Atualitât, Friulanofobie, Media, Par ridi (?), Politiche

Ancjemò ‘pride’, ancjemò ‘sgrisui’

Tal 2011 su la stampe locâl al saltave fûr un nestri articul che il so titul al jere «Furlan pride» e «Furlan sgrisui» (là che la peraule «Furlan” e vignive doprade ae inglese vie). In chê ocasion o fasevin indenant une schirie di fats che a justificavin une cierte braùre furlane ma ancje cualchi motîf di aviliment. Chel articul al tornave fûr, in rêt, doi agns plui tart, cun altris argoments a pro de braùre e magari cussì no ancjemò une volte ancje cun alc di ce sgrisulâsi.

Al passe il timp, ma a son ancjemò resons sei pal «pride» che pai «sgrisui».

O podìn vê braùre, par esempli, in continuitât cun ce che o scrivevin cualchi an indaûr, par vie de gnove App dal Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan, che e met a puartade di smartphone, di tablet, di iPhone e di iPad sù par jù setantemil lemis par furlan e ancjetancj par talian e che e mostre che lavorâ pe promozion di une lenghe minorizade (par che e sedi mancul minorizade) e dai dirits linguistics di cui che al è stât «libar… di scugnî no doprâle» al è ben e al conven.

O podìn jessi braurôs ancje pal festival Suns Europe, une iniziative di cualitât nassude in Friûl su la fonde des specificitâts e des rivendicazions linguistichis di chenti. Juste dôs setemanis indaûr chê manifestazion e a vût gnûfs ricognossiments istituzionâi in ocasion di doi incuintris che a son stâts a Strasburc tra une delegazion di chei che a inmanein la rassegne dedicade ae creativitât tes lenghis di minorance e rapresentants dal Consei de Europe e dal Parlament european. E juste doman di sere a Udin, inte suaze di chel stes progjet, a Udin al sarà un biel conciert, cun musiciscj dal Friûl e dal Gales.

O podìn jessi braurôs ancje par chel event che al è za di timp che si fevele di lui, ven a dî il Pride (cul P maiuscul) che al varà juste in chescj dîs lis sôs manifestazions plui impuartantis.
Al è une biele ocasion par tornâ a marcâ une cierte atenzion specifiche dal Friûl pai dirits e pal rispiet de(s) diversitât(s).
Al è ancje un spieli des tantis contradizions che a son propit su chescj cantins e di une situazion là che no mancjin i motîfs par sgrisulâsi.

Un prin motîf al è il non stes dal Pride, che si clame «FVG».
Lu vessino scrit almancul cu la liniute («F-VG»)…
Magari cussì no cheste brute usance le àn in tancj di lôr, no dome chei dal Pride.
Cun di plui a son usâts a definilis cuntune schirie di letaris – «LGBTQIA» (cence liniutis) – ancje lis diviersis identitâts sessuâls dal Pride… e alore forsit no si pues nancje pretindi masse (si fâs par mût di dî….).

Par sigûr al è di sgrisulâsi cuant che si lei o che si sint ator – par fortune al sucedeve une vore di plui cualchi mês indaûr, cumò dome ogni tant – che chest al varès di jessi il Pride «triveneto» (aaargh!!!).
Ancje in chest câs, magari cussì no, e je une usance une vore pandude, che in tiermins ideâi e je leade a fuart cun chê altre dal «effevuggismo senza limitismo» (par dîle ae Francesco Salvi vie…) e che salacor ancjemò di plui e marche in maniere schizofreniche, cuntune definizion fantagjeografiche leade a periodis bruts de storie de Europe e dal Stât talian, là che pai dirits e pes diversitât(s) nol jere nissun rispiet, une manifestazion che impen e varès di jessi a pro dai dirits e de(s) diversitât(s).

Un resonament di cheste fate si podarès fâlu ancje in cont dal fat che il stes event al ven comunicât dome par talian, cundut che sul sît uficiâl si rive a vualmâ un tentatîf (preseabil, ma pardabon limitât e pastroçât) di doprâ ancje chês altris lenghis dal Friûl.

