Atualitât, Friulanofobie, Media, Politiche

L’europeisim scozês e il localisim anglobritanic

Un dopli patafon. Il risultât dal referendum dai 23 di Jugn in cont de apartignince o mancul dal Ream Unît ae Union Europeane nol è tant alc che al fâs cuintri ae Europe e ae Union europeane, in gjenerâl, cemût che nus àn contât in tancj, massime tai ultins dîs.

Al è soredut un colp cuintri de Europe anti-europeane e anti-europeiste di cumò, che e je fondade sui Stâts nazionâi, sui guviers e su lis frontieris di rinfuartî e po su la finance e sui afars cence cunfins. E cussì al varès di jessi intindût, cu la metude in vore di iniziativis di pueste che a marchin un cambiament di fonde te Union europeane di cumò viers di une Europe plui sociâl e plui democratiche, là che a valin di plui i citadins, i dirits, i teritoris e la coesion sociâl e mancul i guviers, lis burocraziis, lis bancjis e i indiçs finanziaris.

Magari cussì no, pal moment no si viôt nuie dal gjenar. Di Juncker ae Merkel e vie indenant al rive dome un invît – just te sostance, antipatic te forme – par che i britanics a ledin fûr de Union europeane ae svelte. Tant a dî: «Vêso volût il referendum? Vêso votât cussì? Alore rangjaisi e fûr dai tabars!»

Za prime dal vôt e ancjemò plui dopo dal risultât, dute la cuistion e je stade ridusude a une sorte di confront tra retorichis diferentis: chê dai sostignidôrs dal “Leave”, che però tal “day after” a mostrin di no vê albe di ce che a àn di fâ e magari ancje di vê capît di vêle fate gruesse cu la lôr propagande e cu lis lôr bausiis, e chê dai sostignidôrs dal “status quo” (prime e magari cussì no ancje cumò…) che dopo vênus contâde chê dal ors su cetant figons che a jerin i inglês – stant che, in particolâr ator pal Stât talian ,in tancj di lôr a son convints che Ream Unît e Ingletiere a son la stesse robe – cumò, un pôc cun bocje di ridi e un pôc cun asse e cun tristerie, ju piturin tant che barbars, salvadis e egoiscj.

Il risultât dal referendum dai 23 di jugn i fâs cuintri a fuart ancje a cheste retoriche (pseudo)europeiste, cemût che al ven marcât a clâr achì.

Al à di jessi stât un biel colp, par ducj chei che a calcolavin i indipendentiscj scozes tant che localiscj, isolazioniscj e egoiscj, cuintri de storie e cuintri de Europe, discuvierzi che il puest là che a àn votât di plui e cun plui convinzion a pro dal “Remain” al è propit la Scozie.

Plui di cualchidun al à scugnût cjalâ in muse la realtât, cun tante fature. Compagn di Fonzie che in Happy Days nol rivave mai a dî che al veve tuart o che al veve falât. O compagn di Renzi che i à metût un pôc par ameti che tes elezions aministrativis di pocjis setemanis indaûr il so partît nol jere lât… masse ben.

Un esempli al è la “Amaca” di Michele Serra publicade cualchi dì indaûr su La Repubblica, là che l’innomenât gjornalist talian al marcave il fat che a Edimburc la maiorance dai votants e je stade a pro dal “Remain” e al contave di cemût che chê citât e je vierte al mont, e à une innomenade universitât e e je plene di students Erasmus, ma si dismenteave (??) di scrivi che e je in Scozie. Cuissà parcè?

Cumò si varà di viodi se a Bruxelles a rivaran finalmentri a capî chê domande di autoguvier e di Europe e di autoguvier in Europe e se a rivaran a dâi la rispueste che e merete. Se al è cussì al sarà a pro de Scozie e di dute la Europe. E ancje a pro dal Friûl e dai furlans (almancul di chei che a àn cussience di se).

Advertisements
Standard
Atualitât, Media, Politiche, Storie

La Fieste de Republiche a Udin e il “chimerico bronzeo cavallo”

Îr in dut il Stât talian o vin fat fieste. E o vin fat ben, parcè che e jere une zornade impuartante.
Al jere il setantesim inovâl des elezions pe Assemblee Costituente e dal Referendum su la forme dal Stât (Republiche o Monarchie).

Al è propit par chel che chê date e je stade sielzude tant che Fieste de Republiche.

