Atualitât, Dome pal blog, Friulanofobie

La balote dal pizighet

Ancje chest an il Premi S. Simon, che al è calcolât il concors leterari in lenghe furlane plui impuartant, nol à vût nissun vincidôr. La jurie, compagn che un pôcs di agns indaûr, e à decidût che lis oparis in concors a jerin masse pocjis e che no jerin cussì interessantis. Un dai siei components, l’innomenât senegjatôr e scritôr Carlo Tolazzi, al à sclarît ce che al pense in cont di cheste situazion su lis pagjinis di un cuotidian di chenti («chel cul non forest», cemût che lu clame cualchidun…).

In cont dai argoments fats indenant si podarès dî, compagn di chei zuiadôrs di balon intervistâts ae fin de partide che ju menave pal boro la Gialappa’s Band par television: «sono pienamente d’accordo a metà col mister».
Cun di fat, si rive a jessi in cunvigne dome cun cualchidune des sôs riflessions, ven a dî cuant che al marche cetant che la Universitât che e varès di jessi “dal Friûl” e je lontane dal teritori, de sô int e de sô lenghe e cemût che e je (almancul) discutibile la azion des istituzions tal cjamp de culture e de produzion culturâl par furlan. In chest sens al è emblematic il compuartament dal Comun di Codroip che fin intal ultin no si à capît se chest an il concors lu varès inmaneât o no.

Al è invezit une vore plui dificil cjatâsi in sintonie cun Tolazzi cuant che al scrîf che in chescj agns si à badât dome a grafie e gramatiche e no ae espressivitât de scriture par furlan.
In chest câs al somee che al fasi confusion tra dôs robis che no àn nuie ce fâ une cun chê altre – cemût che si scrîf e ce che si scrîf – o che al viodi lis robis intune maniere distuarte par vie di chel ategjament ideologjic tipic di tante “inteligencjia” di chenti che no rive a acetâ il fat che la lenghe furlane e sedi une lenghe normâl e che, compagne di dutis chês altris, e vedi cualchi regule par scrivile.

E al à di jessi calcolât dome che un prejudizi ancje un altri element che al ven ricuardât di Tolazzi: par lui cui che al scrîf par furlan nol è cussì ispirât par vie che al learès dome robe par furlan (e no ancje par talian o in altris lenghis…) e duncje al sarès «sierât» e fintremai «razist»… Sù mo, sù!

Par nestri cont la cuistion e je une altre. Provìn a sclarîle, in struc: la lenghe furlane no je dome la leterature par furlan e la leterature no je dome i romançs e soredut no je dome il S. Simon.
Il furlan al è une lenghe in cundizions di minorizazion ma, cun dut achel, al ven doprât par fâ robis interessantis, de radio ae musiche, dal cine ae informazion.
Al è une lenghe che e ven doprade cuntune cierte vivarositât ancje inte scriture creative e al baste sgarfâ in rêt par rindisi cont di chest.

Forsit a son in pôcs chei che a scrivin romançs par furlan. E par sigûr a son ancjemò di mancul chei che i romançs par furlan ju lein, ancje parcè che no podìn dismenteâ che fin cumò o sin stâts libars di scugnî jessi analfabetis te nestre lenghe.
Ma nol è dome chest. Cun di fat la scriture e la leture in dì di vuê – e no dome par furlan – a sielzin altris formâts, a tacâ de conte curte, cemût che al mostre ancje il conferiment dal Nobel pe leterature ae scritore canadese Alice Munro.

Se al è alc che nol va, chel al tocje une vore di plui il Premi S. Simon che la leterature par furlan o la lenghe furlane. Cun dut achel su chel stes cuotidian vuê si lei che chê dal furlan e sarès une «morte naturale» e una «fine fisiologica». A son lis peraulis che si cjatin tal titul e tal sottitul di un articul là che a son metudis dongje diviersis opinions sul argoment, ma là che no’nd è nissune – nancje chê di Alberto Garlini – che e je cussì drastiche e assolude e soredut cussì discutibile (si pues lei il toc achì: http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2013/10/29/news/friulano-tradito-no-e-morte-naturale-1.8014766).

