Articui 2013, Atualitât, Dome pal blog

Pieri Piçul e il piçul Pieri

Apontament cu la storie contemporanie dal Friûl, usgnot a Glemone.
L’Istitût Ladin Furlan “Pre Checo Placerean” e il Comun di Glemone – Sportel sorecomunâl pe lenghe furlane dal Glemonàs, inte suaze de rassegne ‘Puints 2013. Incuintris su lenghe, identitât e autonomie’, a inmanein l’incuintri di presentazion dal libri dedicât a bons. Pietro Londero (Pieri Piçul) ‘Un document pe storie. Pieri Piçul e la mozion dal clericât dal 1967’.
L’apontament al è a tacâ di vot e mieze, li de ex Glesie di S. Michêl, dongje dal Domo.

E somee une serade interessante, stant che a vegnin memoreâts un dai fats e un dai personaçs plui impuartants, almancul par nestri cont, dal secont Nûfcent in Friûl.
Pieri Piçul, par ce che al à fat tant che predi, insegnant, tradutôr e scritôr a pro dal Friûl, al merete calcolât un dai “Grancj” de nestre Patrie.
A viodi, a sintî e a lei ce che al fâs ogni dì chel so omonim che al crôt di jessi ‘Grant’ e fintremai il miôr, si capìs cetante diference che e je tra un Pieri Piçul e un piçul Pieri.
God save Friûl… dai furlans (o miôr, e soredut: di chei ‘padani’)

PS. A proposit… Tal blog o vin scrit tai dîs passâts in cont de Catalogne e de ‘Diada’. Chel argoment, cun cualchi zonte ancjemò che si pee ad in plen a chel di chest post, al ven frontât ancje tal articul saltât fûr vuê sul Quotidiano del Friuli-VG (www.ilquotidianofvg.it/getlatestpdf.php).
O podês leilu chi da pît.

11.09: UNE ZORNADE, TANCJ INOVÂI. DES ‘TWIN TOWERS’ AE ‘DIADA’ FINTREMAI AES CRONACHIS EUROPEANIS

Catalogne “is not padania”. E je Europe

Chê dai 11 di Setembar e je une date che e ufrìs diviers argoments di riflession. Cemût che si sin visâts un pôc ducj cuancj, ancje par vie des tantis manifestazions memorativis, al è stât l’inovâl dai atentâts dal 2001 fats di Al Qaida cuintri dai Stâts Unîts di Americhe e dal mont intîr. In chê dì cuatri scuadris di teroriscj suicidis a vevin dirotât cuatri avions par mandaju a sbati cuintri di obietîfs unevore sensibii, in tiermins simbolics e concrets: il Pentagon, colpît in maniere limitade, la Cjase Blancje, ma in chest câs no vevin rivât a jonzi il bersai, e lis tors zimulis dal World Trade Center, rivant a semenâ muart, terôr e devastazion tal cûr di New York e in direte televisive.

Ai 11 di Setembar al colave ancje l’inovâl dal golpe che tal 1973 al à viert la lungje ditature di Pinochet in Cile. In chest câs, cun dut de ricorince ‘taronde’, chel fat al è stât memoreât une vore di mancul, ancje se lis sôs consecuencis a son stât ancjetant significativis e dolorosis.

Ai 11 di Setembar al è ancje cui che al fâs fieste in memorie di un fat storic: a son i catalans che si visin di cuant che, in chê di, tal 1714, inte suaze de Vuere de sucession spagnole i borbonics a rivarin a ocupâ Barcelone e cun chel a scancelâ lis istituzions catalanis di in chê volte.

Cemût che o vin ricuardât ancje tal nestri blog (https://eurofurlan.wordpress.com) l’inovâl di chê disfate al è ocasion par pandi con braure sei un sens positîf di identitât che une volontât fuarte di autoguvier. Chest aspiet al à marcât soredut lis celebrazions plui resintis de ‘Diada’: chest an sù par jù un milion e sîscent di lôr si son dâts dongje inte ‘Via catalana’, une cjadene umane di passe 400 chilometris a pro de indipendence.
La manifestazion e à vût un impat planetari, sei sul plan politic che par ce che al tocje i media. In chest câs l’argoment al è stât frontât ancje dai media talians. La plui part di lôr lu à fat ‘a talian vie’, pontant la atenzion plui su la maiute cu la ‘estelada’ che a vevin intor i leghiscj in Parlament a Rome che su lis manifestazions catalanis e su lis lôr motivazions. Tant a dî: “Catalogna e Padania pari sono”. E invezit nol è cussì, par resons storichis, culturâls e politichis e i àn tignût a marcâlu ancje chei de Assemble Nacional Catalana, che a àn inmaneât la ‘Via’.

