Atualitât, Editorie, Par ridi (?)

‘Blecs’, ‘Tacons’ e altris supostis

Dopo de cjar rosse che e fasarès vignî il cancar e dal scuintri tra Valentino Rossi e Marc Marquez, di passe une setemane un dai argoments di discussion plui frontâts, almancul in Friûl, al è chel de cuistion di ‘Blecs’ e di ‘Tacons’.

Nus somee in chel istès sei une robe interessante, parcè che e mostre ancjemò une volte i limits di plui di cualchidun di lôr, ancje in tiermins di deficit di ironie e di autoironie, sei une altri esempli di arme di ‘distrazione di massa’ une vore potente, in stât di fâ pierdi di viste a tancj di lôr la situazion reâl e di fâ saltâ fûr un dibatiment plen di prejudizis e di lûcs comuns.

Parcè le pensìno cussì? Cumò o provìn a sclarîlu.

Tachìn dal principi. Daûr di ce che al scriveve za une setemane indaûr il cuotidian che al ven fûr a Udin – chel cul non forest … – Ente Friuli nel Mondo si à inrabiât cun chei che a fasin ‘Tacons’ parcè che a copiin e a menin pal boro une lôr produzion, ‘Blecs’.

‘Blecs’ al è un cors di furlan in pirulis video, pensât pai furlans pal mont e soredut pai fîs e i dissendents dai emigrants furlans. Al è fat avonde ben, dal pont di viste tecnic e ancje sul plan didatic. Però, stant che al va daûr di une ciert standard che al tocje la plui part dai videocors di lenghe foreste produsûts tal Stât talian, si pues dî che al podarès jessi un tic plui dinamic e un pôc mancul ‘the pen is on the table’…

Forsit al è par chel che chei che a fasin ‘Felici ma furlans’ a àn decidût di fânti une parodie, ben petade a tacâ dal titul e dal sottitul: ‘Tacons’ al puest di ‘Blecs’ e ‘supostis’ al puest di ‘pirulis’.

In vie dal Sâl, invezit di jessi contents dal fat che ‘Blecs’ – cundut dai limits dal format e dal mieç – al è un prodot di sest (e magari cussì no, nol sucêt masse dispès di chês bandis, soredut tal câs di alc che al tocje la lenghe furlane…) e che chest al cjati conferme propit te sô parodie, che e je ancje chê ninine par so cont, a àn metût in in moviment doi avocats di Rome par fâi cuintri a ‘Tacons’.

Al somee di jessi tornâts tal 2013, cuant che al jere cui che al voleve cjapâ sù firmis cuintri di Paolo Villaggio par vie di cualchi frase scrite intun so libri che no jere masse simpatiche viers dai furlans, cul efiet che, dongje di un comic che nol faseve ridi, a fossin i furlans a fâsi ridi daûr.

Sul argoment o vevin za scrit alc in chê volte.

Di ce che si lei e che si sint ator la custion di fonde e sarès chê di une presumude violazion dal dirit di autôr, ancje se su la stampe locâl il president di Ente Friuli nel Mondo al à pontât il dêt soredut viers de presumude volgaritât di ‘Tacons’.

Al vignarès di dî: ‘piês il tacon… di Tacons’. In chest câs la memorie e torne indaûr a cuant che la Rai regjonâl e veve trasmetût la version radiofoniche di un dai plui biei romançs furlans di simpri, ‘Donald dal Tiliment’ di Stiefin Morat, cun cualchidun di lôr che si veve sustât cuintri dal fat che si varessin doprâts un lengaç ‘fuart’ e ‘tantis peraulatis’…

Intant in chescj dîs su la stampe e su la rêt si à discjadenât il ‘dibbattito’, cuntun posizionament massîf – al è pardabon dificil no cjatâsi in cunvigne… – a pro di ‘Tacons’ e soredut dal so protagonist, il mitic Luciano Lunazzi.

Cul passâ dal timp la discussion, però, e à cjapât une altre plee: di une bande il prodot ‘Blecs’, che al costarès tant, che al valarès pôc e che al varès vût pôc sucès e di chê altre il prodot ‘Tacons’ che al sarès superfigo cence costâ un euro di contribûts publics, par rivâ a dî che no coventin contribûts par fâ lis robis par furlan, che chês bielis si fasin distès e che ‘Tacons’ al zove plui pal insegnament e pe promozion de lenghe furlane che ‘Blecs’.
Un biel mismàs tra robis di sest e monadis sglonfis di prejudizis.

