Atualitât, Politiche

Lis afinitâts eletivis tra il Fertility Day e InMyLand

E cussì chê di vuê e je la Zornade. E je chê Zornade: il Fertility Day, che di chel o vevin scrit alc za cualchi setemane indaûr.

La robe si conferme ce che e someave za tal moment de sô presentazion. Par doprâ une altre volte lis peraulis (santis) dal resonîr Ugo Fantozzi, si podarès clamâle «una cagata pazzesca».

Par sigûr lu à inventât un team (parcè che si dîs cussì) di grancj esperts che dopo vê fat un brainstorming (ancjemò parcè che si dîs cussì) al à tirât fûr claim e format, titul, formis e contignûts.

Pe ministre pe salût de Republiche taliane, Beatrice Lorenzin, la iniziative e varès di promovi informazion e cussience in cont de fertilitât e de salût e duncje e nas cun chê di sburtâ la int a stâ miôr e meti in at «compuartaments sans» e «usancis coretis».

Magari cussì no, te sô prime version e ancje in chê gnove saltade fûr cumò, la campagne e je dut fûr che sane, buine, juste e fertile.

Chê di prime e mancjave di rispiet aes feminis cuntune ande veterofassiste. Chê di cumò e somee rivâ diretementri de propagande dal tierç Reich su la purece de raze ariane, cemût che si sclarìs ancje achì.

Cun di plui al merete marcât ancje il fat che lis imagjinis a son chês stessis za dopradis di altris campagnis publicitaris: une e je chê di un studi dentistic britanic e chê altre e rive di une campagne americane di Scientology cuintri des droghis.

In sumis: chê dal Fertility Day si conferme une campagne che pues definîle malade, tossiche e fintremai sterpe.

E je stade pensade mâl e e je stade fate pardabon a sdavàs vie.

Magari cussì no, nus somee che no sedi l’unic câs dal gjenar.

Une impression sù par jù compagne e je chê che e salte fûr cul vê a ce fâ cu la iniziative InMyLand, che e je stade inmaneade di chê che e varès di jessi la Universitât dal Friûl.

O vin za tocjât la cuistion achì

L’argoment al ven frontât ancje tal articul di Andrea Valcic che o cjatais achì da pît.

Vino ancje in chest câs di dî: «Vonde monadis! Vonde talianadis!»?

valcic_mv

Standard
Atualitât, Media, Spetacui, Storie, Taramot

A proposit di ‘Orcolat’. Une domande par Simone Cristicchi

O sin ai 15 di Setembar, tal cuarantesin inovâl de seconde scjassade dal Taramot dal 1976.

La ricorince e ven memoreade cun diviersis iniziativis. In particolâr a Glemone, li dal Domo, al vignarà metût in sene Orcolat, il spetacul di Simone Cristicchi dedicât propit al Taramot in Friûl.

Magari cussì no, si cjatìn lontan de Patrie. Par chel no podarìn jessi a Glemone e viodi e scoltâ Orcolat.

Nus displâs une vore, ancje parcè che o vin let che al cjantarà almancul trê cjançons par furlan: une di Dario Zampa, une di Ennio Zampa e une di Giorgio Ferigo.
O varessin propit gust di sintî ce cjançons che al fasarà. E cemût.

Plui in gjenerâl nus plasarès viodi in ce maniere che al tratarà chel argoment… dopo vê let che al è stât un lavoron di contat, di dialic, di condivision e di intimitât cu la int furlane.
Sal fasarìn contâ di cui che usgnot al sarà a Glemone. O magari o varìn altris ocasions par tornâ a viodilu.

Nus plasarès ancje fâi une domande a Cristicchi.

Nus plasarès domandâi, a lui che al à vût scrit che in Istrie «come dice una vecchia canzone, ‘anche le pietre parlano italiano’»
(Gulp! Ancje i claps? E dome par talian? Isal propit sigûr?): in ce lenghis pensial che a fevelavin – e che a fevelin – no i claps, lis pieris, i modons o i rudinaçs, ma lis personis di chenti?

Post scriptum.
Nus àn contât che chê altre dì par television, in cont des cjançons di Dario Zampa, Ennio Zampa e Giorgio Ferigo, Cristicchi al à declarât che tal so spetacul a son ancje parts «in dialetto».

Eh??? Cemût??? Dialetto???!!!!?????

Che al vedi in cualchi maniere za rispuindût ae nestre domande???

Ancjemò une altre pontade di «Mamma, ho perso il friulano» ???

Standard
Atualitât, Friulanofobie, Politiche, Scuele

«Mamma, ho perso il friulano» (e no dome chel)

Une altre pontade di chês telenovelas, che si podarès dâur il titul di «Mamma, ho perso il Friuli» e «Mamma, ho perso il friulano» e che o cognossìn avonde ben su chescj schermis za di un pôc di timp, e je lade in onde sul sît internet dal Ufici Scolastic Regjonâl (USR) dal Friûl-VJ.

Su la homepage dal sît istituzionâl il sorintendent dal USR, Pietro Biasiol, al à fat i auguris ai students e a dutis lis fameis pal gnûf an scolastic.

Une biele idee. Par francês si disarès: «un beau geste».

