Atualitât, Politiche

Lis afinitâts eletivis tra il Fertility Day e InMyLand

E cussì chê di vuê e je la Zornade. E je chê Zornade: il Fertility Day, che di chel o vevin scrit alc za cualchi setemane indaûr.

La robe si conferme ce che e someave za tal moment de sô presentazion. Par doprâ une altre volte lis peraulis (santis) dal resonîr Ugo Fantozzi, si podarès clamâle «una cagata pazzesca».

Par sigûr lu à inventât un team (parcè che si dîs cussì) di grancj esperts che dopo vê fat un brainstorming (ancjemò parcè che si dîs cussì) al à tirât fûr claim e format, titul, formis e contignûts.

Pe ministre pe salût de Republiche taliane, Beatrice Lorenzin, la iniziative e varès di promovi informazion e cussience in cont de fertilitât e de salût e duncje e nas cun chê di sburtâ la int a stâ miôr e meti in at «compuartaments sans» e «usancis coretis».

Magari cussì no, te sô prime version e ancje in chê gnove saltade fûr cumò, la campagne e je dut fûr che sane, buine, juste e fertile.

Chê di prime e mancjave di rispiet aes feminis cuntune ande veterofassiste. Chê di cumò e somee rivâ diretementri de propagande dal tierç Reich su la purece de raze ariane, cemût che si sclarìs ancje achì.

Cun di plui al merete marcât ancje il fat che lis imagjinis a son chês stessis za dopradis di altris campagnis publicitaris: une e je chê di un studi dentistic britanic e chê altre e rive di une campagne americane di Scientology cuintri des droghis.

In sumis: chê dal Fertility Day si conferme une campagne che pues definîle malade, tossiche e fintremai sterpe.

E je stade pensade mâl e e je stade fate pardabon a sdavàs vie.

Magari cussì no, nus somee che no sedi l’unic câs dal gjenar.

Une impression sù par jù compagne e je chê che e salte fûr cul vê a ce fâ cu la iniziative InMyLand, che e je stade inmaneade di chê che e varès di jessi la Universitât dal Friûl.

O vin za tocjât la cuistion achì

L’argoment al ven frontât ancje tal articul di Andrea Valcic che o cjatais achì da pît.

Vino ancje in chest câs di dî: «Vonde monadis! Vonde talianadis!»?

valcic_mv

Advertisements
Standard
Atualitât, Culture, Friulanofobie, Par ridi (?), Storie

Se la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl

Chês telenovelas, che si podarès dâur il titul di «Mamma, ho perso il Friuli» e «Mamma, ho perso il friulano» e che o cognossìn avonde ben su chescj schermis za di un pôc di timp, si insiorin di altris gnovis pontadis.

Di une o scrivarìn plui indenant. Chê altre le vin discuvierte inte suaze di Friuli Doc, là che sabide ai 10 di Setembar e je stade fate la sô presentazion.

La iniziative Si clame Inmyland. Indagine su un friulano al di sopra di ogni sospetto e e varès di jessi un scandai su lis ideis che lis personis che a vivin in Friûl a àn di se e de lôr tiere.

Daûr di ce che o vevin scoltât, la ricercje, metude adun dal Laboratori di Sociologjie dal Dipartiment di Lenghis e leteraturis, comunicazion, formazion e societât de Universitât dal Friûl, nus someave une vore interessante.
Chê stesse impression positive e vignive confermade dal sottitul, cun chel riferiment esplicit al mitic film di Elio Petri cun protagonist Gian Maria Volontè, che tra l’altri al fâs vignî daurman la voie di cjantuçâ il teme principâl de sô bande sonore componude di Ennio Morricone.
Però al jere alc che no nus convinceve: il titul nol prometeve nuie di bon.

Magari cussì no, cul savê di dopo, nus tocje dî che chel al jere just il spieli di ce che o varessin cjatât, cul lâ sul sît .

