Atualitât, Culture, Friulanofobie, Par ridi (?), Storie

Se la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl

Chês telenovelas, che si podarès dâur il titul di «Mamma, ho perso il Friuli» e «Mamma, ho perso il friulano» e che o cognossìn avonde ben su chescj schermis za di un pôc di timp, si insiorin di altris gnovis pontadis.

Di une o scrivarìn plui indenant. Chê altre le vin discuvierte inte suaze di Friuli Doc, là che sabide ai 10 di Setembar e je stade fate la sô presentazion.

La iniziative Si clame Inmyland. Indagine su un friulano al di sopra di ogni sospetto e e varès di jessi un scandai su lis ideis che lis personis che a vivin in Friûl a àn di se e de lôr tiere.

Daûr di ce che o vevin scoltât, la ricercje, metude adun dal Laboratori di Sociologjie dal Dipartiment di Lenghis e leteraturis, comunicazion, formazion e societât de Universitât dal Friûl, nus someave une vore interessante.
Chê stesse impression positive e vignive confermade dal sottitul, cun chel riferiment esplicit al mitic film di Elio Petri cun protagonist Gian Maria Volontè, che tra l’altri al fâs vignî daurman la voie di cjantuçâ il teme principâl de sô bande sonore componude di Ennio Morricone.
Però al jere alc che no nus convinceve: il titul nol prometeve nuie di bon.

Magari cussì no, cul savê di dopo, nus tocje dî che chel al jere just il spieli di ce che o varessin cjatât, cul lâ sul sît .

Cun di fat, o vevin gole di viodi, di cognossi e di capî. O vin cjatât une biele homepage, ma al jere daurman alc che nol leve.

Forsit o sin masse esigjents o fintremai sofisticâts, ma o pensìn che se e je une robe che e tocje il Friûl chê e varès di jessi ancje par furlan, par sloven e par todesc. Soredut se e je une robe che e ven fate di chel Ateneu che al è stât metût dongje cun chê di «di contribuire al progresso civile, sociale e alla rinascita economica del Friuli e di divenire organico strumento di sviluppo e di rinnovamento dei filoni originali della cultura, della lingua, delle tradizioni e della storia del Friuli».

E impen: nuie ce fâ, compagn di milante altris voltis.

Cundut achel, o sin lâts dilunc e o vin viert la pagjine dal Cuistionari, là che o vin cjatade la prime domande.
E je la classiche domandute par tacâ – «Quando sei in Friuli stai bene?» – là che lis pussibilitâts di rispueste son dome che dôs: o sì o no.

Dopo vê rispuindût di sì, o sin lâts indenant e o vin cjatât la seconde e in chel moment o vin vût… pôc ben.

Parcè? Parcè che la domande e je cheste:
«Secondo te, il Friuli coincide con la provincia di Udine?»
(E za li:… no comment!)

E chestis a son lis rispuestis pussibilis:
«Sì
Sì, ad eccezione delle Alpi Carniche e delle Alpi Giulie
No, include anche parte della provincia di Pordenone
No, include anche parte della provincia di Gorizia
No, include sia parti della provincia di Pordenone che di Gorizia
No, include tutta la regione
No, include tutta la regione e anche altri territori (ad esempio Sappada)»
.

Al è evident che al mancje alc. Prin di dut no je – tra lis opzions – la rispueste che e varès di jessi: la definizion di Friûl, in tiermins obietîfs, storics e gjeografics, daûr di une tradizion lungjonone, di duments e di studis, che i studiâts de Universitât a varessin di cognossi. Ven a dî che il Friûl al è chel toc di Europe e di mont che al sta tra lis Alps e l’Adriatic, la Livence e il Timau e che al cjape dentri lis provinciis di Udin, di Gurize, di Pordenon, il mandament di Puart e Sapade.

Cun di plui nol è nancje un spazi in blanc par podê scrivi chê rispueste o altris ancjemò.

Cussì, stant che, se no si rispuint no si va indenant, in chês cundizions non podevin rispuindi in nissune maniere e duncje o vin scugnût molâ, cul marum di vê sperimentât «one more time» (dit par inglês…) che la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl.

Magari cussì no, si podarès calcolâle tant che la discuvierte de aghe cjalde…

Massime se si ten cont che tra chei che i àn lavorât daûr al è ancje cui che timp indaûr al scriveve, cun grande cunvizion, che i Nazionalisti friulani a jerin nazionaliscj furlans cence inacuarzisi che a son dome nazionaliscj «italianissimi» in Friûl.

I vûl studiât e i vûl sa(v)ût. E no dome par fâ scliçôts.

Advertisements
Standard
Atualitât, Culture, Media, Politiche

Conoscenza o ‘con o senza’? O ‘senza’ e vonde? (2016)

Di vuê a domenie a Udin si davuelç la seconde edizion di “Conoscenza in festa”, event di trê dîs dedicât ae cognossince, ae universitât e al rapuart tra savê e societât che al à clamât dongje i retôrs des Universitâts dal Stât talian, professôrs e studiôs innomenâts e altri esperts e ‘opinion leaders’ talians.

La manifestazion, compagn di dal an passât, e je une vore interessante. Ma salacor e je ancje (ancjemò di plui?) preocupante.
Par chel a valin – almancul di ce che o viodìn par cumò – dutis lis osservazions che o vevin fat in cont de prime edizion .

