Atualitât, Storie

26 di Lui. Ricuardâ? Sì. Fâ fieste? Nancje fevelâ

Vuê o sin ai 26 di Lui, inovâl dai 26 di Lui dal 1866.

Ve chi un piçul ricuart di chei timps, un toc de letare scrite di Quintino Sella (commissari dal re di Italie pal Friûl) al president dal Consei dai Ministris, Bettino Ricasoli:

“Udine, 11 ottobre 1866
Signor Barone. Già le feci sapere come la notizia della pace sia stata dapprima accolta con freddezza in Udine e dintorni.
(…)
Indi non vi era la più piccola traccia di manifestazione, come se si fosse trattato di una pace fra la China ed il Giappone.
Questa freddezza mi inquietava, giacché mi dava ragion di temere che il plebiscito riuscisse svogliato e poco frequentato…”

Se no vevin fat fieste in chê volte, parcè varessino di fâ fieste cumò?

Advertisements
Standard
Atualitât, Culture, Media, Politiche

Conoscenza o ‘con o senza’? O ‘senza’ e vonde? (2016)

Di vuê a domenie a Udin si davuelç la seconde edizion di “Conoscenza in festa”, event di trê dîs dedicât ae cognossince, ae universitât e al rapuart tra savê e societât che al à clamât dongje i retôrs des Universitâts dal Stât talian, professôrs e studiôs innomenâts e altri esperts e ‘opinion leaders’ talians.

La manifestazion, compagn di dal an passât, e je une vore interessante. Ma salacor e je ancje (ancjemò di plui?) preocupante.
Par chel a valin – almancul di ce che o viodìn par cumò – dutis lis osservazions che o vevin fat in cont de prime edizion .

Cun di fat, ancje chest an al è une vore fuart il dubi che dentri di dute cheste cognossince al mancji alc di (avonde?) impuartant, ven a dî chel che al ven clamât il teritori e che tal nestri câs al à un non precîs: si clame Friûl. O ben che a’nt sedi masse pôc.

In tiermins positîfs si pues preseâ il fat che al vegni ricuardât l’inovâl dal taramot dal 1976 e che al vegni memoreât Giulio Regeni. Rispiet al an passât, cuant che l’unic rapuart cul Friûl ricognossût al jere il fat che tal 1915 «Udine era la capitale della guerra», al è par sigûr un pas indenant. Al sarès stât piês se a vessin volût memoreâ il centesim inovâl «de rivade de Italie intune part dal Friûl», magari doprant la definizion di «jentrade dal Friûl in Italie».

Di chê altre bande, nus somee che chê che par furlan nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, cun dut de sô storie, de sô leç istitutive e dal so statût, e mostre di jessi un altri viaç une Universitât che no sa ce che e je e dulà che si cjate.

Ancje in cheste ocasion no son stadis tiradis fûr lis lenghis (furlan, sloven e todesc) te comunicazion e in gjenerâl si stente a viodi palesadis pardabon sei la vocazion europeane e internazionâl dal Friûl e de sô Universitât che un leam fuart, positîf e cussient tra l’Ateneu, il teritori e la sô int.

Magari chi di trê dîs o discuvierzarin che no jere cussì e che la nestre preocupazion e jere falade.
Però, pal moment, o sin pardabon scaturîts e preocupâts, massime dopo vê viodût chel avion parcât (in diviet di soste???) denant de Loze dal Lionel.

Standard