Cun di fat, o vevin gole di viodi, di cognossi e di capî. O vin cjatât une biele homepage, ma al jere daurman alc che nol leve.

Forsit o sin masse esigjents o fintremai sofisticâts, ma o pensìn che se e je une robe che e tocje il Friûl chê e varès di jessi ancje par furlan, par sloven e par todesc. Soredut se e je une robe che e ven fate di chel Ateneu che al è stât metût dongje cun chê di «di contribuire al progresso civile, sociale e alla rinascita economica del Friuli e di divenire organico strumento di sviluppo e di rinnovamento dei filoni originali della cultura, della lingua, delle tradizioni e della storia del Friuli».

E impen: nuie ce fâ, compagn di milante altris voltis.

Cundut achel, o sin lâts dilunc e o vin viert la pagjine dal Cuistionari, là che o vin cjatade la prime domande.
E je la classiche domandute par tacâ – «Quando sei in Friuli stai bene?» – là che lis pussibilitâts di rispueste son dome che dôs: o sì o no.

Dopo vê rispuindût di sì, o sin lâts indenant e o vin cjatât la seconde e in chel moment o vin vût… pôc ben.

Parcè? Parcè che la domande e je cheste:
«Secondo te, il Friuli coincide con la provincia di Udine?»
(E za li:… no comment!)

E chestis a son lis rispuestis pussibilis:
«Sì
Sì, ad eccezione delle Alpi Carniche e delle Alpi Giulie
No, include anche parte della provincia di Pordenone
No, include anche parte della provincia di Gorizia
No, include sia parti della provincia di Pordenone che di Gorizia
No, include tutta la regione
No, include tutta la regione e anche altri territori (ad esempio Sappada)»
.

Al è evident che al mancje alc. Prin di dut no je – tra lis opzions – la rispueste che e varès di jessi: la definizion di Friûl, in tiermins obietîfs, storics e gjeografics, daûr di une tradizion lungjonone, di duments e di studis, che i studiâts de Universitât a varessin di cognossi. Ven a dî che il Friûl al è chel toc di Europe e di mont che al sta tra lis Alps e l’Adriatic, la Livence e il Timau e che al cjape dentri lis provinciis di Udin, di Gurize, di Pordenon, il mandament di Puart e Sapade.

Cun di plui nol è nancje un spazi in blanc par podê scrivi chê rispueste o altris ancjemò.

Cussì, stant che, se no si rispuint no si va indenant, in chês cundizions non podevin rispuindi in nissune maniere e duncje o vin scugnût molâ, cul marum di vê sperimentât «one more time» (dit par inglês…) che la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl.

Magari cussì no, si podarès calcolâle tant che la discuvierte de aghe cjalde…

Massime se si ten cont che tra chei che i àn lavorât daûr al è ancje cui che timp indaûr al scriveve, cun grande cunvizion, che i Nazionalisti friulani a jerin nazionaliscj furlans cence inacuarzisi che a son dome nazionaliscj «italianissimi» in Friûl.

I vûl studiât e i vûl sa(v)ût. E no dome par fâ scliçôts.

Standard
Atualitât, Culture, Media, Politiche

Conoscenza o ‘con o senza’? O ‘senza’ e vonde? (2016)

Di vuê a domenie a Udin si davuelç la seconde edizion di “Conoscenza in festa”, event di trê dîs dedicât ae cognossince, ae universitât e al rapuart tra savê e societât che al à clamât dongje i retôrs des Universitâts dal Stât talian, professôrs e studiôs innomenâts e altri esperts e ‘opinion leaders’ talians.

La manifestazion, compagn di dal an passât, e je une vore interessante. Ma salacor e je ancje (ancjemò di plui?) preocupante.
Par chel a valin – almancul di ce che o viodìn par cumò – dutis lis osservazions che o vevin fat in cont de prime edizion .