Ma soredut al ven di sgrisulâsi cul lei e cul scoltâ des iniziativis e des cjoltis di posizion di tancj di lôr cuintri dal Pride e des lôr motivazions.
De menace de rivade in Friûl di un trop di «visitors» de cjançon e de politiche taliane e talianone aes interogazions in Consei regjonâl, fintremai al dibatiment sureâl di îr tal Consei provinciâl di Udin, al somee pardabon di jessi dentri di un cine dal orôr, o ben intune situazion che il so titul al podarès jessi chel dal film american «Dumb and Dumber», però cence nuie ce ridi, ma dome tant ce sgrisulâsi…

Lu scrivìn cun convinzion, parcè che o savìn ben che – dit par talian, cussì soredut cui che nol vûl capî nol pues dî che nol capìs – «friulanofobia e omofobia son la stessa porcheria».

Ma o vin dome un dubi: lu sano ancje chei tancj di lôr che in chescj dîs a fevelin, justementri, di dirits e di diversitât(s)? Cuissà?

Advertisements
Standard
Atualitât, Media, Politiche, Storie

La Fieste de Republiche a Udin e il “chimerico bronzeo cavallo”

Îr in dut il Stât talian o vin fat fieste. E o vin fat ben, parcè che e jere une zornade impuartante.
Al jere il setantesim inovâl des elezions pe Assemblee Costituente e dal Referendum su la forme dal Stât (Republiche o Monarchie).

Al è propit par chel che chê date e je stade sielzude tant che Fieste de Republiche.

Dongje dai 25 di Avrîl, chê di îr le calcolìn tant che la fieste plui impuartante pai citadins dal Stât talian. O marchìn la peraule “citadins”, cun chê di marcâ che e je une fieste “civiche”: di citadins, cun dirits e cun dovês; di personis che a vivin adun e che il lôr vivi cun chei altris al è fondât suntun sisteme di principis e di normis che a regolin e a judin chel stes vivi adun, la convivence civîl.

Chê dai 2 di Jugn e je la Fieste de Republiche. Di chê Republiche che e je nassude de Resistence cuintri dal nazisim e dal fassisim. Di chê Republiche che si declare «fondade sul lavôr». Di chê Republiche che «ripudia la guerra». Di chê Republiche che te sô Costituzion, a tacâ dai siei principis di fonde, e marche a fuart la impuartance de paritât, de avualiance, de democrazie, des autonomiis e de tutele des minorancis linguistichis.

Ben! Tes setemanis passadis la citât di Udin si à preparade pe Fieste de Republiche intune maniere che si pues definîle pardabon particolâr…

Cun di fat, fûr e dentri dal Consei comunâl si à fevelât – e si à votât – in cont di statuis e di res. Cuntun vôt traversâl – e par fortune ancje cun cualchi posizion critiche – in Comun a àn decidût che la statue di Vittorio Emanuele II, che si cjate tai zardins Ricasoli, e à di jessi metude in Place dai Grans – Place XX di Setembar.
Parcè? Ve chi lis motivazions: parcè che chê place e je masse vueide e si à di jemplâle cun alc; parcè che il monument di chel che cualchidun lu clame (ancjemò??) «padre della patria» (cuâl? Di cui?) e che si dîs che al sedi stât soredut pari naturâl di diviers di lôr, in bande dai siei fîs e fiastris uficiâi, no pues jessi lassade alì che e je cumò; parcè che al covente rinfuartî “il sentimento patriottico”.

Nus somein argomentazions discutibilis e salacor ancje piês.
In cont de prime nus saltin fûr un dôs domandis. No saressial il câs di jemplâ lis placis di int, che si cjate adun, che si da dongje, che e discor, che e resone, che e fâs fieste? E duncje no saressial il câs di creâ situazions di socialitât e magari di creâ ancje lis cundizions urbanistichis e architetonichis par che la int si dedi dongje, ancje fûr di une logjiche dome di consum?

Rispiet a chês altris, nus vignarès di metilis in relazion cu lis notizionis sparadis dal cuotidian di chenti in cont dai spaçadôrs di droghe che a son te capitâl dal Friûl. Cence jentrâ masse in detai – in particolâr su lis droghis e su ce droghis che a son… – o pensìn che se a son i spaçadôrs a saran ancje i consumadôrs, E ce che o vin sintût e let nus al conferme a plen.