Al pues stâi che, a fuarce di dâi, cualchidun in viâl di Palme al vedi pensât pardabon che e fos rivade (finalmentri?) la ore di fâi il funerâl ae lenghe furlane.
Ma une robe e je la “Balade dal pizighet” dai Mitili FLK e une altre e je cheste fufigne, cheste balote.

Advertisements
Standard
Atualitât, Dome pal blog

Savê di plui, savê nuie, savê di mancul o savê di …? (no son dome i sussidiaris)

I citadins dal Stât talian a son, in medie, un popul di ignorants: che no san, che no cognossin, che no àn competencis, che a son pôc scuelâts e che a àn dificoltât a capî e a scrivi un test e a fâ doi conts. Al è ce che al salte fûr dal rapuart in cont des competencis alfabetichis e numerichis des popolazions di Europe, Americhe dal Nord, Australie, Gjapon e Coree dal Sud che al è stât presentât pôcs dîs indaûr. I siei risultâts, cemût che si à podût lei un pôc su ducj i gjornâi e ancjemò di plui in rêt, a presentin une schirie di dâts e di graduatoriis là che il Stât talian al è tai ultins puescj o fintremai tal ultin, cui indicatôrs plui bas e la ignorance plui alte. Par esempli: il 27% dai adults nol è in stât di lei, scrivi e capî un test e il 32% di lôr no rive a meti dongje doi numars.

Par tancj di lôr cheste gnove e je stade une soprese. Par altris, invezit, e je stade la conferme di ce che si viôt e che si vîf ducj i dîs. La ignorance al è il spieli e salacor la lidrîs di tantis robis che no van: la competitivitât conomiche che e mancje, la mobilitât sociâl che no je, i dirits che no son rispietâts, garantîts e domandâts, i dovês che a son sghindâts, la dipendence de bande di tancj di lôr de television, la debolece dal sisteme scolastic e de formazion… A proposit, a vevin di fâ la scuele «delle tre i: informatica, inglese e impresa» (lu scrivìn par talian parcè che al merete fat cussì…quanno ce vole ce vole) e impen e je saltade fûr chê cuntun “i” sôl: ignorance.

Che e sedi tante ignorance ator si lu capìs, par esempli, cuant che si lein ciertis letaris, publicads sui gjornâi locâi, là che si fâs cuintri al furlan a scuele cun argoments che no van innà di prejudizis e lûcs comuns.

Che e sedi tante ignorance ator e in particolâr propit tes istituzions che a varessin di promovi il savê, il savê fâ e il savê jessi si lu à viodût a clâr tai dîs passâts, cu la discuvierte di cetantis falopis che a son tai libris di scuele, par esempli in cont dal Friûl e de regjon Friûl-VJ.
Il biel – si fâs par mût di dî – al è che cheste ignorance e cheste aprossimazion no son dome di un libri o di un editôr. Cun di fat chel di “Nel giardino del sapere” (editât di Giunti Scuola) nol è l’unic câs, stant che a nd è saltât fûr ancje un altri, “Ora so di più” (editât di Ardea Tredieci) là che a son stadis segnaladis diviersis imprecisions. Un biel passaç dal zardin de ignorance al savê che impen di jessi cognossince al devente une sensazion olfative.

