Atualitât, Politiche

La «marcetta su Gorizia» e altro marciume

Cualchidun al sperave che a vignissin fûr casins. Par fortune nol è sucedût e la “marcetta su Gorizia”, fate sabide stade di nancje mil di lôr in file par cinc, e je stade dome une brute e patetiche esibizion. Dal Friûl, di Triest e ancje de Slovenie si àn dât dongje in tancj – passe doimil – par testemoneâ cun cussience la identitât plurâl e antifassiste di chestis tieris e di chestis comunitâts, cence nostalgjie ni pe vuere ni par ce che di chê vuere al è saltât fûr.

La “marcetta su Gorizia” e je stade dome une des espressions plui evidentis e estremis – tai simbui e te forme – di chel aiar brut e puçon che si respire ator, simpri di plui, soredut di chestis bandis. Magari cussì no, nus tocje ameti che dongje di chê al è ancjemò une vore di fraidum. La presince di une assessore dal Comun di Gurize sul palc, ae fin di chê manifestazion, lu conferme inte maniere piês.

Ancje la maniere di cuvierzi i fats de bande de plui part dai media e je emblematiche. Par no fevelâ des omissions, stant che i media talians a àn dismenteât di contâ la imprese “eroiche” (si fâs par mût di dî…) di uns cutuardis di lôr che a son lâts dilà dal clap a mostrâ cetant bulos che a son, cemût che si lei achì.

Ma il piês nol cognòs limits, cemût che o savìn masse ben. Al baste pensâ al batibui saltât fûr in ocasion de manifestazion dal Prin di Mai a Triest: in cont di chest argoment o tornarìn in curt, ma intant us conseìn di lei chest articul.

A jentrin ad in plen ta cheste clime ancje lis iniziativis dal guvier statâl: l’ordin di meti fûr la bandiere taliane pai 24 di Mai – che dome a Bolzan e a Trent a àn vût la schene drete di contestâlu, intant che chi di nô nol è stât nissun che al vedi nancje viert la bocje – o la ministre de difese (o vìno di clamâle daurman «ministro della guerra», compagn dai timps gloriôs… ma dome par cualchidun?) a Triest cu la tute di gjinastiche dal esercit o ancjemò i telegjornâi a rêts unificadis che nus àn contât che ai 24 di Mai dal 1915 il Ream di Italie al jentrave in vuere cun chê di «riportare Trento e Trieste dentro il loro confini naturali» («riportare» ce e dulà? cuâi «confini naturali»? di cui?).

Stant che o sin otimiscj, o cirìn di viodi alc di positìf distès, par esempli il fat che il gnûf president de Republiche talian nol vedi masse passion di fâsi viodi a cjantâ «siam prooonti alla mooorte» e che pluitost al feveli di pâs e di Europe.
Cun di plui nus somee che al sedi alc altri di bon che si môf, cundut che la puce di fogne e di carogne a sedin fuartononis.
Ma di chest o tornarìn a scrivi chi di cualchi dì.

Intant, o ricuardìn cun plasê la mobilitazion di sabide stade a Gurize, là che in passe doimil di lôr a àn dit e scrit, par sloven, par talian e par furlan, che achì no volìn ni vueris, ni cunfins, ni fassisims.

gurize

Standard
Atualitât

Puce di fogne, puce di carogne

O sin za ad in plen dentri des celebrazions dai cent agns di chês «radiose giornate di maggio», ma chi di cualchi dì il nivel dal çavariament de retoriche e de mistificazion al cressarà ancjemò.
Di ce che si viôt ator, massime chi di nô, di cà e di là dal confin statâl di cent agns indaûr, il nivel di sigurece al è za stât passât.
Par dîle par talian, «la m… è già montata in scagno» e al è il pericul di jessi scjafoiâts.

La date dai 24 di Mai si svicine e plui che il cisicâ de Plâf si sintin altris rumôrs e soredut altris odôrs. E je la puce di chel fanatisim, che magari cussì no o cognossin ancje masse ben, tai siei pinsîrs, tes sôs oparis e tes sôs omissions (a tacâ de omission plui grande: chê di finîle e di domandâ scuse).

Nus vegnin i sgrisui a pensâ che chest al sedi «solo l’inizio» e che la robe e ledi indenant cussì fintremai tal 2018 e magari slargjantsi ancjemò: tal 2019, cuntune biele celebrazion ancje dai 23 di Març di cent agns prime, e tal 2022, ator dai 28 di Otubar.

Si sint une brute puce di fogne. E di carogne.

Al è ben che il Friûl si dismovi prime di scjafoiâ, intosseât di chest aiar malsan (e no dome di chel…).

Standard