Cun di fat, ancje chest an al è une vore fuart il dubi che dentri di dute cheste cognossince al mancji alc di (avonde?) impuartant, ven a dî chel che al ven clamât il teritori e che tal nestri câs al à un non precîs: si clame Friûl. O ben che a’nt sedi masse pôc.

In tiermins positîfs si pues preseâ il fat che al vegni ricuardât l’inovâl dal taramot dal 1976 e che al vegni memoreât Giulio Regeni. Rispiet al an passât, cuant che l’unic rapuart cul Friûl ricognossût al jere il fat che tal 1915 «Udine era la capitale della guerra», al è par sigûr un pas indenant. Al sarès stât piês se a vessin volût memoreâ il centesim inovâl «de rivade de Italie intune part dal Friûl», magari doprant la definizion di «jentrade dal Friûl in Italie».

Di chê altre bande, nus somee che chê che par furlan nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, cun dut de sô storie, de sô leç istitutive e dal so statût, e mostre di jessi un altri viaç une Universitât che no sa ce che e je e dulà che si cjate.

Ancje in cheste ocasion no son stadis tiradis fûr lis lenghis (furlan, sloven e todesc) te comunicazion e in gjenerâl si stente a viodi palesadis pardabon sei la vocazion europeane e internazionâl dal Friûl e de sô Universitât che un leam fuart, positîf e cussient tra l’Ateneu, il teritori e la sô int.

Magari chi di trê dîs o discuvierzarin che no jere cussì e che la nestre preocupazion e jere falade.
Però, pal moment, o sin pardabon scaturîts e preocupâts, massime dopo vê viodût chel avion parcât (in diviet di soste???) denant de Loze dal Lionel.

Standard
Atualitât, Politiche

Conoscenza o ‘con o senza’? O ‘senza’ e vonde?

Dai 3 ai 5 di Lui Udin al è stât l’«ombelico del mondo» academic talian. Cun di fat te Capitâl dal Friûl si à davuelte la prime edizion di Conoscenza in festa, event di trê dîs dedicât ae cognossince, ae universitât e al rapuart tra savê e societât che al à clamât dongje i retôrs des Universitâts dal Stât talian, professôrs e studiôs innomenâts e altri esperts e ‘opinion leaders’ talians.

La iniziative e à puartât a Udin tante int – o fevelìn di relatôrs e di esperts – che in diviers câs e je pardabon interessante, a tacâ di Mauro Ceruti, Edgar Morin, Vito Mancuso e Andrea Segrè. In altris câs la robe e à cjapât sù une ande plui televisive e «fuffosa», cemût che e dîs une nestre amie, ma cheste e somee jessi une carateristiche di ducj chescj grancj events, là che a contin une vore i nons e i «testimonials». Tra chescj – almancul intal program che al zirave sei in rêt che ator par Udin – al jere previodût ancje il president dal Consei dai ministris dal Stât talian, che – al plasi o mancul – al è impuartant «a prescindere», però no si lu à viodût e nissun si à inacuart de sô mancjance.

Daûr des declarazions fatis in plui ocasions de bande dal retôr dal Ateneu furlan, Alberto Felice De Toni, a Udin si à fate la «Cernobbio della conoscenza e dell’università» e si àn metudis jù lis fondis «per il rilancio del sistema Paese».
Al vignarès di domandâsi se al è propit chel ce che i covente ae nestre Universitât. Par nestri cont, lis rispuestis a son almancul dôs.

La prime e je positive: par sigûr la operazion Conoscenza in festa e à un ciert valôr politic par promovi l’Ateneu a nivel talian. In chest sens l’impat de iniziative, però, si podarà stazâlu dome chi di un pôc: par esempli se al cambiarà alc in cont dal finanziament statâl dasl nestri Ateneu o se al vignarà fat chel piçul inzornament normatîf che al covente par che a Udin si puedi fâ finalmentri la formazion dai insegnant ‘di’ e ‘in’ lenghe furlane. Viodarìn.