Ancje in chest câs no son dome i erôrs che a puedin scjampâ. E cjate conferme ancje une cierte tindince ae aprossimazion e a minimizâ fufignis e falopis.
Se chei de Giunti a declaravin che al è un libri par fruts, al è pôc spazi e no si rive a meti dut, daûr di ce che si lei sul ‘Quotidiano’ dai 3 di Otubar (http://www.ilquotidianofvg.it/getpdfbydate.php?pdfdate=03-10-2013&submit.x=9&submit.y=13) , Lorenzo Taffarel, editôr e coordenadôr dal test di Ardea Tredieci, al marche che «certamente alcune imprecisioni possono essere rilevate ma, da un punto di vista didattico, non sembrano gravissime». E cussì al ponte il dêt sul fal di batidure (o di corezion automatiche) sul non talian di Tresesin (al sucêt: ancje tal sît http://www.tredieci.com nossere si leieve «insegnati» al puest di «insegnanti»), si piert pai trois dal «rapporto lingua – dialetto», argoment che in cont di chel «si potrebbe scrivere molto» (ma no je cheste la cuistion) e che «comunque, stabilito che il friulano è una lingua e non un dialetto, non ci pare che il modo con cui questa è stata presentata sia da “parlata preistorica”» (nol è nancje chest il probleme: il furlan al è une lenghe e si à di clamâlu cussì e no «dialetto friulano che deriva dal ladino, un’antica lingua neolatina»).

O vin scrit cualchi dì indaûr (https://eurofurlan.wordpress.com/2013/10/02/tal-zardin-de-ignorance/) che erôrs e aprossimazions a son dome un aspiet de cuistion. Al è alc altri, che salacor al è ancjemò piês. Lu conferme Taffarel, che al scrîf, compagn de plui part di lôr, di «Friuli Venezia Giulia» (cence liniute, però al va dit che sul libri al è scrit just. Brâfs!) e di «Triveneto». Tant a dî che «Trigesimo» e la Buere che e sofle di nord a son dome la ponte dal iceberg, il dêt che al segne la lune. Il probleme al è il rest dal iceberg, al è la lune nere de alienazion e de mistificazion, de pôre che e esisti une lenghe divierse, il furlan (il virus de «friulanofobie» za ricuardât che nol è tant: https://eurofurlan.wordpress.com/2013/07/26/la-friulanofobie-e-fas-mal-si-a-di-curale/), e dal fastidi che e esisti une tiere dulà che si fevelin cuatri lenghis e che si clame Friûl.

In chest câs si podarès fevelâ ancje di «Friulifobia» (al è un virus talianon e lu calmìn par talian), un cancar che si palese in tantis formis.
Dongje di chês za ricuardadis ai 2 di Otubar a nd è ancjemò altris.
Une di chês e je stade, pôc timp indaûr, la sielte de maiorance dal Consei provinciâl di Udin di no fâ buine la propueste di zontâ ai nons de Provincie par talian e par furlan ancje chei par sloven e par todesc. La robe e je za fûr scuare par so cont, ma e palese ad in plen la sô lidrîs antifurlane (cuintri de lenghe furlane e cuintri dal Friûl multietnic e multilengâl, ven a dî cuintri dal Friûl e vonde) tes motivazions fatis indenant di cui che al comande a palaç Belgrât, che al à dit che ae mozion fate indenant dal conseîr di SEL, Fabrizio Dorbolò, no si podeve dâi acet par… difindi i furlans e la lenghe furlane (?!?!?!?!?!).
E je une robe cence sens, che e fâs cuintri propit ai furlans e ae lenghe furlane, sei di un pont di viste storic che daûr di principis teorics di fonde (la tutele di slovens e gjermanics e zove ancje ai furlans, la tutele des minorancis al è un principi costituzionâl, il pluralisim linguistic al è un ben par ducj). Chê che e varès di jessi une vision strategjiche complessive e positive in cont di lenghis, dirits e Friûl e ven scjafoiade ancjemò une volte, in dì di vuê, di chê vision di Friûl, di furlan e di furlans che cul fassisim, ma za prime dal fassisim e ancjemò dopo dal fassisim, e à fat dams al Friûl, al furlan e ai furlans.
L’argoment al meretarès ancjemò cualchi zonte, ma pal moment o podìn fermâsi achì. Intun articul che si cjate tal blog di Christian Romanini a son elements che a puedin completâ il nestri resonament. Si pues leilu achì: http://romanini-udine.blogautore.repubblica.it/2013/10/10/slovens-in-friul-ah-si/.