Se di no, e se no tignin cont dal dal fat che in gjenerâl in Friûl no sin dome produtôrs ma ancje consumadôrs di vin, di bire e di sgnape, al somee pardabon dificil capî il parcè di dut chest spiticâsi in cont de statue dal cussì clamât “re galantuomo», in cont dal «sentimento patriottico”, in cont de (presumude) necessitât di spostâ la sô statue tal centri de citât e fintremai di meti il «chimerico bronzeo cavallo» no in Place dai Grans ma in Place Libertât, cemût che al volarès cualchidun altri ancjemò.

In chescj câs la domande e je «Chi è il pusher?», impen che la esortazion juste e je «Mole il bevi», parcè che al è facil passâ in curt dal “bronzeo” al “sbronzo”.
O ben, paradossalmentri, si podarès dî che dute cheste ferbince “patriottica” e “sabauda” e sedi une forme di omaç al Friûl, ai patiments di cheste tiere par vie des vueris dai res di Savoia, al so jessi plurâl par storiis, lenghis, culturis e identitâts e al fat che, in chê che tal 1946 e jere la provincie di Udin, passe il 63% di lôr a vevin votât a pro de Republiche…

Cun rispiet pe storie – là che, ben o mâl, a son oviementri ancje Vittorio Emanuele II e la sô statue – o pensìn che chel monument al stedi ben là che al è, ta chel Zardin che al è dedicât a Ricasoli, che al va benon par memoreâ i prins agns dal Ream di Italie, ancje chei cuant che nissune part dal Friûl a’ndi faseve ancjemò part.

Al è stât ancje cui che al à comentât cheste discussion cul fevelâ di rivocs (neo)monarchics.
Al pues stâi. In cualsisedi maniere nus somee soredut une monade, in chel istès gnove e vecje.

Standard
Atualitât, Sport

Stadio Friuli o Mer…Dacia Arena?

Al è tacât il gnûf campionât di balon, ma plui che di balon zuiât – cundut de vitorie storiche cuintri de Juve di domenie passade aTurin – chi di nô si fevele dal gnûf stadi di Udin e soredut dal so non.
Parcè? Parcè che, lant daûr des resons sacris dal diu business e de mancjance di bêçs tes cassis dal Comun, de bande de Udinese Calcio spa e de aministrazion comunâl e je stade fate indenant la propueste – che cualchidun le calcole tant che une decision bielzà cjapade sù, ancje se cumò si varà di tornâ a pensâi parsore – di cambiâ il non dal implant dai Riçs, che al è stât tornât a fâ sù tal ultin an.

Nus somee un bon motîf par discori, par sustâsi e salacor ancje par incazâsi, cemût che al fâs plui di cualchidun, in place, su lis pagjinis dai gjornâi e un pôc dapardut inte rêt des rêts. Cundut achel la iniziative di clamâ il gnûf stadi di Udin, ‘Dacia Arena’, no nus lasse par nuie scaturîts.

Cun di fat, nol è par sigûr alc di gnûf il fat che i parons e i sorestants de scuadre di balon furlane si movin cence tignî in nissun cont dal Friûl e dai furlans, cundut che i blancs e neris a varessin di jessi la bandiere sportive plui impuartante di cheste tiere e de sô int e che propit i furlans, che a son in Friûl e ator pal mont, a son propit chei che i tegnin di plui ae scuadre.

I parons e i sorestants de societât blancje e nere nus àn mostrât za di tant timp che no si visin dal Friûl e dai furlans – chei in Patrie e chei pal Mont – nancje cun chê, stant che “business is business”, di calcolâju tant che “clients” principâi dal Udin, tal cjamp, in tribune, par television e te compre di gadgets e merchandising.

Cheste mancjance di atenzion si palese in dì di vuê cu la cuistion dal non dal stadi, ma al è za tant timp che di plui bandis al ven domandât ae societât che e fasi alc di furlan, par esempli cu la comunicazion istituzionâl ancje in lenghe furlane o cu la segnaletiche dal stadi par furlan e la rispueste e je simpri chê: nuie!
La situazion e je cussì grivie che salacor al è stât calcolât tant che un grant sucès il fat che la seconde maie de scuadre e sedi zale e blu e no colôr di rose, narançon o a pois…

In confront – a proposit di “business is business” – a àn plui atenzion pai “clients” chei dal Carrefour dal Terminal Nord, che almancul cuntun cartel alì de jentrade dal supermarcjât, cundut che al è scrit cuntun eror («benvignûs» al puest di «benvignûts»…), a palesin un et di rispiet pe specificitât dal teritori dulà che a lavorin e che a vendin.

