Atualitât, Sport

Stadio Friuli o Mer…Dacia Arena?

Al è tacât il gnûf campionât di balon, ma plui che di balon zuiât – cundut de vitorie storiche cuintri de Juve di domenie passade aTurin – chi di nô si fevele dal gnûf stadi di Udin e soredut dal so non.
Parcè? Parcè che, lant daûr des resons sacris dal diu business e de mancjance di bêçs tes cassis dal Comun, de bande de Udinese Calcio spa e de aministrazion comunâl e je stade fate indenant la propueste – che cualchidun le calcole tant che une decision bielzà cjapade sù, ancje se cumò si varà di tornâ a pensâi parsore – di cambiâ il non dal implant dai Riçs, che al è stât tornât a fâ sù tal ultin an.

Nus somee un bon motîf par discori, par sustâsi e salacor ancje par incazâsi, cemût che al fâs plui di cualchidun, in place, su lis pagjinis dai gjornâi e un pôc dapardut inte rêt des rêts. Cundut achel la iniziative di clamâ il gnûf stadi di Udin, ‘Dacia Arena’, no nus lasse par nuie scaturîts.

Cun di fat, nol è par sigûr alc di gnûf il fat che i parons e i sorestants de scuadre di balon furlane si movin cence tignî in nissun cont dal Friûl e dai furlans, cundut che i blancs e neris a varessin di jessi la bandiere sportive plui impuartante di cheste tiere e de sô int e che propit i furlans, che a son in Friûl e ator pal mont, a son propit chei che i tegnin di plui ae scuadre.

I parons e i sorestants de societât blancje e nere nus àn mostrât za di tant timp che no si visin dal Friûl e dai furlans – chei in Patrie e chei pal Mont – nancje cun chê, stant che “business is business”, di calcolâju tant che “clients” principâi dal Udin, tal cjamp, in tribune, par television e te compre di gadgets e merchandising.

Cheste mancjance di atenzion si palese in dì di vuê cu la cuistion dal non dal stadi, ma al è za tant timp che di plui bandis al ven domandât ae societât che e fasi alc di furlan, par esempli cu la comunicazion istituzionâl ancje in lenghe furlane o cu la segnaletiche dal stadi par furlan e la rispueste e je simpri chê: nuie!
La situazion e je cussì grivie che salacor al è stât calcolât tant che un grant sucès il fat che la seconde maie de scuadre e sedi zale e blu e no colôr di rose, narançon o a pois…

In confront – a proposit di “business is business” – a àn plui atenzion pai “clients” chei dal Carrefour dal Terminal Nord, che almancul cuntun cartel alì de jentrade dal supermarcjât, cundut che al è scrit cuntun eror («benvignûs» al puest di «benvignûts»…), a palesin un et di rispiet pe specificitât dal teritori dulà che a lavorin e che a vendin.

Si cjatìn in cunvigne cun cui che al proteste e cun cui che la scrîf sui gjornâl, marcant il fat che «l’Udinese si sta progressivamente staccando dal territorio» (Une biele discuvierte! Nus vignarès di dî…).
Cun di plui ‘Dacia Arena’ no nus somee chel non cussì figon: al baste zontâi un «Mer» denant e la robe e scomence pardabon a puçâ…

Però al è un però. Anzit, a’nd è doi.

Il prin al è chest: a proposit de puce, cemût che al salte fûr di une letare di Giuliana Pozzo publicade su UdineseBlog, ancje in cheste ocasion un innomenât politic locâl al à mostrât di vê, soredut cuant che al fevele di furlan e di Friûl, un podê sù par jù compagn di chel di Re Mida, ancje se invezit di stramudâ in aur dut ce che al tocje, al riscje dome di dâi un ciert odôr e un ciert colôr moron.

Il secont al è chest. Insom ‘Stadio Friuli’ al è un non dome par talian. Che al resti cussì o che magari si lu clami – ancje uficialmentri – ‘Stadi Friûl’, che al deventi ‘Dacia Arena’ o in cualsisedi altre maniere (‘Friûl Dacia Arena’? cussì al va al mancul ancje il pericul dal «Mer», che al restarès tal câs di une denominazion taliane…), e je ore che chel implant al mostri di jessi un tic plui furlan e duncje plui internazionâl e che e fasi compagn la Udinese Calcio: cu la segnaletiche in plui lenghis e duncje ancje par furlan, cul sît internet ancje par furlan, cul speaker che al fevele ancje par furlan, e magari cun esibizions di musiciscj furlans prime des partidis, cu la proiezion di videos e vie indenant…
Lu vi za scrit altris voltis: in Europe e inaltrò pal mont si fâs cussì. O pensìn che al sarès content ancje il «main sponsor».

Standard