Standard
Atualitât, Dome pal blog

Lampedusa, 03.10.2013

No son dome lis falopis che si cjatin dentri dai sussidiaris. E no son nancje chês altris, che a son ancjemò di plui, che a stan daûr di chês che si cjatin tai libris di scuele. In cont di chest argoment al è alc altri ce zontâ e o tornarìn chi di cualchi dì, stant che ce che al salte fûr al fâs pensâ che il virus nol sedi un sôl, tant a dî che dongje de «friulanofobie» – o daûr di chê – e sedi ancje la «Friulifobie».

E alore, fasìn une polse di riflession su ce che al è sucedût chê altre dì tal mâr di Lampedusa. Su cemût che il Mediterani al sedi deventât il cimitieri de ‘Fortress Europe’, di chê fuartece Europe, che si mostre forsit fuartece, ma che par sigûr no je Europe.
Su migrazions e migrants. Cuintri de retoriche che e tocje la emigrazion e la imigrazion. Cuintri de pôre dal om neri. Cuintri dai çavariaments deventâts leç. Cuintri dai traficants di personis e dai traficants di fanatisim.

Ancjemò cualchi peraule…

Libars di scugnî lâ.
Dulà? Cemût? Parcè? Cui?
I plui disperâts? Ma…
Sigûr i plui ardîts.

Libars di scugnî lâ
Libars di scugnî no rivâ
Libars di scugnî murî

Standard
Atualitât, Dome pal blog

Tal zardin de ignorance

E à fat un grum di scjas la discuvierte che suntun dai libris di scuele plui doprâts in dut il Stât talian, “Nel giardino del sapere” (editât di Giunti Scuola) si cjatin un grum di falopis, in particolâr in cont dal Friûl e de regjon Friûl-VJ. La cuistion, tirade fûr cun snait de bande dal conseîr regjonâl Alessandro Colautti cuntune interpelance pe Zonte regjonâl fate indenant ai 30 di Setembar, e je stade une des gnovis sparadis za in prime pagjine tai cuotidians locâi di îr e tornade a cjapâ in man ancje vuê.

Tra lis perlis che si cjatin ta chel sussidiari pes scuelis primariis a son la segnalazion dal Soave tant che vin tipic furlan, di Grau tant che puart industriâl e de Buere che e sarès un svint che al sofle di nord.
Lis parts in cont des lenghis a son chês plui fenomenâls: di une bande si dîs che in cualchi puest de nestre regjon si fevele par todesc e par sloven – e chest almancul al è just – intant che la lenghe furlane e ven clamade “dialetto”; di chê altre, tal libri pe classe cuarte, inte sezion che e fevele de popolazion dal Stât talian e des minorancis linguistichis no dome no son ni la lenghe furlane ni i furlans, ma no si cjatin nancje lis comunitâts di lenghe todescje de Cjargne e de Val Cjanâl. Cun di plui no vegnin menzonâts nancje i sarts (pe Sardegne si fâs riferiment dome ai catalans de l’Alguer) e nancje i ladins: une vie di mieç tra la linguistiche di regjim dai prins dal Nûfcent, cun Carlo Battisti e Carlo Salvioni, e i tecnics che in cont dal guvier dai tecnics tal 2012 si vevin inventât la distinzion tra minorancis linguistichis “di serie A” e chês – i furlans, i sarts e i ocitans – «parlanti un particolare dialetto», che ju à metûts in rie ancje la Cort Costituzionâl, cemût che o vin ricuardât ancje intun nestri articul dal mês di Lui (https://eurofurlan.wordpress.com/2013/07/26/la-friulanofobie-e-fas-mal-si-a-di-curale/).

Diviers di lôr a àn marcât cemût che, almancul in cont di Friûl, di furlan e di lenghis, tal “Zardin” de Giunti Scuola si cjatin plui ignorance e falopis che savê. Ignorance in gjeografie, in storie, in antropologjie e in cont di lenghis e normative. I curadôrs dal libri a mostrin di no savê che il furlan al è une lenghe “de facto” e lu è ancje “de jure”, almancul a tacâ de Leç regjonâl 15/1996 e soredut de Leç statâl 482/1999, daûr dal articul 6 de Costituzion.

