Articui 2014, Atualitât, Politiche

Indipendentisim virtuâl o autoguvier concret?

Za une setemane indaûr al è tacât il Laboratori di Autonomie, inmaneât de bande di un grup di sindics cu la poie di associazions, dai media indipendents furlans plui impuartants e di un progjet di ricercje de Universitât dal Friûl.

Usgnot a Flaiban, a 8 e mieze sot sere li dal Centri sociâl, al è il secont apontament di chest program di incuintris.

Di cheste iniziative e ancje di chel che al ven clamât referendum pe indipendence dal Friûl al fevele il nestri articul publicât sul Quotidiano di vuê.

Lu metìn sù daurman ancje tal nestri blog.

IL REFERENDUM E IL LABORATORI. DÔS MANIERIS DIFERENTIS DI RESONÂ SUL FRIÛL DI VUÊ E DI DOMAN

Indipendentisim virtuâl o autoguvier concret?

E mancje sù par jù une setemane ae fin dal mês di Otubar e duncje ae conclusion di chê iniziative inviade in internet, che si à presentade tant che referendum pe indipendence dal Friûl. Cun dut che lu vin za frontât ancje dentri dal nestri blog, al merete tornât su chest argoment par vie che, dopo di un ciert scjas sul imprin, chel che no si capìs ben se al è un plebissît, un referendum o dome un scandai di opinion, al è disparît dai media tradizionâi di chenti e in particolâr de stampe.

Al passe il timp, ma a restin dutis lis contadizions e lis ambiguitâts di chê iniziative, sei sul plan des proceduris dal vôt virtuâl sei in cont dai siei contignûts. In chest sens o vin pôre che la robe e sedi plui cuintri dal Friûl che a pro. Si pues calcolâle o tant che la enesime manifestazion dal nivel unevore alt de alienazion culturâl, identitarie e politiche di tancj di lôr in Friûl o ben tant che la ultime azion di mistificazion, di confusion e di «distrazione di massa» metude adun propit par menâ ator il Friûl e la sô int in cont di cuistions tant che chês dal autoguvier, dai dirits e des prospetivis di fâ sù un avignî diferent, juste tal moment che chestis stessis a cjapin sù une rilevance e une impuartance grandononis.

La propueste programatiche fate indenant di chescj indipendentiscj nus somee une vore «dipendente», «dipendentiste» e duncje une vore lontane dal Friûl e des sôs dibisugnis.
Cun dut achel a son ancje elements positîfs.
Cheste iniziative e partìs dal Friûl ocidentâl e cun dut des contradizions za ricuardadis e ven fate indenant in non dal Friûl e nol è mâl nancje il riferiment, cence tabùs, ae «indipendence», ancje se al è grant il pericul di lâ a fruiâ daurman cheste peraule clâf che inaltrò, de Scozie ae Catalogne, e ven doprade cun fuarce e cun sintiment.

In cualsisedi maniere che al finissi, chest referendum si pues calcolâlu tant che une gnove dimostrazion de dibisugne di sierâ cuntun ciert autonomisim autoreferenziâl e lâ plui insot des cuistions par fâ pardabon alc di concret.

Si môf in cheste direzion il Laboratori di Autonomie, inmaneât di un grup di sindics cu la poie di associazions, dai media indipendents furlans plui impuartants e di un progjet di ricercje de Universitât dal Friûl.

Al è un program di incuintris che in maniere operative, propit a tacâ des esperiencis des comunitâts locâls, des dibisugnis concretis e dai problemis dal dì di vuê, al fâs indenant une idee di disvilup sociâl, economic e civic che al partìs dal teritori, de sô int, des lôr risorsis e dai lôr dirits. Il dut al è tacât la setemane stade a Cjarlins e al va indenant par passe un mês. Il secont apontament al è usgnot a Flaiban, a 8 e mieze, li dal Centri sociâl.

