Atualitât, Friulanofobie

Corieris e Universitât, lis gnovis pontadis di «Mamma, ho perso il friulano»

Se l’innomenât cine american, che par talian al è cognossût cul titul di «Mamma, ho perso l’aereo», al à vût une schirie di ‘sequels’, une vore di plui ancjemò a son lis evoluzions di chê docufiction (anzit: nuie fiction, dome documentari, stant che no je nissune invenzion, ma e je dute realtât) che si podarès intitulâle, simpri par talian, «Mamma, ho perso il friulano».

No je par sigûr une gnove, par vie che chê di dismenteâ o di pierdi la lenghe furlane e plui in gjenerâl lis lenghis ‘altris’ dal Friûl e je une tindince simpri une vore presinte. E soredut no je une buine gnove.

In paricolâr, vie pai ultins dîs, a son stâts diviers episodis che a àn confermât la vivarositât (si fâs par mût di dî) e la banalitât di cheste ande.

Al à tacât l’Ateneu che al varès di jessi la «Universitât dal Friûl», che al à lançât la gnove edizion di «Conoscenza in festa». Compagn che tal 2015 e tal 2016 – o salacor ancjemò di plui – in cont di chê manifestazion che si presente tant che il ‘G7 de cognossince’ nus tocje dî ancjemò «senza e vonde»

Si à zontât ancje la SAF. Daûr di ce che al salte fûr di diviersis segnalazions, cemût che si lei ancje tal blog dal Comitât pe autonomie e pal rilanç dal Friûl, al sarès un câs par «Chi l’ha visto?». Cun di fat, intant che ancjemò vie pal an passât su lis corieris si podeve lei lis regulis di viaç ancje par furlan cumò a son dome par talian e par inglês. Parcè? Cemût? Cemût mai? Par iniziative di cui?
A son dutis domandis legjitimis…

Ancje il sît dal Mittelefest, che al promet di dâ fûr informazions sul program de edizion dal festival di chest an ancje par furlan, par sloven e par todesc, in realtât almancul fintremai vincjecuatri oris indaûr, ‘al fevelave’ dome par talian e par inglês.
La situazion e je cambiade de buinore di vinars ai 16 di Jugn, cuant che finalmentri il clic tes hotwords cui nons des lenghis ‘altris’ dal Friûl al à tacât a vierzi almancul une pagjinute par furlan, une par sloven e une par todesc, intant che altris pagjinis a son ancjemò dome par talian e par inglês o ben a àn dome cualchi toc tes lenghis che a varessin di jessi.

Cundut di cheste confusion, e je une buine gnove. No dome parcè che si dîs che «alc al è alc, ma nuie al è nuie». E nancje par vie che a varessin di jessi prontadis ancje lis sezions che a mancjin ancjemò e che , almancul par chel, si pues dî chel il Mittelefest nol è dome un Italfest.

E je une buine gnove soredut parcè che nus da almancul un fregul di sperance che dopo des tantis pontadis di «Mamma, ho perso il friulano» e puedi tacâ une gnove serie che il so titul al conti di un furlan tornât a cjatâ.
In spiete di un plurilinguisim visîf e formâl che al sedi pardabon normâl e «sano e consapevole», par dîle cu lis peraulis dopradis di un innomenât cjantant talian.

Standard
Comunicâts, Dome pal blog

Tav Mestre-Triest, WWF e Legambiente: « vonde cul ‘acaniment terapeutic’»

WWF e Legambiente dal Friûl-VJ îr a àn fat une conference stampe. Argoment dal incuintri la linie TAV Mestre – Triest.
Us sometin il test dal comunicât pe stampe dât fûr dopo dal incuintri cui gjornaliscj.
A part la maniere falade cemût che al è scrit il non de Regjon (che o vin corezût in ‘Friuli-Venezia Giulia’) al è pardabon dificil no cjatâsi in cunvigne cui argoments fats indenant.
Buine leture

Trieste, 4 settembre 2013
TAV Mestre – Trieste. WWF e Legambiente: “Basta con l’”accanimento terapeutico” su un progetto nato già morto.”