A proposit di Costituzion al merete marcât che dongje dal sussidiari ai fruts des scuelis ur è stât dât ancje un librut di educazion pe citadinance. In cont di minorancis linguistichis e articul 6 no mancjin nancje in chest câs uns pocjis di… imprecisions. Par fortune in chest câs il furlan al è e al ven tratât cemût che al merete (tant che “lenghe”), però l’ategjament al è avonde ambigui e fof (no si specifiche la cuistion di fonde: i dirits linguistics. Ma ce volêso? So’ ragazzi) e te pagjine specifiche si fasin bielis discuviertis: par esempli, che inte regjon Friûl-VJ e je une minorance cravuate o che – cemût che al voleve il senatôr Vegezzi Ruscalla tal 1861 – in provincie di Turin no esist la lenghe francese. E vie indenant cussì.

La robe, in gjenerâl, si pues calcolâle une porcarie, però – a pensâi parsore – no je nancje cussì scandalose.
Cun di fat e je une robe a talian vie. Tai contignûts, e je une robe coerente cun chê tindince che di passe cent agns nus fâs crodi che al esist il ‘Triveneto’ (de scuele ai media fintremai ae Glesie), che Gurize e je te fantomatiche ‘Venezia Giulia’, che il Friûl al è dome la provincie di Udin intant che il Friûl Gurizan al sarès Isontino e di là de Aghe al esistès une tiere cence non, di scugnî clamâle ‘Destra Tagliamento’ o ‘Pordenonese’, e cun chê altre, fate indenant tai ultins cuindis agns, che e viôt la plui part di lôr scrivi ‘Friuli Venezia Giulia’ cence liniutis, nancje te sô version par furlan (e chest, salacor, al è ancjemò plui grâf…). Une lungje storie di ignorance, di alienazion e di negazion storiche, linguistiche, gjeografiche, culturâl e identitarie.

E je une robe a talian vie ancje tal metodi. Daûr di ce che al scriveve îr sul ‘Quotidiano’ Andrea Pierini, la Giunti «ha inoltre fatto sapere che si tratta di un volume per bambini e gli spazi sono decisamente limitati per questo non è possibile fare un elenco di tutte le peculiarità del territorio ma si tende a indicare le principali». Ben, si capìs, no si pues scrivi dut, ma che il furlan al sedi une lenghe e che il Soave nol è un vin di chenti no son propit robis di pôc! O no?

Ma chest nol vâl dome pai autôrs e i editôrs. Cun di fat al merete marcât ancjemò alc.

Chei che a àn tirât fûr la cuistion a Triest, a Udin e a Rome a son di chê stesse part politiche che tai ultins agns i à fat cuintri ae tutele des minorancis linguistichis cun peraulis, oparis e omissions, a tacâ des declarazions dal ex president de Regjon in cont de ca***ta de lenghe furlane e de sô tutele fintremai aes iniziativis “dialetantis” che impen di promovi la lenghe furlane e il so status le sbelein e le sputanin in Friûl e ator pal Mont.
In zonte di dut chest, al ven di domandâsi: ma no isal propit nissun di çampe in stât di vierzi bocje sul argoment, sei chel specific che chel gjenerâl?

La robe – cul titul “I friulani? Popolo di spazzacamini” – e je stade pompade soredut di chel cuotidian di chenti che però si clame ‘Messaggero Veneto’ – compagn che se in Catalogne a fossin “El Diario de Murcia” o “El periodico cantàbrico”… – che tal so sît internet al è un event miracolôs cuant che si cjate alc par furlan e soredut che al è scrit just (ma isal propit cussì dificil provâ a scrivi “Cjastrons” e “Sorestants”?).

Al sarès di ridi se nol fos di vaî. Tal zardin de ignorance e soredut de mistificazion si cjate une vore di plui des fufignis scritis suntun libri di scuele.

Standard