Si cjatìn in cunvigne cun cui che al proteste e cun cui che la scrîf sui gjornâl, marcant il fat che «l’Udinese si sta progressivamente staccando dal territorio» (Une biele discuvierte! Nus vignarès di dî…).
Cun di plui ‘Dacia Arena’ no nus somee chel non cussì figon: al baste zontâi un «Mer» denant e la robe e scomence pardabon a puçâ…

Però al è un però. Anzit, a’nd è doi.

Il prin al è chest: a proposit de puce, cemût che al salte fûr di une letare di Giuliana Pozzo publicade su UdineseBlog, ancje in cheste ocasion un innomenât politic locâl al à mostrât di vê, soredut cuant che al fevele di furlan e di Friûl, un podê sù par jù compagn di chel di Re Mida, ancje se invezit di stramudâ in aur dut ce che al tocje, al riscje dome di dâi un ciert odôr e un ciert colôr moron.

Il secont al è chest. Insom ‘Stadio Friuli’ al è un non dome par talian. Che al resti cussì o che magari si lu clami – ancje uficialmentri – ‘Stadi Friûl’, che al deventi ‘Dacia Arena’ o in cualsisedi altre maniere (‘Friûl Dacia Arena’? cussì al va al mancul ancje il pericul dal «Mer», che al restarès tal câs di une denominazion taliane…), e je ore che chel implant al mostri di jessi un tic plui furlan e duncje plui internazionâl e che e fasi compagn la Udinese Calcio: cu la segnaletiche in plui lenghis e duncje ancje par furlan, cul sît internet ancje par furlan, cul speaker che al fevele ancje par furlan, e magari cun esibizions di musiciscj furlans prime des partidis, cu la proiezion di videos e vie indenant…
Lu vi za scrit altris voltis: in Europe e inaltrò pal mont si fâs cussì. O pensìn che al sarès content ancje il «main sponsor».

Standard
Atualitât, Politiche

Conoscenza o ‘con o senza’? O ‘senza’ e vonde?

Dai 3 ai 5 di Lui Udin al è stât l’«ombelico del mondo» academic talian. Cun di fat te Capitâl dal Friûl si à davuelte la prime edizion di Conoscenza in festa, event di trê dîs dedicât ae cognossince, ae universitât e al rapuart tra savê e societât che al à clamât dongje i retôrs des Universitâts dal Stât talian, professôrs e studiôs innomenâts e altri esperts e ‘opinion leaders’ talians.

La iniziative e à puartât a Udin tante int – o fevelìn di relatôrs e di esperts – che in diviers câs e je pardabon interessante, a tacâ di Mauro Ceruti, Edgar Morin, Vito Mancuso e Andrea Segrè. In altris câs la robe e à cjapât sù une ande plui televisive e «fuffosa», cemût che e dîs une nestre amie, ma cheste e somee jessi une carateristiche di ducj chescj grancj events, là che a contin une vore i nons e i «testimonials». Tra chescj – almancul intal program che al zirave sei in rêt che ator par Udin – al jere previodût ancje il president dal Consei dai ministris dal Stât talian, che – al plasi o mancul – al è impuartant «a prescindere», però no si lu à viodût e nissun si à inacuart de sô mancjance.

Daûr des declarazions fatis in plui ocasions de bande dal retôr dal Ateneu furlan, Alberto Felice De Toni, a Udin si à fate la «Cernobbio della conoscenza e dell’università» e si àn metudis jù lis fondis «per il rilancio del sistema Paese».
Al vignarès di domandâsi se al è propit chel ce che i covente ae nestre Universitât. Par nestri cont, lis rispuestis a son almancul dôs.

La prime e je positive: par sigûr la operazion Conoscenza in festa e à un ciert valôr politic par promovi l’Ateneu a nivel talian. In chest sens l’impat de iniziative, però, si podarà stazâlu dome chi di un pôc: par esempli se al cambiarà alc in cont dal finanziament statâl dasl nestri Ateneu o se al vignarà fat chel piçul inzornament normatîf che al covente par che a Udin si puedi fâ finalmentri la formazion dai insegnant ‘di’ e ‘in’ lenghe furlane. Viodarìn.