No savìn trop che al è costât ‘Blecs’, ma o pensìn che al sedi stât paiât cui contribûts che Ente Friuli nel Mondo al cjape di ents publics e privâts e che al sedi stât fat di int che e sa fâ il so mistîr (video e didatiche).
O pensìn ancje che cui che al sa fâ il so mistîr si vedi di paiâlu il just.
O pensìn ancjemò che al è plui dificil fâ un prodot bon e atratîf che al à une finalitât didatiche che fâ un prodot bon e atratîf che al à chê di fâ ridi (i vûl savût a fâ ancje chel, che al sedi clâr….).
Cence dismenteâ che ‘Blecs’ al pontave suntun target specific e, salacor, ancje avonde dificil, ven a dî chel stes mont de emigrazion che propit ciert associazionisim in tancj agns si à impegnât a fuart – e magari cussì no, cun sucès – par disfurlanizâlu.

Duncje plui che pierdisi in cjacaris e in çavariaments, o varessin di jessi contents par ‘Blecs’, almancul par vie che i à dât ispirazion a ‘Tacons’… (ma no dome par chel). E o varessin di jessi contents par ‘Tacons’, parcè che al fâs ridi, di gust, e al pues ancje zovâ ae lenghe furlane.
In chest sens si pues calcolâlu tant che alc di miôr di ‘Felici ma furlans’, stant che chel, cundut de sô cualitât formâl, in plui di cualchi moment, cu la sô vision di furlan ‘bon salvadi’, coiar e sotan, nus veve someât une version 2.0 di Toni Merlot e Gjelindo Titiliti: plui che une autoironie cuintri dai lûcs comuns, une ironie plui flape e cui lûcs comuns…

Se lis robis a van indenant cussì, no podìn che jessi otimiscj: al vignarà fûr ancjemò alc altri di gnûf e di miôr. Simpri che no si fasedin menâ pal boro e che no sedin contents di fâsi dâ dome supostis…

Advertisements
Standard
Atualitât, Comunicâts, Politiche

Il Quotidiano. Censure finâl?

Il Quotidiano al è daûr a sierâ.
Cheste e je za par so cont une brute gnove, ma stant che al piês no son limits, ce che al lasse scaturîts e je la maniere cemût che l’ultin numar “su cjarte” nol è vignût fûr.

O pandìn la nestre soldarietât ai coleghis de redazion dal Quotidiano. In tiermins gjenerâi, in non de libertât di stampe, dal dirit ae informazion e dai dirits di cui che al lavore, in particolâr ta chest setôr. Cun di plui, si sintìn dongje di lôr ancje par vie che su chel sfuei al saltave fûr une volte al mês la nestre rubriche.

In cont de cuistion, o publichìn il comunicât de Assostampa regjonâl e l’editoriâl dal diretôr dal Quotidiano, che almancul par un pocjis di oris dome in pôcs a vevin rivât adore a lei.

Udine e il Friuli-Venezia Giulia perdono un quotidiano, una voce fuori dal coro all’interno di un sistema informativo ormai retto dal (quasi) monopolio di un solo gruppo editoriale. Il Quotidiano del Friuli-Venezia Giulia non è più in edicola, dopo una vicenda dai contorni ancora poco chiari. L’Assostampa Fvg, dopo la chiusura della redazione e dell’edizione udinese del Gazzettino di Venezia, oggetto di uno stato di crisi, e mentre si annunciano altri tagli di organico e di pagine in altri giornali, denuncia una situazione ormai sempre più difficile per l’informazione regionale. Del Quotidiano del Friuli-Venezia Giulia era stata annunciata dall’editore la chiusura con l’ultimo numero che doveva essere in distribuzione e on line ieri. Invece, non è stato stampato e distribuito, in un primo tempo per un misterioso e presunto guasto alla rotativa, poi si è appreso perché l’editore ha ritenuto diffamatorio l’editoriale del direttore. Inoltre, è stato oscurato il sito del giornale e sono stati resi inaccessibili Facebook e Twitter. Chiusa fisicamente la redazione. L’Assostampa Fvg, da sempre impegnata nella difesa del lavoro, del pluralismo e della libertà di informazione e delle testate giornalistiche in regione, sarà al fianco dei colleghi de Il Quotidiano del Friuli-Venezia Giulia in ogni sede e denuncia relazioni sindacali con gli editori sempre più deteriorate. Ma ecco il “diffamatorio” editoriale del direttore Fabio Folisi.

