Atualitât, Culture, Storie

«Identità culturale del Friuli»…o gnove (e vecje) disidentitât?

«C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d’antico». La presentazion dal progjet L’Identità Culturale del Friuli, che e je stade fate îr a Udin, nus à fat tornâ iniments la poesie di Pascoli ‘L’aquilone’.

Chê ispirazion poetiche e diven di ce che o vin let e di ce che nus àn contât in cont dal incuintri che al è stât alì de Fondazion Crup, là che rapresentants autorevui di innomenadis istituzions di chenti si àn dât adun par presentâ une colaborazion cun chê di «mettere il Friuli, la sua cultura e la sua identità al centro di una riflessione ampia e di prospettiva».

Il fat che plui sogjets si dedin dongje cuntune finalitât colaborative e cuntune atenzion positive viers de identitât dal Friûl nus somee pardabon une biele novitât. Nus plâs e nus colpìs ancjemò di plui il fat che a fâlu a sedin chês istituzions alì, che pal plui a àn fat tantis robis ognidune par so cont e che, soredut cualchidune di lôr, no à mai mostrât ni grande atenzion ni grant interès pe cognossince, pe promozion e pal disvilup de identitât dal Friûl.

Nus somee pardabon alc di gnûf e di bon, massime dopo vê let che l’intindiment di ducj al è chel di «portare a fattore comune esperienze, competenze e sensibilità diverse per riaffermare le ragioni di una realtà, forte e inclusiva, che si misura con il cambiamento della società e che guarda ai cittadini di domani». O sin ad in plen in cunvigne: la identitât e je cognossince, e je culture e soredut e je avignî.

Però al è un però. Anzit, a’nd è plui di un.
Di une bande chest progjet, almancul di ce che si viôt par cumò, si presente e si propagande dome par talian e chest nus somee pardabon in contradizion cu la identitât dal Friûl, che e je une tiere dulà che si fevelin plui lenghis (il furlan, il sloven, il todesc e il talian) e in particolâr dulà che e je une, chê furlane, che e esist, tant che lenghe autoctone, dome achì.
Di chê altre, nus àn riferît che vie pe presentazion si à fevelât di «piccola patria» e «destra Tagliamento» e si à fat riferiment al centesim inovâl de «jentrade dal Friûl in Italie» (ma o pensìn che al sedi plui just dî «de rivade de Italie intune part dal Friûl»), ae vision di Friûl che a vevin in chê volte tancj di lôr, a tacâ di Pacifico Valussi, al rapuart tra Friûl e Italie (cuant che i orizonts a varessin di jessi chei de Europe e dal Mont) e alore nus ven di domandâ «Cuâl Friûl?» e «Ce identitât? Di cui? Di ce? Parcè? Cun ce prospetive?».

Cussì il gnûf e il biel a somein lassâ spazi al brut e… al antîc, cemût che al scriveve Pascoli.

Sperìn di falâ e che cheste impression si sfanti, denant di iniziativis che a frontin il Friûl e la sô identitât in maniere corete e dinamiche, multidissiplinâr e plurâl, atente e moderne.
Al sarès pardabon un pecjât che, salacor in non de identitât dal Friûl, juste tal moment che chestis cuistions a cjapin sù ancjemò plui impuartance, e vignìs metude in vore une azion di distrazion e fintremai di distruzion, di gnove alienazion e di vecje disidentitât.

O vin voie di jessi otimiscj…

Advertisements
Standard