La seconde e je di segn contrari: al è une vore fuart il dubi che e sedi stade plui une ocasion di promozion personâl di cualchidun e soredut e je fuartonone la sensazion che dentri di dute cheste cognossince al mancjàs alc di (avonde?) impuartant, ven a dî chel che al ven clamât il teritori e che tal nestri câs al à un non precîs: si clame Friûl.

Ancje in cheste ocasion, chê che par furlan nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, cun dut de sô storie, de sô leç istitutive e dal so statût, e à mostrât di jessi soredut (o dome) une Universitât che no sa ce che e je e dulà che si cjate e chel di Conoscenza in festa si à palesât tant che un «format» bon par cualsisedi ateneu «dalle Alpi al Lilibeo», cuntun efiet ‘Visitor’ che al lasse la bocje garbe.

E jere le ocasion di tirâ fûr lis lenghis (furlan, sloven e todesc) te comunicazion, di marcâ la vocazion europeane e internazionâl dal Friûl e de sô Universitât e di meti in relazion il Friûl cu la Italie su chestis fondis. Impen l’unic rapuart ricognossût al è il fat che cent agns indaûr «Udine era la capitale della guerra»… Ce figade! No mo?

Se in cont dal Mittelfest si domandìn ancjemo se nol sedi dome Italfest, in chest câs la ‘Conoscenza’ e devente ‘Cono…senza’ o ‘Con o senza’ – se si vûl cjapâ dentri chel alc di positîf che al salte fûr de cjançon dai Carnicats fate di pueste par promovi lis iscrizions te Universitât, là che si incrosin il furlan, il talian, l’inglês e il latin (tal titul Hic sunt futura) – o ben ‘senza’ e vonde, pe mancjance (colpevule) dal Friûl.

Standard
Atualitât, Friulanofobie

Di «Mamma, ho perso il friulano» a «Mamma, ho perso il Friuli»

Ai 26 di Setembar e cole la Zornade europeane des lenghis. Cheste ricorence e ven memoreade con tantis iniziativis un pôc dapardut. Propit in chescj dîs a Udin – e probabilmentri nol è un câs – si davuelç la cunvigne internazionâl Lingue in contatto. Contact Linguistics, inmaneade de bande dal Dipartiment di studis umanistics de Universitât dal Friûl e de Società di linguistica italiana.

L’event al à un tai une vore academic e al fâs indenant un program biel penç, cun tantis relazions interessantis, ancje se une vore dispès a somein autoreferenziâls e fatis su misure dome par cui che lis presente.
In particolâr, ce che al salte al voli al è il fat che framieç di ducj chescj intervents no’nd è nancje un che al tocji cualchi aspiet dal contat tra lis lenghis che si cjate in cheste tiere multilengâl, multietniche e multiculturâl che si clame Friûl: propit chel Friûl che la sô Universitât al varès di promovilu e di metilu in relazion positive con se stes e cul rest dal mont.

Nus somee che cheste no sedi une mancjance di pôc. Cussì, cjalant il program, al è pardabon dificil no cjatâsi in cunvigne cun cui che par comentâ chê iniziative al à recuperât lis peraulis dal Conte Lello Mascetti , chel personaç che tal film ‘Amici Miei’ di Mario Monicelli al veve la muse e la vôs di Ugo Tognazzi.

No je la prime volte che, propit là che al covente che a sedin, a vegnin pierdûts pe strade il Friûl, lis sôs lenghis e in particolâr la lenghe furlane. Timp indaûr o vevin comentât un di chescj câs e, tornant a cjapâ sù il titul dal cine «Mamma, ho perso l’aereo», o vevin scrit di une ‘docufiction’ dal titul «Mamma, ho perso il friulano».
In cont de cunvigne sflandorose de Universitât, nus somee legjitim pensâ che e sedi rivade la ore di «Mamma, ho perso il friulano 2».

