Atualitât, Editorie, Par ridi (?)

‘Blecs’, ‘Tacons’ e altris supostis

Dopo de cjar rosse che e fasarès vignî il cancar e dal scuintri tra Valentino Rossi e Marc Marquez, di passe une setemane un dai argoments di discussion plui frontâts, almancul in Friûl, al è chel de cuistion di ‘Blecs’ e di ‘Tacons’.

Nus somee in chel istès sei une robe interessante, parcè che e mostre ancjemò une volte i limits di plui di cualchidun di lôr, ancje in tiermins di deficit di ironie e di autoironie, sei une altri esempli di arme di ‘distrazione di massa’ une vore potente, in stât di fâ pierdi di viste a tancj di lôr la situazion reâl e di fâ saltâ fûr un dibatiment plen di prejudizis e di lûcs comuns.

Parcè le pensìno cussì? Cumò o provìn a sclarîlu.

Tachìn dal principi. Daûr di ce che al scriveve za une setemane indaûr il cuotidian che al ven fûr a Udin – chel cul non forest … – Ente Friuli nel Mondo si à inrabiât cun chei che a fasin ‘Tacons’ parcè che a copiin e a menin pal boro une lôr produzion, ‘Blecs’.

‘Blecs’ al è un cors di furlan in pirulis video, pensât pai furlans pal mont e soredut pai fîs e i dissendents dai emigrants furlans. Al è fat avonde ben, dal pont di viste tecnic e ancje sul plan didatic. Però, stant che al va daûr di une ciert standard che al tocje la plui part dai videocors di lenghe foreste produsûts tal Stât talian, si pues dî che al podarès jessi un tic plui dinamic e un pôc mancul ‘the pen is on the table’…

Forsit al è par chel che chei che a fasin ‘Felici ma furlans’ a àn decidût di fânti une parodie, ben petade a tacâ dal titul e dal sottitul: ‘Tacons’ al puest di ‘Blecs’ e ‘supostis’ al puest di ‘pirulis’.

In vie dal Sâl, invezit di jessi contents dal fat che ‘Blecs’ – cundut dai limits dal format e dal mieç – al è un prodot di sest (e magari cussì no, nol sucêt masse dispès di chês bandis, soredut tal câs di alc che al tocje la lenghe furlane…) e che chest al cjati conferme propit te sô parodie, che e je ancje chê ninine par so cont, a àn metût in in moviment doi avocats di Rome par fâi cuintri a ‘Tacons’.

Al somee di jessi tornâts tal 2013, cuant che al jere cui che al voleve cjapâ sù firmis cuintri di Paolo Villaggio par vie di cualchi frase scrite intun so libri che no jere masse simpatiche viers dai furlans, cul efiet che, dongje di un comic che nol faseve ridi, a fossin i furlans a fâsi ridi daûr.

Sul argoment o vevin za scrit alc in chê volte.

Di ce che si lei e che si sint ator la custion di fonde e sarès chê di une presumude violazion dal dirit di autôr, ancje se su la stampe locâl il president di Ente Friuli nel Mondo al à pontât il dêt soredut viers de presumude volgaritât di ‘Tacons’.

Al vignarès di dî: ‘piês il tacon… di Tacons’. In chest câs la memorie e torne indaûr a cuant che la Rai regjonâl e veve trasmetût la version radiofoniche di un dai plui biei romançs furlans di simpri, ‘Donald dal Tiliment’ di Stiefin Morat, cun cualchidun di lôr che si veve sustât cuintri dal fat che si varessin doprâts un lengaç ‘fuart’ e ‘tantis peraulatis’…

Intant in chescj dîs su la stampe e su la rêt si à discjadenât il ‘dibbattito’, cuntun posizionament massîf – al è pardabon dificil no cjatâsi in cunvigne… – a pro di ‘Tacons’ e soredut dal so protagonist, il mitic Luciano Lunazzi.

Cul passâ dal timp la discussion, però, e à cjapât une altre plee: di une bande il prodot ‘Blecs’, che al costarès tant, che al valarès pôc e che al varès vût pôc sucès e di chê altre il prodot ‘Tacons’ che al sarès superfigo cence costâ un euro di contribûts publics, par rivâ a dî che no coventin contribûts par fâ lis robis par furlan, che chês bielis si fasin distès e che ‘Tacons’ al zove plui pal insegnament e pe promozion de lenghe furlane che ‘Blecs’.
Un biel mismàs tra robis di sest e monadis sglonfis di prejudizis.