Cun di fat, ancje chest an al è une vore fuart il dubi che dentri di dute cheste cognossince al mancji alc di (avonde?) impuartant, ven a dî chel che al ven clamât il teritori e che tal nestri câs al à un non precîs: si clame Friûl. O ben che a’nt sedi masse pôc.

In tiermins positîfs si pues preseâ il fat che al vegni ricuardât l’inovâl dal taramot dal 1976 e che al vegni memoreât Giulio Regeni. Rispiet al an passât, cuant che l’unic rapuart cul Friûl ricognossût al jere il fat che tal 1915 «Udine era la capitale della guerra», al è par sigûr un pas indenant. Al sarès stât piês se a vessin volût memoreâ il centesim inovâl «de rivade de Italie intune part dal Friûl», magari doprant la definizion di «jentrade dal Friûl in Italie».

Di chê altre bande, nus somee che chê che par furlan nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, cun dut de sô storie, de sô leç istitutive e dal so statût, e mostre di jessi un altri viaç une Universitât che no sa ce che e je e dulà che si cjate.

Ancje in cheste ocasion no son stadis tiradis fûr lis lenghis (furlan, sloven e todesc) te comunicazion e in gjenerâl si stente a viodi palesadis pardabon sei la vocazion europeane e internazionâl dal Friûl e de sô Universitât che un leam fuart, positîf e cussient tra l’Ateneu, il teritori e la sô int.

Magari chi di trê dîs o discuvierzarin che no jere cussì e che la nestre preocupazion e jere falade.
Però, pal moment, o sin pardabon scaturîts e preocupâts, massime dopo vê viodût chel avion parcât (in diviet di soste???) denant de Loze dal Lionel.

Standard
Atualitât, Culture, Storie

«Identità culturale del Friuli»…o gnove (e vecje) disidentitât?

«C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d’antico». La presentazion dal progjet L’Identità Culturale del Friuli, che e je stade fate îr a Udin, nus à fat tornâ iniments la poesie di Pascoli ‘L’aquilone’.

Chê ispirazion poetiche e diven di ce che o vin let e di ce che nus àn contât in cont dal incuintri che al è stât alì de Fondazion Crup, là che rapresentants autorevui di innomenadis istituzions di chenti si àn dât adun par presentâ une colaborazion cun chê di «mettere il Friuli, la sua cultura e la sua identità al centro di una riflessione ampia e di prospettiva».

Il fat che plui sogjets si dedin dongje cuntune finalitât colaborative e cuntune atenzion positive viers de identitât dal Friûl nus somee pardabon une biele novitât. Nus plâs e nus colpìs ancjemò di plui il fat che a fâlu a sedin chês istituzions alì, che pal plui a àn fat tantis robis ognidune par so cont e che, soredut cualchidune di lôr, no à mai mostrât ni grande atenzion ni grant interès pe cognossince, pe promozion e pal disvilup de identitât dal Friûl.

Nus somee pardabon alc di gnûf e di bon, massime dopo vê let che l’intindiment di ducj al è chel di «portare a fattore comune esperienze, competenze e sensibilità diverse per riaffermare le ragioni di una realtà, forte e inclusiva, che si misura con il cambiamento della società e che guarda ai cittadini di domani». O sin ad in plen in cunvigne: la identitât e je cognossince, e je culture e soredut e je avignî.

Però al è un però. Anzit, a’nd è plui di un.
Di une bande chest progjet, almancul di ce che si viôt par cumò, si presente e si propagande dome par talian e chest nus somee pardabon in contradizion cu la identitât dal Friûl, che e je une tiere dulà che si fevelin plui lenghis (il furlan, il sloven, il todesc e il talian) e in particolâr dulà che e je une, chê furlane, che e esist, tant che lenghe autoctone, dome achì.
Di chê altre, nus àn riferît che vie pe presentazion si à fevelât di «piccola patria» e «destra Tagliamento» e si à fat riferiment al centesim inovâl de «jentrade dal Friûl in Italie» (ma o pensìn che al sedi plui just dî «de rivade de Italie intune part dal Friûl»), ae vision di Friûl che a vevin in chê volte tancj di lôr, a tacâ di Pacifico Valussi, al rapuart tra Friûl e Italie (cuant che i orizonts a varessin di jessi chei de Europe e dal Mont) e alore nus ven di domandâ «Cuâl Friûl?» e «Ce identitât? Di cui? Di ce? Parcè? Cun ce prospetive?».

Cussì il gnûf e il biel a somein lassâ spazi al brut e… al antîc, cemût che al scriveve Pascoli.

Sperìn di falâ e che cheste impression si sfanti, denant di iniziativis che a frontin il Friûl e la sô identitât in maniere corete e dinamiche, multidissiplinâr e plurâl, atente e moderne.
Al sarès pardabon un pecjât che, salacor in non de identitât dal Friûl, juste tal moment che chestis cuistions a cjapin sù ancjemò plui impuartance, e vignìs metude in vore une azion di distrazion e fintremai di distruzion, di gnove alienazion e di vecje disidentitât.

O vin voie di jessi otimiscj…

Standard