico che si è formato da poco più di un mese e si pone l’obiettivo di interpretare la “Questione Friulana” secondo una logica progressista, nei suoi aspetti economici, sociali e culturali. Nella attuale compagna elettorale per le elezioni regionali ed amministrative appoggia le coalizioni di centro-sinistra ed i candidati che hanno partecipato al suo percorso costitutivo. Nelle settimane scorse ha organizzato una conferenza stampa con Debora Serracchiani in cui sono state evidenziate in particolare le potenzialità di una regione multilingue. Sono state poi effettuate tre iniziative pubbliche a Treppo Grande, Muzzana del Turgnano e S. Pietro al Natisone per approfondire, anche assieme ai candidati alle regionali Cristiano Shaurli (PD), Lorenzo Croattini (Cittadini per Debora Serracchiani), Angelo Tomasin e Roberto Dapit (SEL), i temi dell’adeguamento del territorio del Friuli-Venezia Giulia alle nuove tecnologie del web, della politica linguistica regionale e dello spazio Europeo come primario spazio di riferimento per una regione rifondata.
Con questo comunicato si ritiene necessario prendere posizione sulla follia rappresentata dalla adesione di Tondo alla cosiddetta “macroregione del nord”.

Ve chi ce che a scrivin in cont de “macroregione del nord” chei di UN FRIÛL DIFERENT:

UN FRIÛL DIFERENT

Comunicato stampa

TONDO VUOLE LA MACROREGIONE, MA IL FRIULI HA BISOGNO DI BEN ALTRO

“VONDE CJAPÂ PAL BORO I FURLANS !”

Ormai per i voti si può fare di tutto aldilà di ogni coerenza.
Se andate a leggere le dichiarazioni ed il programma di Renzo Tondo, candidato presidente della Regione Friuli-VG per il centro-destra troverete espressa la volontà di superare e quindi abolire le Province. La stessa coalizione si presenta alle elezioni provinciali di Udine con candidato Pietro Fontanini, ed il suo programma è centrato proprio sul rilancio ed il mantenimento di questa istituzione: anzi una delle forze di supporto, il MAF (Movimento autonomista friulano) proprio per questo motivo, in nome di un articolato ragionamento sulla sussidiarietà, si schiera con il centro-destra.
Tondo dichiara di voler rilanciare l’autonomia speciale del Friuli-VG, chiedendo nuove materie di competenza esclusiva, e costruisce una lista di supporto personale denominata “autonomia responsabile”; contemporaneamente firma un patto con le Regioni Lombardia, Piemonte e Veneto, per sancire la costituzione della cosiddetta “macroregione del Nord”, di fatto una istituzione più politica che territoriale, il cui unico scopo è quello di rafforzare il legame politico tra Berlusconi e i suoi seguaci con la Lega Nord di Maroni,
Ma cosa “ci azzecca” la macroregione del Nord con il Friuli-VG?
Semplicemente il riconoscimento della condivisione di obiettivi di autonomia fiscale (i 7,5 decimi delle tasse versate nel territorio) per la Lombardia, il Piemonte e il Veneto, più o meno le entrate che oggi sorreggono la “specialità devastata”, dall’esterno e dall’interno, del Friuli-VG.
Per UN FRIÛL DIFERENT non c’è alcun pregiudizio a che il sistema regionale italiano si possa riformare con gradi di autonomia ben più adeguati di quelli attuali e siamo contro ogni visione centralizzatrice statale come risposta ai temi della crisi sociale ed economica. E siamo anche convinti che è in una Europa più democratica e meno ostaggio dei banchieri che potremo trovare una risposta adeguata alla crisi ormai irreversibile di sovranità che coinvolge gli stati nazionali.
Ma riteniamo che porre la questione della macroregione sia un modo per prendere in giro i cittadini e porre questioni che spostano dalla realtà. Ben altri sono i temi che invitano oggi a gestire e rifondare la specialità del Friuli-VG. Il Friuli-VG è una regione connotata dalla presenza di una pluralità di gruppi linguistici storici (friulano, italiano, sloveno e tedesco), e da una forte nuova emigrazione proveniente da varie parti del mondo, anche se prevalentemente dell’est europeo. E’ una regione geograficamente proiettata nell’Europa centrale, tra Alpi Orientali e Nord Adriatico ed ha bisogno di strumenti specifici per gestire la sua trans-statalità e la sua multiculturalità in tutti i suoi aspetti territoriali, sociali ed economici.
Tondo lasci perdere i suoi compagni di strada inattendibili ed eviti di blaterare di cose impossibili ed anche illegittime con cui dichiara di voler contraddistinguere i primi 100 giorni del suo “nuovo” mandato: se non lo ha fatto nei 1800 giorni precedenti è logico, e forse anche sperabile, che non lo farà neanche in futuro.