No savìn trop che al è costât ‘Blecs’, ma o pensìn che al sedi stât paiât cui contribûts che Ente Friuli nel Mondo al cjape di ents publics e privâts e che al sedi stât fat di int che e sa fâ il so mistîr (video e didatiche).
O pensìn ancje che cui che al sa fâ il so mistîr si vedi di paiâlu il just.
O pensìn ancjemò che al è plui dificil fâ un prodot bon e atratîf che al à une finalitât didatiche che fâ un prodot bon e atratîf che al à chê di fâ ridi (i vûl savût a fâ ancje chel, che al sedi clâr….).
Cence dismenteâ che ‘Blecs’ al pontave suntun target specific e, salacor, ancje avonde dificil, ven a dî chel stes mont de emigrazion che propit ciert associazionisim in tancj agns si à impegnât a fuart – e magari cussì no, cun sucès – par disfurlanizâlu.

Duncje plui che pierdisi in cjacaris e in çavariaments, o varessin di jessi contents par ‘Blecs’, almancul par vie che i à dât ispirazion a ‘Tacons’… (ma no dome par chel). E o varessin di jessi contents par ‘Tacons’, parcè che al fâs ridi, di gust, e al pues ancje zovâ ae lenghe furlane.
In chest sens si pues calcolâlu tant che alc di miôr di ‘Felici ma furlans’, stant che chel, cundut de sô cualitât formâl, in plui di cualchi moment, cu la sô vision di furlan ‘bon salvadi’, coiar e sotan, nus veve someât une version 2.0 di Toni Merlot e Gjelindo Titiliti: plui che une autoironie cuintri dai lûcs comuns, une ironie plui flape e cui lûcs comuns…

Se lis robis a van indenant cussì, no podìn che jessi otimiscj: al vignarà fûr ancjemò alc altri di gnûf e di miôr. Simpri che no si fasedin menâ pal boro e che no sedin contents di fâsi dâ dome supostis…

Advertisements
Standard
Atualitât, Editorie, Friulanofobie, Politiche

Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs

Une gnove conferme di cemût che «L’Italia è una e incorreggibile». E je chê che e rive dal passaç ae Cjamare dal gnûf dissen di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public, che al continue a fâi cuintri ae normative di tutele des minorancis linguistichis storichis, in particolâr parcè che no garantìs lis trasmissions televisivis e radiofonichis tes lenghis de plui part des minorancis stessis, a tacâ di chê furlane e di chê sarde.

Il test al jere stât fat bon ae fin di Lui dal Senât in violazion palese de Leç 482/1999 (là che a son diviersis «normis di tutele des minorancis linguistichis storichis» e tra chestis al è l’articul 12 che al fevele propit di servizi radiotelevisîf public in maniere clare e precise) e dal DPR 345/2001 (che al è il Regolament pe metude in vore de stesse Leç 482, là che l’articul 11 al zonte ancjemò clarece in cont di cemût che si à di «sigurâ lis cundizions pe tutele des minorancis» in chest cjamp).

Par ce che al tocje radio e television publiche e minorancis, sei l’esecutîf che senatôrs e senatoris in chê ocasion a vevin mostrât di no cognossi ni l’articul 6 de Costituzion («La Republiche e tutele lis minorancis linguistichis cun normis specifichis»), ni la esistence de Leç 482/1999 (là che a son diviersis «normis di tutele des minorancis linguistichis storichis» e tra chestis al è l’articul 12 che al fevele propit di servizi radiotelevisîf public in maniere clare e precise) e dal DPR 345/2001 (che al è il Regolament pe metude in vore de stesse Leç 482, là che l’articul 11 al zonte ancjemò clarece in cont di cemût che si à di «sigurâ lis cundizions pe tutele des minorancis» in chest cjamp) e nancje il fat che a tacâ dal 2000, e soredut dal 2005 incà, il Comitât di esperts che al sta daûr de metude in vore de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, ratificade de bande dal Stât talian ancjemò tal 1997 cu la leç 302, e po ancje il Comitât dai Ministris dal Consei de Europe a continuin a marcâ – un cu lis sôs Opinions e chel altri cu lis sôs Risoluzions – che il Stât talian nol rispiete i impegns che al à cjapât sù cun chê ratifiche propit in cont de tutele des minorancis tal cjamp de radio e de television publiche e in particolâr cun rivuart pes comunitâts furlane e sarde.