Chiude un giornale, perde la democrazia
Cari lettori, care lettrici,
quello che mi appresto a scrivere non è un commiato, è un coccodrillo, che nel gergo giornalistico non è altro che un necrologio scritto in anticipo per averlo immediatamente pronto non appena giunta la notizia della morte. Mai come in questo caso infatti la morte era stata annunciata, diciamo pure pilotata. Certo la crisi economica ha fatto la sua parte, ma il progressivo disimpegno nella logica del mero taglio dei costi e la mancanza di un reale impegno nell’acquisizione pubblicitaria del giornale hanno fatto il resto.
Ma recriminare serve a poco e non saremo noi, sempre che qualcuno non metta in giro voci false o pensi di aggirare ogni regola contrattuale o compiere passi aggressivi, magari ridando vita alla testata in maniera surrettizia e precarizzante, ma su queste partite abbiamo avuto in verità garanzie dalla proprietà e non abbiamo dubbi che la parola sarà rispettata. Rimane invece il rammarico di vedere che il progetto, condiviso per anni con l’editore, quello di dare voce all’informazione indipendente si è arenato, è stato strangolato vigliaccamente da mani femminili che avrebbero dovuto invece promuoverlo per conto della proprietà, proprio quando, per unanime riconoscimento, l’obiettivo era stato centrato e questo giornale era diventato una realtà consolidata, autorevole ed apprezzata anche da chi ne subiva le critiche ma ne ammetteva la correttezza. Ma questo non è bastato a tenerlo in vita. Così da domani, dopo l’annunciata chiusura della redazione di Udine del Gazzettino ridotta ad ufficio di corrispondenza e l’annuncio di ulteriori esuberi anche nel gruppo Espresso (Il Piccolo), arriva la chiusura del nostro Quotidiano che, in verità “agonizzerà” ancora qualche giorno solo sul web. Insomma si impoverisce in maniera ulteriore il panorama dell’informazione del Fvg e della città di Udine in particolare. Tutto questo rende evidente che il settore dell’informazione, fondamentale per la tenuta democratica è ormai totalmente allo sbando perché lasciato nelle mani di “editori” che sembrano non avere alcuna idea del loro ruolo e delle regole di base delle relazioni sindacali di cui auspicano, fra l’altro, così come avviene in altri settori, la marginalizzazione e magari l’estinzione delle tutele. Inutile dire che servirebbero linee certe per il riordino del settore, con alcune scelte di indirizzo anche da parte del “pubblico” delineando ad esempio criteri per l’assegnazione della pubblicità istituzionale o di sostegno alle nuove iniziative editoriali. Si tratterebbe di interventi molto poco onerosi per le casse pubbliche da subordinare magari al fatto che le società editrici applichino il contratto nazionale di lavoro o che si creino tipologie come quelle cooperativistiche e associative nella gestione di testate. Il problema grave a livello generale è che il mondo dell’informazione sta attraversando una autentica rivoluzione industriale in un momento di recessione economica. Questa è la combinazione peggiore che si possa immaginare con il rischio altissimo per la stessa tenuta democratica del Paese e la creazione di monopoli, perché solo i grandi gruppi editoriali riusciranno a governare questa transizione. Col risultato di uccidere definitivamente il pluralismo. Non intervenire in tempi strettissimi significa – al di là delle intenzioni dichiarate – accettare nei fatti che i cittadini del Fvg non abbiamo un’informazione orientata. Significa, cioè, essere compartecipi della lesione di un diritto costituzionale. Non c’è tempo da perdere. La giunta regionale batta un colpo. Siamo consapevoli che i problemi del Paese sono enormi, ma questo problema – il problema della libertà di manifestazione del pensiero e della libertà di stampa – è uno di essi. Deve essere messo subito in agenda. Tra le priorità. Sennò appare chiaro che quando nei partiti ci si riempie la bocca della parole democrazia, libertà, pluralismo e trasparenza, si intende solo una cosa, la creazione di un sistema “amico” facilmente regolabile che non disturbi mai il manovratore. Se poi a questa inettitudine istituzionale sommiamo la scarsa lungimiranza del mondo economico, la pretesa di possedere tv o giornali solo come strumento di potere da dismettere quando diventano poco utili a certe finalità, il cerchio si chiude. Ed allora come già amaramente constatammo riferendoci al Gazzettino, ma sapendo in cuor nostro di essere i prossimi della lista, che il rischio era che di giornali ne “rimanesse solo uno”. Un allarme che oggi diventa realtà e non ci consola il fatto che quello che rimane sia un giornale fatto da colleghi di alto livello professionale e che magari sia arrivata una direzione finalmente “friulana” dopo tanti anni di “occupazione” foresta della stanza del timone. Perché nulla e nessuno per quanto bravo e onesto sia, può essere sostitutivo del pluralismo. Però perdere le battaglie non vuol dire perdere la guerra, per noi la decisione è quella di reagire, provarci. Si mettono in gioco le proprie vite , le proprie capacità, non per “difendere” un posto di lavoro che diamo ormai per perso, ma magari per crearlo tutto nuovo. Per questo facciamo appello alla comunità democratica, ai lettori, alle istituzioni e soprattutto a quelli che abbiamo criticato e che si spera abbiamo comunque apprezzato l’onestà intellettuale che ci ha contraddistinto, di sostenerci. Tenete dritte le antenne perché presto quella che fu la redazione de IlQuotidiano Fvg risorgerà, quasi nella sua interezza, dalle proprie ceneri, o almeno ci proverà, perché nasca una testata giornalistica nuova dal basso. Potremmo non farcela, ma non provarci sarebbe come lasciare incompiute le nostre vite professionali. Se dovessimo perdere questa scommessa, faremo altro, magari lasceremo la terra che amiamo, ma soprattutto l’avranno vinta coloro che pensano che quanto sta avvenendo sia “giusta selezione del mercato” meglio se biecamente funzionale ai propri interessi, convinto magari che basterà farsene “amico” uno e sarà sufficiente per proteggersi o nel caso dei politici per veicolare le proprie idee, ma rigorosamente senza un contraddittorio. Insomma potremmo essere anche in Friuli alla vigilia di un neo oscurantismo, di una involuzione democratica contro la quale servirà resistere con ogni mezzo. Un modo potrebbe essere quello di sostenerci. Buone feste a tutti, anche se per noi e le nostre famiglie non saranno dei bei giorni. (Fabio Folisi)