La ANC e à dât fûr un comunicât dulà che e à pandût la sô contrarietât e la sô preocupazion, marcant di cjatâsi de bande opueste rispiet a chel partît talian «di drete estreme, xenofobi e omofobi». Tant a dî: “Catalonia is not Padania”.
E o pensìn che al sedi il câs di tornâ a dî ancje: “Friûl is not Padania”.

Pluitost: Friûl e Catalogne a son Europe. Cun di fat ai 11 di Setembar il Parlament european al à fate buine une gnove risoluzion pe garanzie dai dirits linguistics e pe promozion des lenghis minoritariis e dal lôr ûs e insegnament tes scuelis. Ma i media talians no si son inacuarts di nuie.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

20/09/2013

Advertisements
Standard
Atualitât, Dome pal blog

Catalonia is not Padania

La ‘Via catalana’, la cjadene umane fate ai 11 di Setembar par memoreâ la ‘Diada’, la Fieste nazionâl de Catalogne, e soredut par pandi la volontât di indipendence dai catalans, e je stade un sucès. Centenârs di miârs di personis par strade – si fevele di almancul un milion e sîscent di lôr – e duncje ancjemò plui mans che si tignivin e che si strenzevin.

La iniziative e à vût un impat planetari dal pont di viste sei mediatic che politic e diplomatic. In cheste suaze a meretin ricuardadis lis declarazions a pro dal dirit di autodeterminazion fatis indenant dai prins ministris di Letonie e Lituanie, Valdis Dombrovskis e lgirdas Butkevicius. A son declarazions impuartantis, no dome par vie che a metin in relazion lis istancis dai catalans cun chês fatis indenant tal 1989 cu la ‘Vie Baltiche’, ma ancje parcè che in particolâr la Lituanie in chest moment e à la presidence de Union Europeane. A Madrid si son sustâts ben e no mâl par chestis cjoltis di posizion e a àn fat la muse triste.

Par ce che al tocje i media in cont de ‘Diada’ e de ‘Via Catalana’ a àn dit e scrit alc ancje i media talians. La plui part di lôr lu à fat – e forsit nol podeve jessi diferent – a talian vie. Tra cualchi riferiment ai “secessionisti catalani” e intun câs ancje a une fantomatiche fieste religjose, la atenzion de stampe e des televisions talianis e je stade pontade plui su la maiute cu la ‘estelada’ che a vevin intor i leghiscj in Parlament a Rome ai 11 di Setembar che su lis resons de iniziative e su la situazion de Catalogne e dai Paîs Catalans. Tant a dî: “Catalogna e Padania pari sono”.

No! Nol è cussì, par un grum di resons storichis e politichis.
I àn tignût a marcâlu ancje chei de Assemblea Nacional Catalana, che a àn dât fûr chest comunicât par catalan e par talian:

“A l’ANC ens ha sorprés i preocupat molt veure la foto dels diputats de la Lega Nord vestits amb samarretes amb l’estelada el dia de la Diada, com ha suposat suport de solidarietat amb la nostra causa. Volem deixar clar que ens sentim al pol oposat d’aquest partit politic ultradretà i xenòfob i ens en desmarquem publicament, per això us demanem que compartint aquest “post” en les vostres pàgines ens ajudeu a fer bona informacio.

L’ANC è rimasta sorpresa e molto preoccupata nel vedere la foto dei membri della Lega Nord indossando magliette con la estelada (la bandiera catalana indipendentista) il giorno della Diada, come segno di solidarietà con l’indipendenza della Catalogna.
Vogliamo chiarire che noi ci sentiamo al polo opposto di questo partito politico italiano di estrema destra, xenofobo e omofobo e rifiutiamo pubblicamente qualsiasi avvicinamento, per cui vi chiediamo di condividere questo “post” nelle vostre pagine di Facebook per aiutarci a dare informazioni corrette e chiare”
.

“Catalonia is not Padania” e nancje i somee.

Standard
Atualitât, Dome pal blog

Visca Catalunya!

Vuê ai 11 di Setembar e je la ‘Diada’, la Fieste nazionâl de Catalogne. Di simpri l’inovâl de bataie di Barcelone dal 1714, cuant che inte suaze de Vuere de sucession spagnole i borbonics a rivarin a ocupâ la citât catalane e cun chel a scancelâ lis istituzions catalanis di in chê volte, al à un significât simbolic e politic une vore fuart.