Che e sedi rivade la ore di inviâ un vêr percors di autoguvier?

Par savênt di plui: https://www.facebook.com/pages/Laboratori-di-Autonomie/1509633949277094.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com
23/10/2014

Standard
Atualitât, Dome pal blog

«Mamma, ho perso il Friuli» (Ancjemò…)

Ogni mês si fâs la lune, ogni dì si impare une.
Vuê, par esempli, o discuvierzin che salacor bielzà tra i secui XV, XVI e XVII e esisteve chê robe fantomatiche, in realtât inventade tal secul passât, che e ven clamade “Isontino” e che soredut no veve – e no à – nuie ce fâ cul Friûl… (gulp!!!)
Nus al insegne il titul di un comunicât stampe dât fûr de Universitât che a chest pont no savìn plui cemût clamâle (dal Friûl? dal Isontino? di palaç Antonini, sezion periferiche dal ateneu «triveneto»?), che al fevele – cemût che si lei achì – dal «Reportage dal Friuli e dall’Isontino durante la Repubblica di Venezia».

Se a dânus cheste informazion e je la istituzion che par leç e varès di jessi il centri de ricercje e de cognossince storiche dal Friûl, o sin a puest. Nus tocje tornâ a dî: «Mamma, ho perso il Friuli».

A proposit di savints, savês e mont academic, doman a Udin al tache ancje il Mimesis Festival. Arte, Filosofia, Diritto. Il program al è interessant e i materiâi di publicizazion a son preseôs, ma oviamentri a son dome par talian…

I reladôrs stes a son pe plui part talians, a ‘nd è ancje cuachidun di chenti e dome l’artist Tadej Pogačar, che al è sloven, al da, almancul su la fonde de cjarte di identitât, chel “quid” di internazionalitât che dispès si domande a iniziativis di cheste fate.
O tornìn a marcâ che la manifestazion nus somee interessante – e je la prime volte che e ven inmaneade – ancje se no podìn fâ di mancul di nasâ l’odôr di une sorte di version udinese di “Pordenone… sielzêt voaltris cuâl che al è il verp che us plâs di plui”.

Cjalant il program o cjatìn une robe interessante: te pagjine 18, là che si presente une conference in cont de “La filosofia di Miles Davis” il non de regjon “Friuli – Venezia Giulia” al devente “Friuli Venezia – Giulia”…

La manifestazion e je inmaneade di “Territori delle idee”.
Al vignarès di dî: «Lis ideis a son tantis – forsit! – ma i teritoris e la idee di teritori…dulà sono?»

Culachidun al podarà dî che almancul e je une liniute…

Standard
Atualitât, Dome pal blog, Politiche

«Le cazzate sono come le ciliegie: una tira l’altra (2)»

Alc al è alc e nuie al è nuie. Tai ultins dîs il comitât promotôr dal fantomatic referendum pe indipendence dal Friûl al à fat savê che chel nol sarès ni un referendum ni un plebissît, cemût che impen al saltarès fûr dal non dal sît internet, ma dome une consultazion par viodi se e je une tendince indipendentiste o almancul a pro di une autonomie fuarte pal Friûl.

La precisazion e stice daurman un pâr di domandis. Saltie fûr de cjolte di cussience che la iniziative e je clopadice sul plan dai contignûts e ancjemò di plui des proceduris? O ise dome la conseguence che, ancje par ducj chescj motîfs, forsit no je masse int che e à voie di notâsi e di votâ?
In cualsisedi maniere: al è un pas indenant o – par tornâ al titul e al contignût dal nestri articul di cualchi dì indaûr… – une çariese di mancul.

Coerentementri cul nestri otimisism, o cirìn di viodi ancje cualchi element positîf. Par esempli il fat che si vedi inviât un ciert dibatiment, cemût che si viôt tal profîl Facebook de Patrie dal Friûl, o che la iniziative e vedi fat fevelât di se ancje tal forest, cemût che a mostrin i articui saltâts fûr su Vilaweb e su Nationalia.
Ancje cun cheste cjaladure, però, a restin i dubis che o vin palesât cualchi zornade indaûr e cun chei la preocupazion che, in cualsisedi maniere, la robe no zovi al Friûl e ae sô int.