Standard
Atualitât, Dome pal blog

Proporzionalitât invierse

Par sigûr e je un esempli di chê che in matematiche si clame proporzionalitât invierse.
Di ce fevelìno? De tindince dal president de provincie di Udin di sparâle gruesse e di berlâ a fuart. No savìn di ce che e dipent, però la sô e je une tindince gjenerâl che si palese cuntune intensitât particolâr propit cuant che al fevele de lenghe furlane, de normative di tutele e de sô metude in vore.

In tantis ocasions o vin la impression che – ancje in graciis dal cidinôr di tancj altris di lôr, che a tasin e i lassin a lui dut il spazi – al dopri chestis cuistions juste par fâsi propagande e par platâ la sô scjarse azion concrete propit in chest cjamp.

Compagn dal Freddy de cjançon di Fred Buscaglione, che al veve il «whisky facile», il president de Provincie di Udin al à la declarazion «facile» e al ven judât in chest de bande di un sisteme mediatic e informatîf che al è simpri sensibîl aes sôs sparadis.

L’efiet di cheste ande al è che, in particolâr, ancje cuant che al dîs alc di sest, al rive a fâ passâ il messaç contrari.
Par esempli se al declare “urbi et orbi” che al è ben insegnâ il furlan ai fruts, al fâs vignî la voie di fâ dut une altre robe e fintremai di fâur cjantâ ai fruts l’imni di Mameli (robis di clamâ Telefono Azzurro…).
Par no fevelâ di cemût che la robe e je stade doprade par fâ un sondaç in cont de opinion de int sul argoment.
Ma forsit chest nol è un probleme par lui, stant che il so intindiment nol è chel di indreçâ la opinion publiche a pro dal furlan ma ben chel di mostrâsi lui, su la stampe e par television.

Une altre sparade di cheste fate e je chê de setemane stade, cuant che al à berlât cuintri de Regjon, che no da fûr par ordin ai ents locâi i fonts statâi previodûts pe metude in vore de Leç 482/1999.