L’an passât, in particolâr, la ‘Diada’ e je stade ocasion par pandi a fuart la voie di indipendence di une part significative e cressinte de popolazion, cemût che al è saltât fûr tes manifestazions di place.

Chest an pe ‘Diada’ a son daûr a fâ une cjadene a pro de indipendence che e scjavace dute la Catalogne. Si clame ‘Via Catalana’ compagn di chê ‘Vie Baltiche’ metude adut ai 23 di Avost dal 1989 tra Estonie, Letonie e Lituanie.

La ‘Via Catalana’ e cuvierç une trate di plui o mancul 400 chilometris e a son almancul tresinte mil di lôr i partecipants che si son za notâts, inta che altris ancjemò a son daûr a zontâsi: daûr di altris stimis a varessin di jessi in dut sù par jù un milion.

Tai dîs passâts cjadenis umanis ‘di riscjaldament’ e di poie pe ‘Via’ e soredut pai siei contignûts a son stadis fatis ator pai Paîs Catalans – par esempi a Eivissa-Ibiza tes Baleârs e a l’Alguer, in Sardegne – e in altris bandis dal mont, dal Messic ae Australie fintremai ae Ocitanie e a Parîs.

Ce si puedial zontâ? Visca Catalunya! (Viva Catalogne!)

Standard
Comunicâts, Dome pal blog

Tav Mestre-Triest, WWF e Legambiente: « vonde cul ‘acaniment terapeutic’»

WWF e Legambiente dal Friûl-VJ îr a àn fat une conference stampe. Argoment dal incuintri la linie TAV Mestre – Triest.
Us sometin il test dal comunicât pe stampe dât fûr dopo dal incuintri cui gjornaliscj.
A part la maniere falade cemût che al è scrit il non de Regjon (che o vin corezût in ‘Friuli-Venezia Giulia’) al è pardabon dificil no cjatâsi in cunvigne cui argoments fats indenant.
Buine leture

Trieste, 4 settembre 2013
TAV Mestre – Trieste. WWF e Legambiente: “Basta con l’”accanimento terapeutico” su un progetto nato già morto.”