UN FRIÛL DIFERENT Udine, 18 aprile 2013

Standard
Articui 2012

Lenghis propriis, dirits, democrazie e disvilup par ducj

Vuê a Udin, a Palaç Mantica, il Comitât / Odbor / Komitaat / Comitato 482, che al ten dongje associazions e altris entitâts espression des comunitâts linguistichis furlane, slovene e gjermaniche dal Friûl al presente ae stampe a al public il document “Lingue proprie, fonte di autogoverno e opportunità di crescita per tutti”.

Il test al è stât condividût cuntune schirie di associazions e al è stât sometût ai candidâts ae presidence de Regjon Friûl-VJ e ai rapresentants des listis che ju sostegnin.
L’incuintri di vuê al sarà une ocasion, di une bande, par confrontâsi in public sui contignûts dal document cui candidâts ae presidence e al Consei regjonâl che a saran presints e, di chê altre, par fâ cognossi ce rispuestis che a àn vût lis osservazions e lis domandis fatis indenant dal Comitât.

Par plui resons no son tancj motîfs par jessi otimiscj.
Tra la riduzion des risorsis a pro di lenghis, tutele e dirits linguistics, la mancjance sostanziâl di politiche linguistiche e azions positivis di normalizazion e iniziativis “spot” che a àn fat plui dam che altris, i ultins agns a àn segnât un tornâ indaûr preocupant in chest cjamp che al tocje dirits di fonde, patrimoni culturâl, oportunitât di disvilup sociâl e economic e esercizi de autonomie speciâl de Regjon.
A son ducj motîfs bogns par cambiâ.

Che la situazion e sedi avonde grivie al è saltât fûr a clâr ai 24 di Novembar dal 2012, in ocasion de Conference regjonâl su la tutele de minorance linguistiche furlane, cemût che o scrivevin achì:

LENGHE FURLANE. UNE RIFLESSION SU LA CONFERENCE REGJONÂL DAI 24 DI NOVEMBAR

Leç 29/2007, a mancjin i fats, lis azions e i risultâts

Al va ben che la Regjon si movi – ancje se planc plancuç e tarts – par fâi cuintri aes azions dal Guvier che a menacin la lenghe furlane, i dirits linguistics dai citadins e la lôr tutele, cemût che o vin za segnalât su chestis pagjinis. Ma se chê stesse no si môf par meti in vore almancul in maniere decente la legjislazion regjonâl, al è dificil che la volontât declarade di difindi lenghe, dirits e dignitât e vedi une cualchi credibilitât dentri tai palaçs di Rome.

Propit la mancjance di credibilitât di cui che al comande a Triest e sul Friûl e la mancjance di fats, di azions e di risultâts in cont di ce che e previôt la Leç 29 dal 2007 a son saltadis fûr ad in plen sabide ai 24 di Novembar, cuant che a Udin si à davuelte la prime Conference regjonâl su la tutele de minorance linguistiche furlane. Dut chest al è stât palesât tes relazions tecnichis de ultime part de matinade e in cualchidun dai intervents dal dopomisdì, ma salacor al à cjatât la sô rapresentazion plui evidente tal numar, grandonon, des sentis vueidis dentri dal Auditorium di Vie Sabbadini.

Il vueit te sale al è stât argoment di un ciert dibatiment sui gjornâi e inte rêt tai dîs seguitîfs. Tai palaçs di Udin e Triest al jere cui che si justificave fevelant di une organizazion fate con premure o marcant il caratar tecnic dal incuintri che al varès tignudis lontanis lis massis popolârs. Al pues stâi che a vedin ancje une cualchi reson – e il fat che il cartel denant de puarte dal Auditorium nol fos stât fat par furlan e nol fos nancje bilengâl al da la idee di une cierte improvisazion se no propit di menefreghisim o di alc ancjemò piês – ma nus somee che la int no si è dade dongje te conference par altris motîfs. Soredut parcè che la plui part di lôr a savevin za che daûr des declarazions altitonantis in cont de impuartance des minorancis linguistichis e de lôr tutele al jere il vueit di fats, di ideis, di strategjiis e di prospetivis.

I presints a jerin, di une bande, un pôcs dai responsabii di chest vueit, che il lôr nivel di responsabilitât si pues misurâlu in maniere proporzionâl invierse cu la durade de lôr presince e direte cul vueit des lôr peraulis. E di chê altre, un pôcs di chei che a lavorin cun passion e cun competence cu la lenghe furlane, a pro di lenghe, culture e dirits, e che tai lôr intervents a àn tornât a fâ propuestis e a domandâ che si meti in vore la leç cun sintiment. Che si metin adun i struments di programazion che ancjemò a mancjin. Che a sedin garantîts ûs e insegnament de lenghe tes scuelis e che duncje la Regjon si cjapi sù ancje par chest dutis lis competencis su la istruzion. Che a sedin lis cundizions previodudis de normative pal ûs public dal furlan e pe sô presince cualificade tai media. Che si metin i bêçs che a coventin là che al covente, daûr di criteris di cualitât, di continuitât e di eficacitât.

Magari cussì no, no àn vude nissune rispueste.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

07/12/2012

Standard