La Regione Friuli-Venezia Giulia si attivi per mettere fine all’”accanimento terapeutico” sul progetto della linea TAV Mestre-Trieste, che dura ormai da oltre un decennio.
Questa la richiesta di WWF e Legambiente, espressa oggi in una conferenza stampa a Trieste dai responsabili regionali trasporti delle due associazioni, Dario Predonzan (WWF) e Andrea Wehrenfennig (Legambiente).
“Si tratta – hanno ricordato i due ambientalisti – di una telenovela cominciata oltre un decennio fa, con la presentazione nella primavera 2003 di un primo progetto per la tratta Ronchi dei Legionari-Trieste, poi sonoramente bocciato dagli organi tecnici dei ministeri dell’ambiente e dei beni culturali e infine ritirato nel 2005 dalla Giunta regionale di Riccardo Illy, che l’aveva finanziato e sostenuto con protervia fino alla fine.”
Poi nel 2010 RFI-Italferr presentò un progetto per l’intera linea Mestre-Trieste, suddiviso in 4 tratte (Mestre-Aeroporto M. Polo, Aeroporto-Portogruaro, Portogruaro-Ronchi d.L. e Ronchi-Trieste), che iniziarono altrettante procedura VIA separate. Lo “spezzatino”, pratica in evidente contrasto con lo spirito della VIA e con le indicazioni metodologiche fornite in merito dalla Commissione Europea, aveva ovviamente lo scopo di far concentrare l’attenzione delle comunità locali solo sul frammento di linea che interessava il proprio territorio, perdendo di vista l’insieme.
Malgrado ciò, quasi coralmente negativi (unica eccezione il Comune di Trieste) furono i pareri espressi dal Comuni, per gli impatti devastanti dell’opera sul territorio e sul sottosuolo carsico, i costi esorbitanti (ancorché non precisati), i tempi prevedibilmente lunghissimi di esecuzione, ed infine l’indimostrata necessità dell’opera stessa.
Impermeabili a ciò, RFI e Italferr produssero nel 2012 un “sistema conoscitivo unitario”, che semplicemente riuniva in un unico elaborato i 4 studi di impatto ambientale depositati nel 2010 per i 4 tronconi dello “spezzatino” progettuale della Mestre-Trieste.
Corale, anche stavolta, lo schieramento dei pareri negativi dei Comuni, con l’unica – incomprensibile – eccezione di Trieste, favorevole.
Senza fare una piega, e quindi senza tenere in conto alcuno i pareri comunali, RFI – Italferr ha quindi presentato lo scorso giugno delle “integrazioni” al progetto ed agli studi ambientali del 2010, limitatamente però alla sola tratta Ronchi-Trieste, “dimenticando” però di mettere a disposizione del pubblico i nuovi elaborati.
Nel sito del Ministero dell’ambiente, infatti, non ce n’è traccia.
“Si tratta – hanno denunciato Predonzan e Wehrenfennig – di una clamorosa violazione della normativa vigente in materia di VIA (la Direttiva europea 85/337 ed il D. Lgs. 152/2006), che i Ministeri competenti (ambiente e beni culturali) devono assolutamente sanzionare.”
Le integrazioni, inviate dalla Regione a tutti gli enti locali interessati, contengono anche l’analisi costi-benefici, relativa però all’intera linea Mestre-Trieste, colmando così – almeno formalmente – una vistosa ed inspiegabile lacuna del progetto 2010. “A maggior ragione quindi – continua il WWF – questo materiale dev’essere messo a disposizione del pubblico, per poterlo valutare criticamente con il contributo di tutte le competenze disponibili.”
Di qui la dura nota di protesta ai ministri dell’ambiente e dei beni culturali (Orlando e Bray), nonché ai rispettivi direttori generali, in cui il WWF ha chiesto che RFI-Italferr sia richiamata all’obbligo di rispettare le norme vigenti in materia di VIA. Anche Legambiente invierà una nota analoga.
Le due associazioni si rivolgono però pure alla Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia, alla DG ambiente della Commissione Europea e al Commissario straordinario Bortolo Mainardi.
“Va stigmatizzato – hanno concluso i rappresentanti di WWF e Legambiente – il fatto che RFI persista nel portare avanti, e per di più in difformità dalle norme vigenti, la procedura VIA su un progetto fuori della realtà, sia dal punto di vista ambientale, sia da quello economico. La spesa di 7,8 miliardi di Euro – IVA esclusa – per un’opera che richiederebbe almeno 30 anni di lavori e che devasterebbe la bassa pianura friulana ed il Carso, rappresenta un’evidente follia, di cui però a RFI nessuno sembra accorgersi. A maggior ragione nel momento in cui il Commissario straordinario per la Mestre-Trieste ed i Comuni hanno ormai condiviso un’ipotesi radicalmente diversa, basata sull’ammodernamento e l’eliminazione dei colli di bottiglia nella linea esistente.”
Gli ambientalisti chiedono perciò che la Regione – senza farsi condizionare da posizioni incomprensibili come il recente “non parere” della Giunta comunale di Trieste – faccia propria l’unica soluzione ragionevole della vicenda, ponendo cioè fine all’”accanimento terapeutico” sul progetto TAV del 2010, e avviando contestualmente la valutazione delle opzioni alternative, come quella ipotizzata dal Commissario Mainardi e quella contenuta nello studio redatto nel 2008 dall’ing. Andrea Debernardi per conto del WWF.