La Regione Friuli-Venezia Giulia si attivi per mettere fine all’”accanimento terapeutico” sul progetto della linea TAV Mestre-Trieste, che dura ormai da oltre un decennio.
Questa la richiesta di WWF e Legambiente, espressa oggi in una conferenza stampa a Trieste dai responsabili regionali trasporti delle due associazioni, Dario Predonzan (WWF) e Andrea Wehrenfennig (Legambiente).
“Si tratta – hanno ricordato i due ambientalisti – di una telenovela cominciata oltre un decennio fa, con la presentazione nella primavera 2003 di un primo progetto per la tratta Ronchi dei Legionari-Trieste, poi sonoramente bocciato dagli organi tecnici dei ministeri dell’ambiente e dei beni culturali e infine ritirato nel 2005 dalla Giunta regionale di Riccardo Illy, che l’aveva finanziato e sostenuto con protervia fino alla fine.”
Poi nel 2010 RFI-Italferr presentò un progetto per l’intera linea Mestre-Trieste, suddiviso in 4 tratte (Mestre-Aeroporto M. Polo, Aeroporto-Portogruaro, Portogruaro-Ronchi d.L. e Ronchi-Trieste), che iniziarono altrettante procedura VIA separate. Lo “spezzatino”, pratica in evidente contrasto con lo spirito della VIA e con le indicazioni metodologiche fornite in merito dalla Commissione Europea, aveva ovviamente lo scopo di far concentrare l’attenzione delle comunità locali solo sul frammento di linea che interessava il proprio territorio, perdendo di vista l’insieme.
Malgrado ciò, quasi coralmente negativi (unica eccezione il Comune di Trieste) furono i pareri espressi dal Comuni, per gli impatti devastanti dell’opera sul territorio e sul sottosuolo carsico, i costi esorbitanti (ancorché non precisati), i tempi prevedibilmente lunghissimi di esecuzione, ed infine l’indimostrata necessità dell’opera stessa.
Impermeabili a ciò, RFI e Italferr produssero nel 2012 un “sistema conoscitivo unitario”, che semplicemente riuniva in un unico elaborato i 4 studi di impatto ambientale depositati nel 2010 per i 4 tronconi dello “spezzatino” progettuale della Mestre-Trieste.
Corale, anche stavolta, lo schieramento dei pareri negativi dei Comuni, con l’unica – incomprensibile – eccezione di Trieste, favorevole.
Senza fare una piega, e quindi senza tenere in conto alcuno i pareri comunali, RFI – Italferr ha quindi presentato lo scorso giugno delle “integrazioni” al progetto ed agli studi ambientali del 2010, limitatamente però alla sola tratta Ronchi-Trieste, “dimenticando” però di mettere a disposizione del pubblico i nuovi elaborati.
Nel sito del Ministero dell’ambiente, infatti, non ce n’è traccia.
“Si tratta – hanno denunciato Predonzan e Wehrenfennig – di una clamorosa violazione della normativa vigente in materia di VIA (la Direttiva europea 85/337 ed il D. Lgs. 152/2006), che i Ministeri competenti (ambiente e beni culturali) devono assolutamente sanzionare.”
Le integrazioni, inviate dalla Regione a tutti gli enti locali interessati, contengono anche l’analisi costi-benefici, relativa però all’intera linea Mestre-Trieste, colmando così – almeno formalmente – una vistosa ed inspiegabile lacuna del progetto 2010. “A maggior ragione quindi – continua il WWF – questo materiale dev’essere messo a disposizione del pubblico, per poterlo valutare criticamente con il contributo di tutte le competenze disponibili.”
Di qui la dura nota di protesta ai ministri dell’ambiente e dei beni culturali (Orlando e Bray), nonché ai rispettivi direttori generali, in cui il WWF ha chiesto che RFI-Italferr sia richiamata all’obbligo di rispettare le norme vigenti in materia di VIA. Anche Legambiente invierà una nota analoga.
Le due associazioni si rivolgono però pure alla Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia, alla DG ambiente della Commissione Europea e al Commissario straordinario Bortolo Mainardi.
“Va stigmatizzato – hanno concluso i rappresentanti di WWF e Legambiente – il fatto che RFI persista nel portare avanti, e per di più in difformità dalle norme vigenti, la procedura VIA su un progetto fuori della realtà, sia dal punto di vista ambientale, sia da quello economico. La spesa di 7,8 miliardi di Euro – IVA esclusa – per un’opera che richiederebbe almeno 30 anni di lavori e che devasterebbe la bassa pianura friulana ed il Carso, rappresenta un’evidente follia, di cui però a RFI nessuno sembra accorgersi. A maggior ragione nel momento in cui il Commissario straordinario per la Mestre-Trieste ed i Comuni hanno ormai condiviso un’ipotesi radicalmente diversa, basata sull’ammodernamento e l’eliminazione dei colli di bottiglia nella linea esistente.”
Gli ambientalisti chiedono perciò che la Regione – senza farsi condizionare da posizioni incomprensibili come il recente “non parere” della Giunta comunale di Trieste – faccia propria l’unica soluzione ragionevole della vicenda, ponendo cioè fine all’”accanimento terapeutico” sul progetto TAV del 2010, e avviando contestualmente la valutazione delle opzioni alternative, come quella ipotizzata dal Commissario Mainardi e quella contenuta nello studio redatto nel 2008 dall’ing. Andrea Debernardi per conto del WWF.

Standard
Atualitât, Dome pal blog

Ni “piccola patria”, ni “grandi opere”

Vie par chestis setemanis si fevele une vore di autonomie (chê regjonâl o chê dal Friûl? Boh!) e di infrastruturis e “grandi opere”. Cun di plui al torne a fâsi indenant une tindince a dineâ la esistence dal Friûl, fintremai te denominazion de aghe minerâl e des manifestazions sportivis.

Al somee che il Friûl al ledi ben dome in tiermins di servitûts militârs o di servitûts di passaç e che par chest nol vedi dirit nancje al so non (no i covente…): la vecje idee de “piccola patria”, dal Friûl stramudât intune grande caserme, cumò e ven tornade a fâ indenant inte vieste de “regione ponte” e de “piattaforma logistica”.

Sgarfant in rêt o vin cjatât doi articui che nus ufrissin une cjaladure diferente.
Sul Novi Matajur di joibe passade al è un toc che cuintri de “regione ponte” al fâs indenant la idee de “regione punto” e duncje cuintri de “piattaforma logistica” al presente une prospetive alternative, che nus cjate ad in plen in cunvigne: chê che a chest pont o clamaressin de “plataforme logjiche”.
Un altri al è un editoriâl di Ezio Gosgnach, jessût ancjemò tal 2009 su La Vita Cattolica, che si pues leilu ancje sul blog dal Comitât/Odbor/Komitaat/Comitato 482, là che si fevele des infrastruturis che a coventin pardabon. Ancje in chest câs lu “cuotìn” cun convinzion.

Buine leture.

Standard