Dongje dai 25 di Avrîl, chê di îr le calcolìn tant che la fieste plui impuartante pai citadins dal Stât talian. O marchìn la peraule “citadins”, cun chê di marcâ che e je une fieste “civiche”: di citadins, cun dirits e cun dovês; di personis che a vivin adun e che il lôr vivi cun chei altris al è fondât suntun sisteme di principis e di normis che a regolin e a judin chel stes vivi adun, la convivence civîl.

Chê dai 2 di Jugn e je la Fieste de Republiche. Di chê Republiche che e je nassude de Resistence cuintri dal nazisim e dal fassisim. Di chê Republiche che si declare «fondade sul lavôr». Di chê Republiche che «ripudia la guerra». Di chê Republiche che te sô Costituzion, a tacâ dai siei principis di fonde, e marche a fuart la impuartance de paritât, de avualiance, de democrazie, des autonomiis e de tutele des minorancis linguistichis.

Ben! Tes setemanis passadis la citât di Udin si à preparade pe Fieste de Republiche intune maniere che si pues definîle pardabon particolâr…

Cun di fat, fûr e dentri dal Consei comunâl si à fevelât – e si à votât – in cont di statuis e di res. Cuntun vôt traversâl – e par fortune ancje cun cualchi posizion critiche – in Comun a àn decidût che la statue di Vittorio Emanuele II, che si cjate tai zardins Ricasoli, e à di jessi metude in Place dai Grans – Place XX di Setembar.
Parcè? Ve chi lis motivazions: parcè che chê place e je masse vueide e si à di jemplâle cun alc; parcè che il monument di chel che cualchidun lu clame (ancjemò??) «padre della patria» (cuâl? Di cui?) e che si dîs che al sedi stât soredut pari naturâl di diviers di lôr, in bande dai siei fîs e fiastris uficiâi, no pues jessi lassade alì che e je cumò; parcè che al covente rinfuartî “il sentimento patriottico”.

Nus somein argomentazions discutibilis e salacor ancje piês.
In cont de prime nus saltin fûr un dôs domandis. No saressial il câs di jemplâ lis placis di int, che si cjate adun, che si da dongje, che e discor, che e resone, che e fâs fieste? E duncje no saressial il câs di creâ situazions di socialitât e magari di creâ ancje lis cundizions urbanistichis e architetonichis par che la int si dedi dongje, ancje fûr di une logjiche dome di consum?

Rispiet a chês altris, nus vignarès di metilis in relazion cu lis notizionis sparadis dal cuotidian di chenti in cont dai spaçadôrs di droghe che a son te capitâl dal Friûl. Cence jentrâ masse in detai – in particolâr su lis droghis e su ce droghis che a son… – o pensìn che se a son i spaçadôrs a saran ancje i consumadôrs, E ce che o vin sintût e let nus al conferme a plen.

Se di no, e se no tignin cont dal dal fat che in gjenerâl in Friûl no sin dome produtôrs ma ancje consumadôrs di vin, di bire e di sgnape, al somee pardabon dificil capî il parcè di dut chest spiticâsi in cont de statue dal cussì clamât “re galantuomo», in cont dal «sentimento patriottico”, in cont de (presumude) necessitât di spostâ la sô statue tal centri de citât e fintremai di meti il «chimerico bronzeo cavallo» no in Place dai Grans ma in Place Libertât, cemût che al volarès cualchidun altri ancjemò.

In chescj câs la domande e je «Chi è il pusher?», impen che la esortazion juste e je «Mole il bevi», parcè che al è facil passâ in curt dal “bronzeo” al “sbronzo”.
O ben, paradossalmentri, si podarès dî che dute cheste ferbince “patriottica” e “sabauda” e sedi une forme di omaç al Friûl, ai patiments di cheste tiere par vie des vueris dai res di Savoia, al so jessi plurâl par storiis, lenghis, culturis e identitâts e al fat che, in chê che tal 1946 e jere la provincie di Udin, passe il 63% di lôr a vevin votât a pro de Republiche…

Cun rispiet pe storie – là che, ben o mâl, a son oviementri ancje Vittorio Emanuele II e la sô statue – o pensìn che chel monument al stedi ben là che al è, ta chel Zardin che al è dedicât a Ricasoli, che al va benon par memoreâ i prins agns dal Ream di Italie, ancje chei cuant che nissune part dal Friûl a’ndi faseve ancjemò part.

Al è stât ancje cui che al à comentât cheste discussion cul fevelâ di rivocs (neo)monarchics.
Al pues stâi. In cualsisedi maniere nus somee soredut une monade, in chel istès gnove e vecje.

Standard