Al pues stâi che i timps dal ripart a sedin stâts masse luncs e in chest sens al podarès vê ancje reson, però al è un però: anzit, doi.
La sô berlade e je suspiete pai timps – al somee che le vedi fate juste intant che al veve za ricevude la comunicazion dal contribût pal 2012, daûr di un at aministratîf dal mês di Fevrâr – e soredut e je une vore discutibile tai cuntignûts, stant che al domande che e vegni scancelade la gjestion aministrative e organizative regjonâl di chei bêçs dal Stât, che e diven de metude in vore dal Statût di autonomie e duncje de rilevance de presince chi di nô des comunitâts furlane, slovene e gjermaniche.
Mancul mâl che al è un difensôr des autonomiis…

Si pues zontâ ancje alc in cont de lenghe furlane e di ce che e fâs Provincie di Udin cui bêçs de leç 482/1999 e cun chei altris che i rivin de Regjon pes ativitâts culturâls par furlan: segnaletiche stradâl là che, par esempli, impen di “Orçan” si lei “Orzàn” (sic!) e fintremai “Centri Commercial” (sic! sic! sic!) al puest di “Centri comerciâl” (viodût timp indaûr su la strade tra Paulêt e Remanzâs), iniziativis culturâls “dialetantis” e autoreferenziâls e soredut propagande personâl grandonone(in maniere coerente cuntune cierte proporzionalitât invierse).

Par no fevelâ di ce che no fâs. Par esempli: isal pussibil che chest ent, che il so president al conte che i ten une vore ae lenghe furlane e ae furlanetât, no si visi de Union Scritôrs Furlans e de riviste Gnovis Pagjinis Furlanis?
Al somee propit di sì, cemût che si lei achì e achì

Cemût disevial chel? «Meditate, gente, meditate».

Standard
Atualitât, Dome pal blog, Friulanofobie

La balote dal pizighet

Ancje chest an il Premi S. Simon, che al è calcolât il concors leterari in lenghe furlane plui impuartant, nol à vût nissun vincidôr. La jurie, compagn che un pôcs di agns indaûr, e à decidût che lis oparis in concors a jerin masse pocjis e che no jerin cussì interessantis. Un dai siei components, l’innomenât senegjatôr e scritôr Carlo Tolazzi, al à sclarît ce che al pense in cont di cheste situazion su lis pagjinis di un cuotidian di chenti («chel cul non forest», cemût che lu clame cualchidun…).

In cont dai argoments fats indenant si podarès dî, compagn di chei zuiadôrs di balon intervistâts ae fin de partide che ju menave pal boro la Gialappa’s Band par television: «sono pienamente d’accordo a metà col mister».
Cun di fat, si rive a jessi in cunvigne dome cun cualchidune des sôs riflessions, ven a dî cuant che al marche cetant che la Universitât che e varès di jessi “dal Friûl” e je lontane dal teritori, de sô int e de sô lenghe e cemût che e je (almancul) discutibile la azion des istituzions tal cjamp de culture e de produzion culturâl par furlan. In chest sens al è emblematic il compuartament dal Comun di Codroip che fin intal ultin no si à capît se chest an il concors lu varès inmaneât o no.

Al è invezit une vore plui dificil cjatâsi in sintonie cun Tolazzi cuant che al scrîf che in chescj agns si à badât dome a grafie e gramatiche e no ae espressivitât de scriture par furlan.
In chest câs al somee che al fasi confusion tra dôs robis che no àn nuie ce fâ une cun chê altre – cemût che si scrîf e ce che si scrîf – o che al viodi lis robis intune maniere distuarte par vie di chel ategjament ideologjic tipic di tante “inteligencjia” di chenti che no rive a acetâ il fat che la lenghe furlane e sedi une lenghe normâl e che, compagne di dutis chês altris, e vedi cualchi regule par scrivile.

E al à di jessi calcolât dome che un prejudizi ancje un altri element che al ven ricuardât di Tolazzi: par lui cui che al scrîf par furlan nol è cussì ispirât par vie che al learès dome robe par furlan (e no ancje par talian o in altris lenghis…) e duncje al sarès «sierât» e fintremai «razist»… Sù mo, sù!