Magari cussì no, la serie e va indenant. Cussì al è za pront «Mamma, ho perso il friulano 3» e in chest câs no je colpe dai linguiscj.
Cun di fat, juste ai 26 e ai 27 di Setembar, si davuleç a Arnoldstein une biele cunvigne in cont dal gjornalisim e de informazion tra Carinzie, Slovenie e Friûl-VJ, dopo dîs agns de jentrade de Slovenie te Union europeane. L’incuintri al è interessant e al tocje un argoment une vore impuartant.
Cun di plui al cjale indenant e al è viert ancje ai gjornaliscj de Cravuazie. Il titul dal incuintri al è par todesc, par sloven, par talian e, juste par chest, ancje par cravuat. Podìno dî che al varès parût bon che – intune suaze ‘euroregjonâl’ e cuntun spirt european e europeist – il titul de iniziative al fos ancje par furlan?

Il piês, cemût che o savìn, nol à limits. E cussì o leìn sul sît dal ateneu furlan che ai 26 di Setembar intal cjistiel di Udin si fevelarà di Turismo e paesaggio nel triveneto: opportunità di sviluppo economico, culturale e civile (sic! sic! sic!) intune cunvigne dal titul ‘Le Venezie e il turismo del futuro’ (sic! sic! sic! sic!).
Plui che di avignî, o nasìn puce di disorientament (il triveneto? le Venezie?) e di passât: di chel plui brut, massime pe nestre tiere e pe nestre int. Nus torne iniments ancje chê operazion falade e duncje falide de candidature di «Venezia con il Nordest capitale europea della cultura 2019».

E nus ven di dî: «Mamma, ho perso il Friuli!»

Standard
Articui 2014, Atualitât, Politiche

Blanc, Blanc e neri e Mittelfest (ma nissun colibrì)

Vinars stât al è saltât fûr un nestri gnûf articul sul Quotidiano.
Cui che al frecuente par solit il blog si inacurzarà che, almancul te sô prime part, il toc al cjape sù alc che o vevin za scrit cualchi setemane indaûr propit achì.

Però al è ancjemò alc altri, in cont di lenghis, dirits e promozion dal teritori, che al va daûr di cierts resonaments che o vin za fat indenant tai nestris scrits e che si lee cui acjadiments dai ultins dîs.

Inte zornade che l’Udin al presentave il so gnûf alenadôr nus someave just tornâ a fâ indenant une sorte di invît e di richieste, che cuant che tu vâs ator e tu fevelis cu la int tu ti rindis cont che su chel e chê si cjatin in cunvigne tancj di lôr, par che la societât sportive blancje e nere e fasi alc di furlan e par furlan.
Parcè che al è just, al è ben e al conven.

Magari cussì no, si vin cjatâts a fevelâ di lat blanc juste intun moment che al è saltât fûr che al jere ancje lat di altris colôrs
Ma salacor propit l’ûs des lenghis propriis e il riferiment clâr ae dimension teritoriâl e culturâl dal Friûl a puedin deventâ une strade ancje par saltâ fûr di chestis situazions.

Cun di plui, cualchidun di voaltris, che dongje di lei i nestris articui nus scrîf ancje cualchi messaç di pueste eletroniche, al à osservât che chest articul al è jessût fûr juste intant che al tacave UdinEuropa, une manifestazion a mieze strade tra un marcjât e une sagrone, cun tante robe di mangjâ ator par Udin.
Daûr di ce che si lei e à clamât dongje tancj di lôr. Di ce che si à viodût ancje chest an, però, e je someade une iniziative anonime, un format simpri chel, là che si stentave a viodi sei Udin che la Europe, a part cualchi bandiere.
Se te publicizazion almancul si ves rivât a viodi almancul alc par furlan, ta chês altris lenghis de regjon o par inglês…
Ma cirìn di vodi un aspiet positîf: almancul nol è stât doprât il simbul dal colibrì.

O vin scrit plui voltis (masse??) che e mancje une strategjie: magari chest an, cul gnûf president, il Mittelfest al mostrarà che si pues vêle. Sperìn.

Par intant, cualchi fruçon di vision, in chest sens, al mostre di vêlu cualchidun in Consei regjonâl, cemût che o ricuardavin za doi mês indaûr, in cont de adesion ae rêt europeane NPLD.
Cumò si son inacuarts di chest ancje inaltrò, cemût che si pues lei achì.

A coventin plui Friûl e plui Europe e mancul provincialisim. Buine leture.

