Atualitât, Friulanofobie, Par ridi (?)

Le piccole patrie e il piccolo Piccolo

‘Eppur si muove!’. A son passâts doi agns e mieç des elezions regjonâls e finalmentri, a fuarce di vitis, si scomence a viodi alc di bon e di just in cont de promozion de lenghe furlane e dai dirits linguistics di ducj i citadins di cheste regjon.

Sui gjornâi di chenti in chescj ultins dîs, o vin let dal progjet ‘Lenghis’, dal software ‘Jude’, dal lanç dal festival ‘Suns Europe’ e di assessôrs regjonâi che a fevelin, finalmentri, di paritât, di no discriminazion, di promozion de diversitât linguistiche, di dirits, di pussibilitât di disvilup e di promozion dal teritori cu lis lenghis furlane, slovene e todescje e di relazions cul mont che si disvilupin propit daûr di cheste specificitât che e je proprie de regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest.

Denant di chest dinamisim e di chestis robis di sest, al vignarès di doprâ chês stessis peraulis di Galileo Galilei o ben di ricuardâ il titul par talian (‘Qualcosa è cambiato’) di chel innomenât film cun Jack Nicholson e Helen Hunt che par inglês si clame ‘As good as it gets’.

Però, denant de insistence dal cuotidian di Udin tal doprâ lis espressions ‘piccola patria’ e ‘piccole patrie’ e de maniere che il cuotidian di Triest al à tratât la presentazion di ‘Jude’, cul gjornalist che al somee scaturît parcè che al vignarès doprât ancje a Gurize (dismenteantsi che chê e je une citât ancje di lenghe furlane) e fintremai spaurît – e cun chê di spaurî i siei letôrs…(nancje che al fos un virus…) – parcè che al podarès vignî doprât ancje a Triest (ce saressial di strani? Se al è il cjâflûc di chê regjon là che a son ancje i furlans, e se alì e je la plui part dai uficis….) e magari ancje cu la lenghe slovene…, si rindisi cont che al è ancjemò un grum di lavôr ce fâ…

PS. E mancul mâl che in cont di ‘Jude’ nissun al à scrit che, stant che si clame cussì, al sarès il prodot di un complot des fuarcis dal ‘potere giudeo-plutocratico’ e magari ancje di chês dal Califât…

Standard
Atualitât, Friulanofobie

A proposit di Furlan, Furlans pal Mont, ‘Blecs’ e ‘Tacons’

A proposit di Furlan, Furlans, Furlans pal Mont, ‘Blecs’, ‘Tacons’ e altris supostis, stant che o vin viodût che l’argoment al clame une ciert interès, o sin lâts a sgarfâ in rêt e o vin cjatât chest articul di un pâr di agns indaûr:

Friuli nel Mondo’: “2.0” o zero e vonde?

Forsit al è cambiât alc, ma par sigûr ancjemò masse pôc…

Standard
Atualitât, Editorie, Par ridi (?)

‘Blecs’, ‘Tacons’ e altris supostis

Dopo de cjar rosse che e fasarès vignî il cancar e dal scuintri tra Valentino Rossi e Marc Marquez, di passe une setemane un dai argoments di discussion plui frontâts, almancul in Friûl, al è chel de cuistion di ‘Blecs’ e di ‘Tacons’.

Nus somee in chel istès sei une robe interessante, parcè che e mostre ancjemò une volte i limits di plui di cualchidun di lôr, ancje in tiermins di deficit di ironie e di autoironie, sei une altri esempli di arme di ‘distrazione di massa’ une vore potente, in stât di fâ pierdi di viste a tancj di lôr la situazion reâl e di fâ saltâ fûr un dibatiment plen di prejudizis e di lûcs comuns.

Parcè le pensìno cussì? Cumò o provìn a sclarîlu.

Tachìn dal principi. Daûr di ce che al scriveve za une setemane indaûr il cuotidian che al ven fûr a Udin – chel cul non forest … – Ente Friuli nel Mondo si à inrabiât cun chei che a fasin ‘Tacons’ parcè che a copiin e a menin pal boro une lôr produzion, ‘Blecs’.

‘Blecs’ al è un cors di furlan in pirulis video, pensât pai furlans pal mont e soredut pai fîs e i dissendents dai emigrants furlans. Al è fat avonde ben, dal pont di viste tecnic e ancje sul plan didatic. Però, stant che al va daûr di une ciert standard che al tocje la plui part dai videocors di lenghe foreste produsûts tal Stât talian, si pues dî che al podarès jessi un tic plui dinamic e un pôc mancul ‘the pen is on the table’…

Forsit al è par chel che chei che a fasin ‘Felici ma furlans’ a àn decidût di fânti une parodie, ben petade a tacâ dal titul e dal sottitul: ‘Tacons’ al puest di ‘Blecs’ e ‘supostis’ al puest di ‘pirulis’.

In vie dal Sâl, invezit di jessi contents dal fat che ‘Blecs’ – cundut dai limits dal format e dal mieç – al è un prodot di sest (e magari cussì no, nol sucêt masse dispès di chês bandis, soredut tal câs di alc che al tocje la lenghe furlane…) e che chest al cjati conferme propit te sô parodie, che e je ancje chê ninine par so cont, a àn metût in in moviment doi avocats di Rome par fâi cuintri a ‘Tacons’.