Par nestri cont la cuistion e je une altre. Provìn a sclarîle, in struc: la lenghe furlane no je dome la leterature par furlan e la leterature no je dome i romançs e soredut no je dome il S. Simon.
Il furlan al è une lenghe in cundizions di minorizazion ma, cun dut achel, al ven doprât par fâ robis interessantis, de radio ae musiche, dal cine ae informazion.
Al è une lenghe che e ven doprade cuntune cierte vivarositât ancje inte scriture creative e al baste sgarfâ in rêt par rindisi cont di chest.

Forsit a son in pôcs chei che a scrivin romançs par furlan. E par sigûr a son ancjemò di mancul chei che i romançs par furlan ju lein, ancje parcè che no podìn dismenteâ che fin cumò o sin stâts libars di scugnî jessi analfabetis te nestre lenghe.
Ma nol è dome chest. Cun di fat la scriture e la leture in dì di vuê – e no dome par furlan – a sielzin altris formâts, a tacâ de conte curte, cemût che al mostre ancje il conferiment dal Nobel pe leterature ae scritore canadese Alice Munro.

Se al è alc che nol va, chel al tocje une vore di plui il Premi S. Simon che la leterature par furlan o la lenghe furlane. Cun dut achel su chel stes cuotidian vuê si lei che chê dal furlan e sarès une «morte naturale» e una «fine fisiologica». A son lis peraulis che si cjatin tal titul e tal sottitul di un articul là che a son metudis dongje diviersis opinions sul argoment, ma là che no’nd è nissune – nancje chê di Alberto Garlini – che e je cussì drastiche e assolude e soredut cussì discutibile (si pues lei il toc achì: http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2013/10/29/news/friulano-tradito-no-e-morte-naturale-1.8014766).

Al pues stâi che, a fuarce di dâi, cualchidun in viâl di Palme al vedi pensât pardabon che e fos rivade (finalmentri?) la ore di fâi il funerâl ae lenghe furlane.
Ma une robe e je la “Balade dal pizighet” dai Mitili FLK e une altre e je cheste fufigne, cheste balote.

Standard
Atualitât, Dome pal blog

Tal zardin de ignorance

E à fat un grum di scjas la discuvierte che suntun dai libris di scuele plui doprâts in dut il Stât talian, “Nel giardino del sapere” (editât di Giunti Scuola) si cjatin un grum di falopis, in particolâr in cont dal Friûl e de regjon Friûl-VJ. La cuistion, tirade fûr cun snait de bande dal conseîr regjonâl Alessandro Colautti cuntune interpelance pe Zonte regjonâl fate indenant ai 30 di Setembar, e je stade une des gnovis sparadis za in prime pagjine tai cuotidians locâi di îr e tornade a cjapâ in man ancje vuê.

Tra lis perlis che si cjatin ta chel sussidiari pes scuelis primariis a son la segnalazion dal Soave tant che vin tipic furlan, di Grau tant che puart industriâl e de Buere che e sarès un svint che al sofle di nord.
Lis parts in cont des lenghis a son chês plui fenomenâls: di une bande si dîs che in cualchi puest de nestre regjon si fevele par todesc e par sloven – e chest almancul al è just – intant che la lenghe furlane e ven clamade “dialetto”; di chê altre, tal libri pe classe cuarte, inte sezion che e fevele de popolazion dal Stât talian e des minorancis linguistichis no dome no son ni la lenghe furlane ni i furlans, ma no si cjatin nancje lis comunitâts di lenghe todescje de Cjargne e de Val Cjanâl. Cun di plui no vegnin menzonâts nancje i sarts (pe Sardegne si fâs riferiment dome ai catalans de l’Alguer) e nancje i ladins: une vie di mieç tra la linguistiche di regjim dai prins dal Nûfcent, cun Carlo Battisti e Carlo Salvioni, e i tecnics che in cont dal guvier dai tecnics tal 2012 si vevin inventât la distinzion tra minorancis linguistichis “di serie A” e chês – i furlans, i sarts e i ocitans – «parlanti un particolare dialetto», che ju à metûts in rie ancje la Cort Costituzionâl, cemût che o vin ricuardât ancje intun nestri articul dal mês di Lui (https://eurofurlan.wordpress.com/2013/07/26/la-friulanofobie-e-fas-mal-si-a-di-curale/).