La seconde e je di segn contrari: al è une vore fuart il dubi che e sedi stade plui une ocasion di promozion personâl di cualchidun e soredut e je fuartonone la sensazion che dentri di dute cheste cognossince al mancjàs alc di (avonde?) impuartant, ven a dî chel che al ven clamât il teritori e che tal nestri câs al à un non precîs: si clame Friûl.

Ancje in cheste ocasion, chê che par furlan nus plâs clamâle Universitât dal Friûl, cun dut de sô storie, de sô leç istitutive e dal so statût, e à mostrât di jessi soredut (o dome) une Universitât che no sa ce che e je e dulà che si cjate e chel di Conoscenza in festa si à palesât tant che un «format» bon par cualsisedi ateneu «dalle Alpi al Lilibeo», cuntun efiet ‘Visitor’ che al lasse la bocje garbe.

E jere le ocasion di tirâ fûr lis lenghis (furlan, sloven e todesc) te comunicazion, di marcâ la vocazion europeane e internazionâl dal Friûl e de sô Universitât e di meti in relazion il Friûl cu la Italie su chestis fondis. Impen l’unic rapuart ricognossût al è il fat che cent agns indaûr «Udine era la capitale della guerra»… Ce figade! No mo?

Se in cont dal Mittelfest si domandìn ancjemo se nol sedi dome Italfest, in chest câs la ‘Conoscenza’ e devente ‘Cono…senza’ o ‘Con o senza’ – se si vûl cjapâ dentri chel alc di positîf che al salte fûr de cjançon dai Carnicats fate di pueste par promovi lis iscrizions te Universitât, là che si incrosin il furlan, il talian, l’inglês e il latin (tal titul Hic sunt futura) – o ben ‘senza’ e vonde, pe mancjance (colpevule) dal Friûl.

Standard
Atualitât, Dome pal blog

«Mamma, ho perso il Friuli» (Ancjemò…)

Ogni mês si fâs la lune, ogni dì si impare une.
Vuê, par esempli, o discuvierzin che salacor bielzà tra i secui XV, XVI e XVII e esisteve chê robe fantomatiche, in realtât inventade tal secul passât, che e ven clamade “Isontino” e che soredut no veve – e no à – nuie ce fâ cul Friûl… (gulp!!!)
Nus al insegne il titul di un comunicât stampe dât fûr de Universitât che a chest pont no savìn plui cemût clamâle (dal Friûl? dal Isontino? di palaç Antonini, sezion periferiche dal ateneu «triveneto»?), che al fevele – cemût che si lei achì – dal «Reportage dal Friuli e dall’Isontino durante la Repubblica di Venezia».

Se a dânus cheste informazion e je la istituzion che par leç e varès di jessi il centri de ricercje e de cognossince storiche dal Friûl, o sin a puest. Nus tocje tornâ a dî: «Mamma, ho perso il Friuli».

A proposit di savints, savês e mont academic, doman a Udin al tache ancje il Mimesis Festival. Arte, Filosofia, Diritto. Il program al è interessant e i materiâi di publicizazion a son preseôs, ma oviamentri a son dome par talian…

I reladôrs stes a son pe plui part talians, a ‘nd è ancje cuachidun di chenti e dome l’artist Tadej Pogačar, che al è sloven, al da, almancul su la fonde de cjarte di identitât, chel “quid” di internazionalitât che dispès si domande a iniziativis di cheste fate.
O tornìn a marcâ che la manifestazion nus somee interessante – e je la prime volte che e ven inmaneade – ancje se no podìn fâ di mancul di nasâ l’odôr di une sorte di version udinese di “Pordenone… sielzêt voaltris cuâl che al è il verp che us plâs di plui”.

Cjalant il program o cjatìn une robe interessante: te pagjine 18, là che si presente une conference in cont de “La filosofia di Miles Davis” il non de regjon “Friuli – Venezia Giulia” al devente “Friuli Venezia – Giulia”…

La manifestazion e je inmaneade di “Territori delle idee”.
Al vignarès di dî: «Lis ideis a son tantis – forsit! – ma i teritoris e la idee di teritori…dulà sono?»

