Atualitât, Dome pal blog

Savê di plui, savê nuie, savê di mancul o savê di …? (no son dome i sussidiaris)

I citadins dal Stât talian a son, in medie, un popul di ignorants: che no san, che no cognossin, che no àn competencis, che a son pôc scuelâts e che a àn dificoltât a capî e a scrivi un test e a fâ doi conts. Al è ce che al salte fûr dal rapuart in cont des competencis alfabetichis e numerichis des popolazions di Europe, Americhe dal Nord, Australie, Gjapon e Coree dal Sud che al è stât presentât pôcs dîs indaûr. I siei risultâts, cemût che si à podût lei un pôc su ducj i gjornâi e ancjemò di plui in rêt, a presentin une schirie di dâts e di graduatoriis là che il Stât talian al è tai ultins puescj o fintremai tal ultin, cui indicatôrs plui bas e la ignorance plui alte. Par esempli: il 27% dai adults nol è in stât di lei, scrivi e capî un test e il 32% di lôr no rive a meti dongje doi numars.

Par tancj di lôr cheste gnove e je stade une soprese. Par altris, invezit, e je stade la conferme di ce che si viôt e che si vîf ducj i dîs. La ignorance al è il spieli e salacor la lidrîs di tantis robis che no van: la competitivitât conomiche che e mancje, la mobilitât sociâl che no je, i dirits che no son rispietâts, garantîts e domandâts, i dovês che a son sghindâts, la dipendence de bande di tancj di lôr de television, la debolece dal sisteme scolastic e de formazion… A proposit, a vevin di fâ la scuele «delle tre i: informatica, inglese e impresa» (lu scrivìn par talian parcè che al merete fat cussì…quanno ce vole ce vole) e impen e je saltade fûr chê cuntun “i” sôl: ignorance.

Che e sedi tante ignorance ator si lu capìs, par esempli, cuant che si lein ciertis letaris, publicads sui gjornâi locâi, là che si fâs cuintri al furlan a scuele cun argoments che no van innà di prejudizis e lûcs comuns.

Che e sedi tante ignorance ator e in particolâr propit tes istituzions che a varessin di promovi il savê, il savê fâ e il savê jessi si lu à viodût a clâr tai dîs passâts, cu la discuvierte di cetantis falopis che a son tai libris di scuele, par esempli in cont dal Friûl e de regjon Friûl-VJ.
Il biel – si fâs par mût di dî – al è che cheste ignorance e cheste aprossimazion no son dome di un libri o di un editôr. Cun di fat chel di “Nel giardino del sapere” (editât di Giunti Scuola) nol è l’unic câs, stant che a nd è saltât fûr ancje un altri, “Ora so di più” (editât di Ardea Tredieci) là che a son stadis segnaladis diviersis imprecisions. Un biel passaç dal zardin de ignorance al savê che impen di jessi cognossince al devente une sensazion olfative.

Ancje in chest câs no son dome i erôrs che a puedin scjampâ. E cjate conferme ancje une cierte tindince ae aprossimazion e a minimizâ fufignis e falopis.
Se chei de Giunti a declaravin che al è un libri par fruts, al è pôc spazi e no si rive a meti dut, daûr di ce che si lei sul ‘Quotidiano’ dai 3 di Otubar (http://www.ilquotidianofvg.it/getpdfbydate.php?pdfdate=03-10-2013&submit.x=9&submit.y=13) , Lorenzo Taffarel, editôr e coordenadôr dal test di Ardea Tredieci, al marche che «certamente alcune imprecisioni possono essere rilevate ma, da un punto di vista didattico, non sembrano gravissime». E cussì al ponte il dêt sul fal di batidure (o di corezion automatiche) sul non talian di Tresesin (al sucêt: ancje tal sît http://www.tredieci.com nossere si leieve «insegnati» al puest di «insegnanti»), si piert pai trois dal «rapporto lingua – dialetto», argoment che in cont di chel «si potrebbe scrivere molto» (ma no je cheste la cuistion) e che «comunque, stabilito che il friulano è una lingua e non un dialetto, non ci pare che il modo con cui questa è stata presentata sia da “parlata preistorica”» (nol è nancje chest il probleme: il furlan al è une lenghe e si à di clamâlu cussì e no «dialetto friulano che deriva dal ladino, un’antica lingua neolatina»).

O vin scrit cualchi dì indaûr (https://eurofurlan.wordpress.com/2013/10/02/tal-zardin-de-ignorance/) che erôrs e aprossimazions a son dome un aspiet de cuistion. Al è alc altri, che salacor al è ancjemò piês. Lu conferme Taffarel, che al scrîf, compagn de plui part di lôr, di «Friuli Venezia Giulia» (cence liniute, però al va dit che sul libri al è scrit just. Brâfs!) e di «Triveneto». Tant a dî che «Trigesimo» e la Buere che e sofle di nord a son dome la ponte dal iceberg, il dêt che al segne la lune. Il probleme al è il rest dal iceberg, al è la lune nere de alienazion e de mistificazion, de pôre che e esisti une lenghe divierse, il furlan (il virus de «friulanofobie» za ricuardât che nol è tant: https://eurofurlan.wordpress.com/2013/07/26/la-friulanofobie-e-fas-mal-si-a-di-curale/), e dal fastidi che e esisti une tiere dulà che si fevelin cuatri lenghis e che si clame Friûl.

In chest câs si podarès fevelâ ancje di «Friulifobia» (al è un virus talianon e lu calmìn par talian), un cancar che si palese in tantis formis.
Dongje di chês za ricuardadis ai 2 di Otubar a nd è ancjemò altris.
Une di chês e je stade, pôc timp indaûr, la sielte de maiorance dal Consei provinciâl di Udin di no fâ buine la propueste di zontâ ai nons de Provincie par talian e par furlan ancje chei par sloven e par todesc. La robe e je za fûr scuare par so cont, ma e palese ad in plen la sô lidrîs antifurlane (cuintri de lenghe furlane e cuintri dal Friûl multietnic e multilengâl, ven a dî cuintri dal Friûl e vonde) tes motivazions fatis indenant di cui che al comande a palaç Belgrât, che al à dit che ae mozion fate indenant dal conseîr di SEL, Fabrizio Dorbolò, no si podeve dâi acet par… difindi i furlans e la lenghe furlane (?!?!?!?!?!).
E je une robe cence sens, che e fâs cuintri propit ai furlans e ae lenghe furlane, sei di un pont di viste storic che daûr di principis teorics di fonde (la tutele di slovens e gjermanics e zove ancje ai furlans, la tutele des minorancis al è un principi costituzionâl, il pluralisim linguistic al è un ben par ducj). Chê che e varès di jessi une vision strategjiche complessive e positive in cont di lenghis, dirits e Friûl e ven scjafoiade ancjemò une volte, in dì di vuê, di chê vision di Friûl, di furlan e di furlans che cul fassisim, ma za prime dal fassisim e ancjemò dopo dal fassisim, e à fat dams al Friûl, al furlan e ai furlans.
L’argoment al meretarès ancjemò cualchi zonte, ma pal moment o podìn fermâsi achì. Intun articul che si cjate tal blog di Christian Romanini a son elements che a puedin completâ il nestri resonament. Si pues leilu achì: http://romanini-udine.blogautore.repubblica.it/2013/10/10/slovens-in-friul-ah-si/.

Advertisements
Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s