Diviers di lôr a àn marcât cemût che, almancul in cont di Friûl, di furlan e di lenghis, tal “Zardin” de Giunti Scuola si cjatin plui ignorance e falopis che savê. Ignorance in gjeografie, in storie, in antropologjie e in cont di lenghis e normative. I curadôrs dal libri a mostrin di no savê che il furlan al è une lenghe “de facto” e lu è ancje “de jure”, almancul a tacâ de Leç regjonâl 15/1996 e soredut de Leç statâl 482/1999, daûr dal articul 6 de Costituzion.

A proposit di Costituzion al merete marcât che dongje dal sussidiari ai fruts des scuelis ur è stât dât ancje un librut di educazion pe citadinance. In cont di minorancis linguistichis e articul 6 no mancjin nancje in chest câs uns pocjis di… imprecisions. Par fortune in chest câs il furlan al è e al ven tratât cemût che al merete (tant che “lenghe”), però l’ategjament al è avonde ambigui e fof (no si specifiche la cuistion di fonde: i dirits linguistics. Ma ce volêso? So’ ragazzi) e te pagjine specifiche si fasin bielis discuviertis: par esempli, che inte regjon Friûl-VJ e je une minorance cravuate o che – cemût che al voleve il senatôr Vegezzi Ruscalla tal 1861 – in provincie di Turin no esist la lenghe francese. E vie indenant cussì.

La robe, in gjenerâl, si pues calcolâle une porcarie, però – a pensâi parsore – no je nancje cussì scandalose.
Cun di fat e je une robe a talian vie. Tai contignûts, e je une robe coerente cun chê tindince che di passe cent agns nus fâs crodi che al esist il ‘Triveneto’ (de scuele ai media fintremai ae Glesie), che Gurize e je te fantomatiche ‘Venezia Giulia’, che il Friûl al è dome la provincie di Udin intant che il Friûl Gurizan al sarès Isontino e di là de Aghe al esistès une tiere cence non, di scugnî clamâle ‘Destra Tagliamento’ o ‘Pordenonese’, e cun chê altre, fate indenant tai ultins cuindis agns, che e viôt la plui part di lôr scrivi ‘Friuli Venezia Giulia’ cence liniutis, nancje te sô version par furlan (e chest, salacor, al è ancjemò plui grâf…). Une lungje storie di ignorance, di alienazion e di negazion storiche, linguistiche, gjeografiche, culturâl e identitarie.

E je une robe a talian vie ancje tal metodi. Daûr di ce che al scriveve îr sul ‘Quotidiano’ Andrea Pierini, la Giunti «ha inoltre fatto sapere che si tratta di un volume per bambini e gli spazi sono decisamente limitati per questo non è possibile fare un elenco di tutte le peculiarità del territorio ma si tende a indicare le principali». Ben, si capìs, no si pues scrivi dut, ma che il furlan al sedi une lenghe e che il Soave nol è un vin di chenti no son propit robis di pôc! O no?

Ma chest nol vâl dome pai autôrs e i editôrs. Cun di fat al merete marcât ancjemò alc.

Chei che a àn tirât fûr la cuistion a Triest, a Udin e a Rome a son di chê stesse part politiche che tai ultins agns i à fat cuintri ae tutele des minorancis linguistichis cun peraulis, oparis e omissions, a tacâ des declarazions dal ex president de Regjon in cont de ca***ta de lenghe furlane e de sô tutele fintremai aes iniziativis “dialetantis” che impen di promovi la lenghe furlane e il so status le sbelein e le sputanin in Friûl e ator pal Mont.
In zonte di dut chest, al ven di domandâsi: ma no isal propit nissun di çampe in stât di vierzi bocje sul argoment, sei chel specific che chel gjenerâl?

La robe – cul titul “I friulani? Popolo di spazzacamini” – e je stade pompade soredut di chel cuotidian di chenti che però si clame ‘Messaggero Veneto’ – compagn che se in Catalogne a fossin “El Diario de Murcia” o “El periodico cantàbrico”… – che tal so sît internet al è un event miracolôs cuant che si cjate alc par furlan e soredut che al è scrit just (ma isal propit cussì dificil provâ a scrivi “Cjastrons” e “Sorestants”?).

Al sarès di ridi se nol fos di vaî. Tal zardin de ignorance e soredut de mistificazion si cjate une vore di plui des fufignis scritis suntun libri di scuele.

Standard