Culachidun al podarà dî che almancul e je une liniute…

Standard
Atualitât, Friulanofobie

Di «Mamma, ho perso il friulano» a «Mamma, ho perso il Friuli»

Ai 26 di Setembar e cole la Zornade europeane des lenghis. Cheste ricorence e ven memoreade con tantis iniziativis un pôc dapardut. Propit in chescj dîs a Udin – e probabilmentri nol è un câs – si davuelç la cunvigne internazionâl Lingue in contatto. Contact Linguistics, inmaneade de bande dal Dipartiment di studis umanistics de Universitât dal Friûl e de Società di linguistica italiana.

L’event al à un tai une vore academic e al fâs indenant un program biel penç, cun tantis relazions interessantis, ancje se une vore dispès a somein autoreferenziâls e fatis su misure dome par cui che lis presente.
In particolâr, ce che al salte al voli al è il fat che framieç di ducj chescj intervents no’nd è nancje un che al tocji cualchi aspiet dal contat tra lis lenghis che si cjate in cheste tiere multilengâl, multietniche e multiculturâl che si clame Friûl: propit chel Friûl che la sô Universitât al varès di promovilu e di metilu in relazion positive con se stes e cul rest dal mont.

Nus somee che cheste no sedi une mancjance di pôc. Cussì, cjalant il program, al è pardabon dificil no cjatâsi in cunvigne cun cui che par comentâ chê iniziative al à recuperât lis peraulis dal Conte Lello Mascetti , chel personaç che tal film ‘Amici Miei’ di Mario Monicelli al veve la muse e la vôs di Ugo Tognazzi.

No je la prime volte che, propit là che al covente che a sedin, a vegnin pierdûts pe strade il Friûl, lis sôs lenghis e in particolâr la lenghe furlane. Timp indaûr o vevin comentât un di chescj câs e, tornant a cjapâ sù il titul dal cine «Mamma, ho perso l’aereo», o vevin scrit di une ‘docufiction’ dal titul «Mamma, ho perso il friulano».
In cont de cunvigne sflandorose de Universitât, nus somee legjitim pensâ che e sedi rivade la ore di «Mamma, ho perso il friulano 2».

Magari cussì no, la serie e va indenant. Cussì al è za pront «Mamma, ho perso il friulano 3» e in chest câs no je colpe dai linguiscj.
Cun di fat, juste ai 26 e ai 27 di Setembar, si davuleç a Arnoldstein une biele cunvigne in cont dal gjornalisim e de informazion tra Carinzie, Slovenie e Friûl-VJ, dopo dîs agns de jentrade de Slovenie te Union europeane. L’incuintri al è interessant e al tocje un argoment une vore impuartant.
Cun di plui al cjale indenant e al è viert ancje ai gjornaliscj de Cravuazie. Il titul dal incuintri al è par todesc, par sloven, par talian e, juste par chest, ancje par cravuat. Podìno dî che al varès parût bon che – intune suaze ‘euroregjonâl’ e cuntun spirt european e europeist – il titul de iniziative al fos ancje par furlan?

Il piês, cemût che o savìn, nol à limits. E cussì o leìn sul sît dal ateneu furlan che ai 26 di Setembar intal cjistiel di Udin si fevelarà di Turismo e paesaggio nel triveneto: opportunità di sviluppo economico, culturale e civile (sic! sic! sic!) intune cunvigne dal titul ‘Le Venezie e il turismo del futuro’ (sic! sic! sic! sic!).
Plui che di avignî, o nasìn puce di disorientament (il triveneto? le Venezie?) e di passât: di chel plui brut, massime pe nestre tiere e pe nestre int. Nus torne iniments ancje chê operazion falade e duncje falide de candidature di «Venezia con il Nordest capitale europea della cultura 2019».

E nus ven di dî: «Mamma, ho perso il Friuli!»

Standard