Îr dut chest si à tornât a viodilu e a sintîlu in maniere ancjemò plui fuarte e plui fastidiose. Parcè? Parcè che dopo dal pastroç fat in Senât, diviers di lôr a vevin prometût che la robe e sarès stade comedade ae Cjamare dai deputâts.
Al jere cui che al veve menaçât «di fare il Vietnam», ma – cemût che si spietâvisi – nol à fat nuie. In maniere plui serie cualchidun altri al à fat indenant un emendament che – se fat bon – al varès fat justizie de cuistion, però al è stât dut dibant.

Magari cussì no, scrivi e proponi un emendament nol è avonde, cuant che si acete di ritirâlu in comission e si contentisi di un ordin dal dì che al impegne – Cuant? Cemût? – il guvier a visâsi de cuistion.

Ir e je lade cussì: l’emendament nol jere plui e al è dome un gjeneric impegn dal esecutîf.

Ce che al fâs ridi – o che al fâs vaî, sielzêt voaltris – al è il resocont de zornade fat de plui part dai media, là che al somee che chê di îr e sedi stade une concuiste e une vitorie.
Un biel esempli di disinformazion!!!

Al vignarès di dî che dongje di chel ordin dal dì – che in concret i domande al guvier e ae Rai di fâ alc che al varès di jessi za stât fat e che si varès di fâ di almancul cuindis agns, daûr de Leç 482/1999 e dal DPR 345/2001 – al torne a palesâsi une ciert disordin di ducj i dîs.

Al è un disordin concetuâl che al ten dongje gjornaliscj e parlamentârs: su lis pagjinis dal cuotidian di chenti – chel cul non forest – si lei ancjemò une volte di «elevare a rango di legge la tutela delle minoranze linguistiche nella Riforma Rai alla pari delle cosiddette minoranze linguistiche nazionali».

Al è un disordin fondât su la ignorance, suntune cierte prepotence e su la mancjance di rispiet dai principis di fonde, dai dirits e des leçs.

E soredut al è un disordin di caratar politic, che al mostre cetant che e je debile la vôs dai furlans e dal Friûl no dome a Rome ma ancje a Triest, stant che ancje in chest câs de bande dai vertiçs de Regjon no si à sintût nuie sul argoment.

Al covente movisi e fâ alc. E no dome pal furlan in Rai.

Standard
Atualitât, Dome pal blog, Editorie, Politiche

Tu quoque, Vita Cattolica

Inte suaze dal panorame gjornalistic e editoriâl di chenti o vin une stime particolâr pe “Vita Cattolica”.
Dal setemanâl de Diocesi di Udin nus plâs soredut la atenzion pal Friûl inte sô unitât e inte sô pluralitât.

Cun di fat, cundut che al cuvierç dome il teritori de Diocesi di Udin, il gjornâl al mostre di vê avonde clâr il fat che il Friûl al è plui grant, des Alps ae Marine de Livence al Timau.
La Vita Cattolica e ten cont ancje de diversitât linguistiche di chenti, cun articui, rubrichis e pagjinis par furlan, par sloven e par todesc e la plui part dai tescj par furlan publicâts e je ancje scrite doprant la grafie uficiâl in maniere corete, cemût che al è just in cualsisedi lenghe.
Cu la coretece e la atenzion che a coventin, i siei gjornaliscj par solit a scrivin ancje il non de regjon inte maniere juste, in coerence cu la storie, cu la gjeografie e cul dirit, ven a dî cu la liniute tra “Friuli” e “Venezia Giulia”.

Al è daûr di dutis chestis considerazions che o sin restâts scaturîts a viodi il “Calendario della Fede. Chiese e pievi del medioevo in Friuli Venezia Giulia” (sic!), lunari dât fûr in zonte dal prin numar di chest an dal setemanâl. Parcè che al è dome par talian, parcè che il non de regjon al è scrit cemût che al è scrit e parcè che par ogni mês e je une detule par furlan che e je scrite cence rispiet pes regulis, cun caratars, acents e apostrofs semenâts cence criteri.
Cun di plui il “Calendario” al permet di fâ ancje cualchi biele discuvierte. Par esempli, che la Fieste de Patrie dal Friûl e cole sei ai 3 di Avrîl che ai 3 di Fevrâr o che il Püst, il Carnavâl rosean, si lu fâs a Mugle.

Tal “Calendario”, dongje dal logo de “Vita Cattolica” al è ancje chel di TurismoFVG…

Standard