Standard
Articui 2011, Atualitât, Friulanofobie

No TAV, Sì FUR

Si torne a fevelâ di TAV te Basse Furlane. Achì, compagn che inaltrò, la int e palese di jessi cuintri de grande opare par resons pratichis e no par vie de cussì clamade sindrome NIMBY.
Cun di fat, stant che in Slovenie al somee propit che no si fasarà, si si domandisi parcè si aial di fâ dut chest batibui te tiere tra i flums Livence e Timau: par fâ cori un pôc plui svelts un pâr di trens di Vignesie a Triest, che tra lis altris no fasaressin nancje une fermade par dut il Friûl?

Tra i sorestants di chenti a son chei (pôcs) che lu vuelin parcè che a son convints (ma no si sa ben di ce e parcè) e chei che a disin di volêlu, magari par lâ daûr dai ordins di scudarie che a rivin dal partît o dal sponsor, ma in realtât a’nt fasaressin di mancul. Anzit, chescj (o almancul la plui part di lôr) a saressin convints che nol covente, che al coste masse, che al è di bant e soredut che no son i bêçs par fâlu, ma a scuegnin mantignî une cierte posizion, intant che a sperin che no si fasi nuie e che al massim al vegni fat cualchi alc par potenziâ la linie esistente, che tra lis altris e risulte doprade dome pal 40% de sô potenzialitât.

Che no sedin bêçs e che al sedi une opare che no covente e che sigûr no vâl ce che e coste in tiermins di risorsis invistidis e di savoltament dal teritori lu àn dit za timp indaûr ancje personaçs che si podarès definîju “insospetabii”, cemût che o ricuardavin bielzà ta chest articul, saltât fûr tal Istât dal 2011 su Il Quotidiano (www.ilquotidianofvg.it).

Lu publichìn chi disot parcè che nus somee une vore atuâl. No dome in cont dal TAV ma plui in gjenerâl in cont di cemût che si puedin straçâ o invistî lis risorsis publichis, se si bade ai interès di pôcs o ai dirits di ducj.
Nus somee une vore atuâl ancje se si ten cont dal virus de friulanofobie che in chestis setemanis si palese une vore a fuart e al plate – si fâs par mût di dî – la sô sostance fate di prejudizis, ignorance, provincialisim e nazionalisim esasperât daûr di une muse resoneristiche, economicistiche e sparagnine.
Tant a dî: No TAV, Sì FUR (‘fur’ al è codiç internazionâl ISO 639-3 de lenghe furlane).