Al somee di jessi tornâts tal 2013, cuant che al jere cui che al voleve cjapâ sù firmis cuintri di Paolo Villaggio par vie di cualchi frase scrite intun so libri che no jere masse simpatiche viers dai furlans, cul efiet che, dongje di un comic che nol faseve ridi, a fossin i furlans a fâsi ridi daûr.

Sul argoment o vevin za scrit alc in chê volte.

Di ce che si lei e che si sint ator la custion di fonde e sarès chê di une presumude violazion dal dirit di autôr, ancje se su la stampe locâl il president di Ente Friuli nel Mondo al à pontât il dêt soredut viers de presumude volgaritât di ‘Tacons’.

Al vignarès di dî: ‘piês il tacon… di Tacons’. In chest câs la memorie e torne indaûr a cuant che la Rai regjonâl e veve trasmetût la version radiofoniche di un dai plui biei romançs furlans di simpri, ‘Donald dal Tiliment’ di Stiefin Morat, cun cualchidun di lôr che si veve sustât cuintri dal fat che si varessin doprâts un lengaç ‘fuart’ e ‘tantis peraulatis’…

Intant in chescj dîs su la stampe e su la rêt si à discjadenât il ‘dibbattito’, cuntun posizionament massîf – al è pardabon dificil no cjatâsi in cunvigne… – a pro di ‘Tacons’ e soredut dal so protagonist, il mitic Luciano Lunazzi.

Cul passâ dal timp la discussion, però, e à cjapât une altre plee: di une bande il prodot ‘Blecs’, che al costarès tant, che al valarès pôc e che al varès vût pôc sucès e di chê altre il prodot ‘Tacons’ che al sarès superfigo cence costâ un euro di contribûts publics, par rivâ a dî che no coventin contribûts par fâ lis robis par furlan, che chês bielis si fasin distès e che ‘Tacons’ al zove plui pal insegnament e pe promozion de lenghe furlane che ‘Blecs’.
Un biel mismàs tra robis di sest e monadis sglonfis di prejudizis.

No savìn trop che al è costât ‘Blecs’, ma o pensìn che al sedi stât paiât cui contribûts che Ente Friuli nel Mondo al cjape di ents publics e privâts e che al sedi stât fat di int che e sa fâ il so mistîr (video e didatiche).
O pensìn ancje che cui che al sa fâ il so mistîr si vedi di paiâlu il just.
O pensìn ancjemò che al è plui dificil fâ un prodot bon e atratîf che al à une finalitât didatiche che fâ un prodot bon e atratîf che al à chê di fâ ridi (i vûl savût a fâ ancje chel, che al sedi clâr….).
Cence dismenteâ che ‘Blecs’ al pontave suntun target specific e, salacor, ancje avonde dificil, ven a dî chel stes mont de emigrazion che propit ciert associazionisim in tancj agns si à impegnât a fuart – e magari cussì no, cun sucès – par disfurlanizâlu.

Duncje plui che pierdisi in cjacaris e in çavariaments, o varessin di jessi contents par ‘Blecs’, almancul par vie che i à dât ispirazion a ‘Tacons’… (ma no dome par chel). E o varessin di jessi contents par ‘Tacons’, parcè che al fâs ridi, di gust, e al pues ancje zovâ ae lenghe furlane.
In chest sens si pues calcolâlu tant che alc di miôr di ‘Felici ma furlans’, stant che chel, cundut de sô cualitât formâl, in plui di cualchi moment, cu la sô vision di furlan ‘bon salvadi’, coiar e sotan, nus veve someât une version 2.0 di Toni Merlot e Gjelindo Titiliti: plui che une autoironie cuintri dai lûcs comuns, une ironie plui flape e cui lûcs comuns…

Se lis robis a van indenant cussì, no podìn che jessi otimiscj: al vignarà fûr ancjemò alc altri di gnûf e di miôr. Simpri che no si fasedin menâ pal boro e che no sedin contents di fâsi dâ dome supostis…

Standard
Atualitât, Politiche, Storie

La domande e je simpri chê. Soredut par vuê

Vuê si ricuarde la vitorie dal Ream di Italie cuintri dal Imperi austroongjarês te Prime vuere mondiâl.

Compagn che in ocasion de Fieste de Republiche taliane, ai 2 di Jugn di chest an, chel stes frut che al à studiât un pôc di educazion civiche, al torne a domandâur ai siei gjenitôrs:
«Mame, papa! Cemût mai che la Repubbliche Taliane, che te sô Costituzion e declare che “ripudia la guerra”, fasie ducj chest festegjaments e dutis chestis celebrazions ‘in pompa magna’ pe vuere: il centesim inovâl de declarazion di vuere e po de jentrade in vuere dal Ream di Italie tal 1915 e cumò une altre volte e je daûr a memoreâ la vitorie di chê vuere de bande di chel stes Ream di Italie?»

Une biele domande. Ancje vuê e soredut par vuê.

Standard