Dome pal blog, Friulanofobie, Politiche

Il Blanc e il neri

Il lat furlan al è Blanc. La decision dal Consorzi agrari dal Friûl-VJ di batiâ in cheste maniere – Blanc – la sô produzion di lat e je par sigûr di preseâ.
Lassant di bande chei che cumò tes ostariis, impen di domandâ un tai di blanc, a’nt domandaran une scudiele… chest fat al conferme ce che o pensìn e che o scrivìn za di timp: che la lenghe furlane e plui in gjenerâl lis lenghis ‘altris’ dal Friûl e duncje de regjon Friûl-VJ a son un strument impuartant pe promozion dal teritori e dai siei prodots, soredut par vie che a son in stât di rindi riconognossibile la lôr specificitât e, tal câs dai prodots, la lôr divignince che e varès di jessi une sorte di marcje di cualitât e di origjinalitât.

Chest al vâl ancje pe produzion culturâl ta chestis lenghis, a tacâ de musiche e dal audiovisîf, che pardabon a podaressin jessi une oportunitât di valorizazion e di promozion dal teritori tant che risorse, prodot e prodot di prodots. Un segnâl positîf in chest sens al rive de manifestazion Sapori di pro Loco , là che vinars ai 23 di Mai e sarà une serade che za il so titul al è un program.
Cun di fat, l’event si clame ‘Tiere di savôrs, Tiere di musiche‘ e al presente une cerce de creativitât in lenghe furlane te musiche e te comunicazion, cui concierts di Residui di Chernobyl, Aldo Sbadiglio e la Famiglia Ananas in vacanza a Dresda e il coordenament e la animanzion dai Cjastrons.

Dongje di chescj piçui segnâi positîfs – al è clâr che nus plasarès viodi dute la eticheture dal lat ancje par furlan, compagn che il materiâl di promozion di Sapori di Pro Loco – a son altris che a van in dute une altre direzion. Magari cussì no, dongje dal Blanc al è ancje il neri.
Cheste situazion, che lant daûr dai Pink Floyd o podaressin clamâle ‘the dark side of the moon’, e ven palesade ben des declarazions publichis dadis fûr tai dîs passâts de bande dal assessôr regjonâl pe culture, che al à lis deleghis ancje pes minorancis linguistichis.

Di ce che si lei achì e daûr dai criteris che a son stâts sielzûts par spartî i bêçs pai programs radiotelevisîfs par furlan, al salte fûr un mix pericolôs tra scjarse competence, une cierte superbie e une volontât nancje masse platade di volê scjafoiâ lis politichis linguistichis e di tutele.
In cierts moments al somee dificil cjatâ diferencis tra l’assessôr regjonâl di cumò e chel di prime.

Une altre brute sensazion e je chê che e rive dai bants pai contribûts regjonâi pes ativitâts culturâls, dâts fûr che nol è tant, là che il prin motîf di esclusion al è propit chel de valorizazion des lenghis minoritariis.
Al è dificil no cjatâsi in cunvigne cun ce che a scrivin tal blog dal Comitât pe autonomie e pal rilanç dal Friûl, là che si cjate, in forme di domande, une sorte di denuncie di apartheid culturâl.

Al passe il timp, ma l’apel al è simpri chel: Debora, fai una cosa di sinistra. Fai cosa di civiltà, fai una cosa….

Advertisements
Standard

One thought on “Il Blanc e il neri

  1. Pingback: Blanc, Blanc e neri e Mittelfest (ma nissun colibrì) | EURO FURLAN

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s