LOGOS E LOGO. AL È ALC CHE SI MÔF, MA AL È CETANT CE FÂ, A TACÂ DAL UDIN E DE RASSEGNE DI CIVIDÂT

Blanc, Blanc e neri e Mittelfest

Il lat furlan al è Blanc. Chê de decision dal Consorzi agrari dal Friûl-VJ di batiâ in cheste maniere – Blanc – la sô produzion di lat e je par sigûr une biele gnove. Lassant di bande chei che cumò, impen di domandâ un tai di blanc, a ‘nt domandaran une scudiele…, chest fat al conferme ce che o pensìn e che o scrivìn za di timp: che la lenghe furlane e plui in gjenerâl lis lenghis “altris” dal Friûl e duncje de regjon Friûl-VJ a son un strument impuartant pe promozion dal teritori e dai siei prodots, soredut par vie che a son in stât di fâ conognossi la lôr specificitât e, tal câs dai prodots, la lôr divignince che e varès di jessi une sorte di marcje di cualitât e di origjinalitât.

Chel dal lat nol è l’unic segnâl positîf in chest sens che al è saltât fûr tes ultimis setemanis. Un altri piçul esempli su cemût che – par menzonâ une frase che o vevin let timp indaûr suntun libri – il “logos” al devente “logo” al rive de iniziative de Universitât clamade “Snait Bag”, presentade une setemane indaûr.

La cuistion no tocje dome lis lenghis “altris” di cheste part dal mont che si clame Friûl e il lôr ûs tai nons di prodots, servizis e manifestazions, ma e cjape dentri ancje la produzion culturâl ta chestis lenghis, a tacâ de musiche e dal audiovisîf, che pardabon a podaressin jessi une oportunitât di valorizazion e di promozion dal teritori tant che risorse, prodot e prodot di prodots. Cualchidun al tache a capîlu: par esempli chei di “Sapori di Pro Loco”, che dentri de “sagre des sagris” di Vile Manin, ai 23 di Mai a vevin inmaneât “Tiere di savôrs, Tiere di musiche”, une serade che e presentave une cerce de creativitât in lenghe furlane te musiche e te comunicazion.

Un altri pas indenant – che magari cussì no par cumò nol è cuasi nissun che al mostre di jessi in stât di fâlu – al è chel dal ûs dal furlan, dal sloven e dal todesc ancje tes indicazions testuâls des etichetis dai prodots e te publicizazion e te comunicazion istituzionâl. Ancje chest al è un aspiet che o vin za frontât sei su chestis pagjinis che tal nestri blog (https://eurofurlan.wordpress.com): une maniere par meti in vore ancje l’articul 3 dal Statût de nestre Regjon, cu la garanzie di paritât, di rispiet e di dirits par ducj i citadins, e par promovi il pluralisim linguistic e la tipicitât di chei stes prodots e events, no dome tal setôr culturâl e ta chel enogastronomic, ma ancje tal sport.

Par chest o tornìn a marcâ che dopo dal Blanc nus coventarès il Blanc e neri, cul Udin che al fâs la sô campagne pai abonaments ancje par furlan, che al fâs comunicazion istituzionâl tes lenghis dal Friûl e che al marche di plui il so leam cul so teritori e cu la sô int: al costarès pôc e al valarès tantonon.
In spiete che prin o dopo si movi ancje chel, o pensìn che un esempli di cheste fate al podarès rivâ finalmentri de bande dal gnûf Mittelfest, tal so program e te sô comunicazion. Viodarìn.


EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

06/06/2014

Standard
Articui 2011, Atualitât

“Furlan pride” e “Furlan sgrisui”

Tes ultimis setemanis l’Udin al somee che al sedi tornât a zuiâ in maniere di sest, intant che il cine fat in Friûl, di Zoran a TIR, al à sucès tai festivals e tal boteghin.
Cun di plui la conclusion dal Premi Friûl ai 30 di Novembar e conferme il stât di salût de creativitât musicâl par furlan, lis potenzialitâts di cheste realtât e la professionalitât e la passion di cui che al lavore in chest setôr, cemût che si lei achì e achì.
A saressin motîfs par fâ fieste e par pandi chê che za timp indaûr le vevevin clamade «braùre furlane» o «Furlan pride».