ESPERIENCIS E DÂTS A SUGJERISSIN UNE MANIERE DIVIERSE DI PROGJETÂ E FÂ SÙ LIS GRANDIS OPARIS

TAV. Ise cuistion di mobilitât, velocitât o aviditât?

Ai prins di Lui si è davuelte tal Friûl di Mieç une manifestazion di caratar culturâl che e veve chê di meti dongje e di confrontâ la realtât furlane e chê dal Piemont. Tai articui di presentazion di chê iniziative si ricuardavin, diviers elements di colegament tra il Friûl e chê regjon taliane. Par sigûr al è stât dismenteât un altri aspiet che, massime in chescj ultins agns, al ten dongje a fuart e a palês Friûl e Piemont: in ducj doi i câs a son teritoris che a son stâts savoltâts, e a son daûr a tornâ a jessilu, par vie de costruzion di grandis infrastruturis e di gnovis oparis publichis e che e je int che si organize par fâ cuintri a chescj progjets.

A saltin fûr daurman denant dai voi il TAV, il tren a alte velocitât, là vie te Val di Susa, ma ancje chi di nô, te Basse, o lis gnovis autostradis che ogni trop al ven fûr che si varessin di fâ, tra Cimpiel, Secuals e Glemone e tra la Cjargne e il Cjadovri, o ben ancjemò i eletrodots che di nord a sud e di soreli jevât a bonât a varessin di tressâ la Patrie.

Tai dîs passâts e je vignude fûr su internet (http://altofriuli.com/discussioni/la-val-canale-canal-del-ferro—la-nostra-val-di-susa-.htm) une riflession interessante fate di Franceschino Barazzutti, za president de Associazion dai Sindics de ricostruzion dal Friûl, propit su chescj argoments, tornant indaûr ae costruzion de autostrade di Damâr a Tarvis e al rignuviment de linie feroviarie che e passe in Cjanâl dal Fier e Val Cjanâl e e va in Austrie. Al ven fat, in particolâr, un belanç su la ferade, che al è positîf dome in part.
Se si gjave la vision di partence, daûr de prevision dal disvilup de integrazion economiche e politiche cu la Europe centriorientâl, il rest al è falimentâr: pal impat ambientâl e socioeconomic de opare, pal fat che la comunitât locâl e à subît in maniere passive chê infrastruture e soredut pal fat che la linie no je stade mai doprade ad implen.

Cheste prospetive negative e je chê che si palese, magari cussì no, ancje pal TAV. La Val di Susa za cumò e je tressade di une autostrade, di dôs stradis statâls e di une linie feroviarie, ancje chê doprade une vore di mancul di ce che si podarès. Cun di plui a son diviers studis che a mostrin che al è un progjet vecjo, prontât passe vincj agns indaûr, che nol ten cont dai flus di trafic reâi e potenziâi, che al coste une sdrume di bêçs e che al sarà fûr scjale ancje cuant che al vignarà finît. In struc: al coste tant e al rint pôc.

Chel stes al salte fûr ancje chi di nô: a part la mobilitazion popolâr par fâi cuintri, i dams ambientâi e i coscj, daûr dai studis di diviers esperts indipendents, al è stât il stes ad di FS, Mauro Moretti, a declarâ in public, timp indaûr, che il TAV, dopo Vignesie, al sarès dibant, su la fonde di criteris economics. Al sarès pardabon di pensâi parsore, di meti dongje dut ce che al covente par capî e decidi pardabon no dome cemût ma ancjemò prime se si àn di fâ cierts intervents.
Pe vite, pai dirits, pal disvilup e pe mobilitât di ducj. E no dome pe aviditât di cualchidun.

EURO FURLAN
eurofurlan@gmail.com

18/07/2011

Standard