In chê ocasion, a proposit di… çariesis, o vevin cjapât sù ancje l’impegn di tornâ a dâ un cuc a chei doi coments cjatâts in rêt in cont di Scozie e Friûl, che o vevin segnalât juste parcè che nus vevin colpît pe superficialitât e pe concentrazion altonone di prejudizis, fâi e lûcs comuns.

Ognun al bale cun sô agne e duncje le pense a so mût: no vin pretesis di dâ judizis, però si permetìn di fâ indenant cualchi osservazion, ancje se no cognossìn personalmentri nissun dai doi autôrs.

Al va dit che il prin dai doi al à ancje une so coerence di fonde. Par nestri cont le spare gruesse cuant che al scrîf che «la Scozia ha detto no, con un’affluenza altissima e un risultato omogeneo che lascia poco spazio a discussioni e dibattiti», però – e chest al è ben – nus somee che al ricognossi il fat che la volontât di autoguvier dai scozês e salte fûr sei dal «sì» che dal «no».

Par sigûr al fâs vignî il pêl dret cuant che al scrîf di «piccole patrie» e di «piantare nuovi, inutili confini e nuove, inutili divisioni», parcè che al dopre categoriis e al fevele di prospetivis che no valin par sigûr ni pe Scozie e pai indipendentiscj scozês e nancje pal Friûl, almancul par cemût che lu viodìn nô.
Però di un autôr che si palese tai siei scrits tant che un «piccolo fan» di Ronald Reagan e Silvio B – e o doprìn la espression «piccolo fan» cence ofese par nissun – al è dificil spietâsi alc di plui e di miôr: il so resonament in cont de propueste di clamâ ‘Friûl e Triest’ la Regjon che e ten dongje il Friûl e Triest, o des posizions di chei che a son a pro di scrivi ‘Friuli-VG’simpri cu la liniute tal mieç, , cemût che al è just e che si lei tal articul 131 de Costituzion,lu conferme ad in plen.

Insom, ce che i da fastidi al autôr dal articul su Scozie e Friûl al è soredut il fat che i sostignidôrs dal “sì” in Scozie a sedin progressiscj e che impen, chi di nô e plui in gjenerâl tal Stât talian, chei che si àn declarât «piccoli fans» – ancje lôr … – di «Yes for Scotland» a son di drete, a tacâ dai leghiscj.

Al à reson: il sì pe Scozie indipendente al jere un vôt progressist. Al lasse scaturît che no lu vedin capît tancj progressiscj di chenti, cemût che al salte fûr propit tal secont dai coments che o vin segnalât, là chel il so autôr al palese dificoltâts di comprension grandononis no dome in cont de Scozie, ma soredut in cont de realtât furlane.
Ma di chest o tornarìn a scrivi cun plui calme chi di cualchi dì, te tierce pontade dedicade aes çariesis.

Standard
Atualitât, Dome pal blog, Politiche

«Le cazzate sono come le ciliegie: una tira l’altra (1)»

Il diretôr di chel cuotidian cul non forest che si lei in Friûl nus vise che e je scatade la ‘ore X’. Cun di fat, di miezegnot e un secont o sin in plene tal mês di timp là che si podarà votâ tal fantomatic referendum pe indipendence dal Friûl.

De cuistion o vevin za scrit alc. Stant che ‘repetita iuvant’, o tornin a cjapâ sù cualchidune des riflessions fatis indenant zaromai doi mês indaûr, zontant ancje alc altri.