Però, compagn che in chê volte, a son ancje diviersis cuistions che a fasin vignî marum e avilizion, tra vecjis e gnovis iniziativis «dialetantis» che a fasin dam ae lenghe furlane e ae sô promozion (une di chês e je in program la setemane che e ven, ma o tornarìn a scrivii parsore chi di un pôc) e in spiete che de Regjon e rivi une rispueste di sest ae domande fate indenant de bande dal Comitât-Odbor-Komitaat-Comitato 482 passe dôs setemanis indaûr.

Par rindisi cont di cemût che a levin lis robis tal mês di Dicembar dal 2011 e in cualchi maniere ancje de situazion contraditorie dal dì di vuê, o recuperìn un nestri articul di in chê volte.
Buine leture.

CONTRADIZIONS. TANTIS RESONS DI BRAÙRE, MA ANCJE UN TIC DI AVILIZION

Al è il timp dal “Furlan pride”. Anzit: al sarès

Par tancj motîfs i ultins mês di chest an a podaressin vignî calcolâts chei dal «Friulian pride» o «Furlan pride», o miôr ancjemò chei de «braùre furlane». Chest al vâl soredut se si ten cont di une schirie di fats e di iniziativis.

La presentazion de version a stampe dal Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan (Gdbtf) e je stade un di chescj events impuartantons, no dome pal lavôr in sé – che il so valôr sientific e la sô rilevance pe promozion de lenghe furlane pe garanzie dai dirits linguistics si ju cognosseve bielzà inte sô version digjitâl – ma ancje par jessi stade une ocasion par taponâ la bocje ai specialiscj in cjacaris e trombonadis, che in cont dal Gdbtf a nd’ vevin za ditis tantis. Tai dîs prime dal apontament il cuotidian di Triest al veve provât di gnûf a dâ flât a trombis e tormbons, ma dopo di un pôc di tananai in rêt, la robe si è distudade e a son restadis dome lis testemoneancis di gale tant che chês di Tullio De Mauro e de Universitât di Stocolme.

Une buine dose di braùre e je rivade ancje dai dîs dîs di “Suns. Sclesis di Europe”, cuant che Udin e il Friûl a son deventâts il cûr de Europe in graciis di chê che e je la specificitât plui profonde di cheste tiere e de sô int: la diversitât linguistiche e culturâl. La “Mostre dal Cine” e ancjemò di plui il “Liet International” a àn palesât cetant che al veve reson, timp indaûr, chel che al veve scrit suntun setemanâl locâl che la lenghe furlane e je la infrastruture plui impuartante, plui utile e plui ecologjiche pal nestri teritori. Il “Liet International”, in particolâr al à mostrât un nivel une vore alt di snait, di passion e di professionalitât. Di chest si son visâts in dute Europe: sperìn ancje chi di nô, soredut in prospetive.
Cun di fat, ancjemò prime che di braùre, e je une cuistion di cussience.
Magari cussì no, al sucêt ancjemò che a mancjin sei une sei chê altre.

Al è ce che al salte fûr dal fat che chê che e je calcolade la associazion furlane plui impuartante e risulti impegnade a tirâ sù fimis cuintri di Paolo Villaggio. O scugnìn tornâ sul argoment, stant che il disvilup dai fats al conferme lis nestris impressions di in chê volte.
Ce che al à vût scrit Villaggio no nus plâs par nuie e propit par chest nol merete dute cheste publicitât. Nus somee che il so efiet al sedi dome chel che, dongje di un comic che nol fâs ridi, a sedin i furlans che si fasin ridi daûr.
E sì che no mancjin resons plui seriis par mobilitâsi in difese di dignitât e dirits. Cuintri di chei che a sbelein Friûl e furlans cun cuintâi di «piccola patria» e «triveneto». Cuintri di chel, president di une associazion che e dîs di vê a cûr la «friulanità» ator pal mont, che al declare che il furlan nol covente a nuie. Cuintri des autoritâts e dai burocratis che no àn fat nuie par che, daûr de Leç 482/1999 e dal Dpr 18/2009, e fos garantide la prime classe te scuele elementâr di Migjee. Cuintri di ducj chei che par doi francs a jemplaressin il Friûl di scovacis, di ciment e di entimis.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

12/12/2011

Standard