Prin di dut no podìn fâ di mancul di marcâ il fat che cheste iniziative referendarie nus somee alc che al è plui cuintri dal Friûl che a pro. In chest sens, si pues calcolâle o tant che la enesime manifestazion dal nivel unevore alt de alienazion culturâl, identitarie e politiche di tancj di lôr in Friûl o ben tant che la ultime azion di mistificazion, di confusion e di «distrazione di massa» metude adun propit par menâ ator il Friûl e la sô int in cont di cuistions tant che chês dal autoguvier, dai dirits e des prospetivis di fâ sù un avignî diferent, juste tal moment che chestis cuistions a cjapin sù une rilevance e une impuartance grandononis.

In chest sens ancje il fat – che par so cont al podarès jessi ancje alc di bon – che si feveli di «indipendence» cence pôris o cence tabûs in realtât al devente alc di negatîf. Cun di fat, dopo dal sputanament che in tancj agns al è stât fat de peraule «autonomie», cun cheste storie dal referendum si va a fruiâ e a sputanâ ancje une altre peraule clâf che inaltrò, de Scozie ae Catalogne, e ven doprade – tra lis altris, propit par resons che a son sù par jù compagnis di chês che a valaressin tal câs dal Friûl – cun fuarce e cun sintiment par fâ indenant rivendicazions e prospetivis di autoguvier e di autodeterminazion.

Chest al cjate conferme ancje in chei che a varessin di jessi i ponts di fuarce dal program di chescj indipendentiscj: la «jeve militâr obligatorie», il «control dal confins», lis «bariduris doganâls» e vie indenant. Isal chest ce nus covente? No, sigûr.
Cussì la indipendence fate indenant in realtât e je une vore «dipendente», «dipendentiste», sotane e une vore pôc furlane: plui dongje dal Venit, dal «triveneto» e de «padania» che de Scozie, de Catalogne e dal Paîs Basc e duncje, almancul cemût che le viodìn nô, dal Friûl.

Il fantomatic referendum pe indipendence, dongje dal jessi debil e salacor pericolôs pal Friûl sul plan dai contignûts, des prospetivis e duncje de sostance politiche, nus somee clopadiç ancje in tiermins organizatîfs e procedurâi. Ancje par chest al salte sù il dubi che lu vedin inmaneât propit di pueste par sputanâ ben e no mâl il Friûl e ciertis sôs rivendicazions e aspirazions.

Cun dut achel, un element positîf al è: cheste iniziative e partìs dal Friûl ocidentâl e cun dut des contradizions za ricuardadis e ven fate indenant in non dal Friûl. Alc al è alc.

Magari cussì no, a restin chei tancj aspiets za ricuardâts che a fasin vignî i sgrisui, ancje par vie de maniere che a vegnin frontâts de bande dai media di chenti. In cont di chest, si pues marcâ il fat che il ridicul – se no piês – al è il caratar prin ancje di cierts coments che a frontin cheste cuistion e chês, une vore atuâls, de Scozie e de Catalogne, magari ancje cun chê di fâ cualchi comparazion tra chês realtâts e chê dal Friûl.
In particolâr, in cont di Scozie e Friûl, o vin cjatât in rêt doi biei esemplis – si fâs par mût di dî – in chest sens. Ju podês lei achì
e soredut achì.

Di sgrisulâsi. Nus à tornât iniments il titul talian dal film ‘Dumb and Dumber’ e chel nestri amî che al diseve «le cazzate sono come le ciliegie: una tira l’altra»: al è dificil no dâi reson, in particolâr pal secont dai doi tescj menzonâts cumò denant. Tal nestri prossim coment si permetarìn di meti in evidence cemût che lis… çariesis no si cjatin dome tal fantomatic referendum ma ben ancje (ancjemò di plui?) inaltrò.

Par intant, par lei alc di sest in cont di Scozie e di Catalogne, us conseìn di dâ un cuc a chest coment e a chest reportage, che a àn il mert di vê une cjaladure mancul talianote, plui europeane e duncje plui furlane.

Standard