Al è clâr che intune regjon là che a son cuatri lenghis, si spietisi che chest salût al vegni fat doprantlis dutis cuatri. Cun di plui che, pûr in maniere une vore divierse une di chê altre, daûr des leçs statâls e regjonâls che a metin in vore un principi di fonde dal ordenament de Republiche taliane, chês stessis lenghis a varessin di vignî dopradis e insegnadis tes scuelis.

Impen, magari cussì no, il dotôr professôr sorintendent Biasiol a’nd à dopradis dome dôs: il talian e il sloven.

Se di une bande no podìn che jessi contents che dongje de lenghe dominante e sedi stade doprade ancje chê slovene (cundut che nus somee che in chel câs il mes al sedi stât plui curt, cence la part plui… apassionade), di chê altre nus vegnin i sgrisui a pensâ che tal 2016 si ledi ancjemò indenant a fâ fîs e fiastris.

Che al sedi fat cun tristerie o dome a sdavàs, no si pues fâ di mancul di marcâ ce che al sucedût.

Par chel si cjatìn ad in plen in cunvigne cun cui che al à protestât e cun cui che al à rispuindût cuntune sbeleade a cheste macacade. Massime dopo vê let lis argomentazions fatis indenant de bande dal sorintendent cuintri di cui che lu à criticât.

Cun di fat, ancje chês a mostrin di jessi une misture di arogance, di tristerie e di sdavàs: un riferiment ai uficis, un altri al fat che tes scuelis di chenti lis lenghis di insegnament e di ûs aministratîf a son dome il talian o il sloven e un altri ancjemò ae pluralitât linguistiche te sô complessitât, cul efiet (se no propit cun chê intenzion) di meti cuintri une di chê altre lis tantis identitâts, lenghis e culturis che si cjatin te regjon che e ten dongje la plui part dal Friûl cun Triest, tra chês che si podarès clamâlis ‘storichis’ e chês che si podarès definîls ‘gnovis’.

O pensìn che nissune furlane e nissun furlan cun almancul un tic di sintiment e di cussience a puedin colâ te vuate de contraposizion e fâsi cjapâ tal tramai de mistificazion.
Al vâl ancje in dì di vuê – e salacor ancjemò di plui – chel sproc di passe vincj agns indaûr: “Nô o sin blancs ma la nestre lenghe e je nere”.

E alore o cjapìn at che l’auguri di bon an nol è stât fat a ducj e par ducj. I nestris fîs e lis nestris fiis a vivin distès…

Par chel, di une bande si freìn di dut chest e di chê altre cumò o vin a clâr che se la lenghe furlane tes scuelis no je ancjemò presinte cemût che al è just che al sedi, no dome in teorie ma ancje daûr des leçs, al è par vie che il bon esempli (si fâs par mût di dî) al rive ‘dal alt’.

E cussì, compagn di Totò, i disìn (par talian, cussì ancje il sorintendent al è content):

toto

Standard
Atualitât, Culture, Friulanofobie, Par ridi (?), Storie

Se la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl

Chês telenovelas, che si podarès dâur il titul di «Mamma, ho perso il Friuli» e «Mamma, ho perso il friulano» e che o cognossìn avonde ben su chescj schermis za di un pôc di timp, si insiorin di altris gnovis pontadis.

Di une o scrivarìn plui indenant. Chê altre le vin discuvierte inte suaze di Friuli Doc, là che sabide ai 10 di Setembar e je stade fate la sô presentazion.

La iniziative Si clame Inmyland. Indagine su un friulano al di sopra di ogni sospetto e e varès di jessi un scandai su lis ideis che lis personis che a vivin in Friûl a àn di se e de lôr tiere.

Daûr di ce che o vevin scoltât, la ricercje, metude adun dal Laboratori di Sociologjie dal Dipartiment di Lenghis e leteraturis, comunicazion, formazion e societât de Universitât dal Friûl, nus someave une vore interessante.
Chê stesse impression positive e vignive confermade dal sottitul, cun chel riferiment esplicit al mitic film di Elio Petri cun protagonist Gian Maria Volontè, che tra l’altri al fâs vignî daurman la voie di cjantuçâ il teme principâl de sô bande sonore componude di Ennio Morricone.
Però al jere alc che no nus convinceve: il titul nol prometeve nuie di bon.

Magari cussì no, cul savê di dopo, nus tocje dî che chel al jere just il spieli di ce che o varessin cjatât, cul lâ sul sît .

Cun di fat, o vevin gole di viodi, di cognossi e di capî. O vin cjatât une biele homepage, ma al jere daurman alc che nol leve.

Forsit o sin masse esigjents o fintremai sofisticâts, ma o pensìn che se e je une robe che e tocje il Friûl chê e varès di jessi ancje par furlan, par sloven e par todesc. Soredut se e je une robe che e ven fate di chel Ateneu che al è stât metût dongje cun chê di «di contribuire al progresso civile, sociale e alla rinascita economica del Friuli e di divenire organico strumento di sviluppo e di rinnovamento dei filoni originali della cultura, della lingua, delle tradizioni e della storia del Friuli».

E impen: nuie ce fâ, compagn di milante altris voltis.

Cundut achel, o sin lâts dilunc e o vin viert la pagjine dal Cuistionari, là che o vin cjatade la prime domande.
E je la classiche domandute par tacâ – «Quando sei in Friuli stai bene?» – là che lis pussibilitâts di rispueste son dome che dôs: o sì o no.

Dopo vê rispuindût di sì, o sin lâts indenant e o vin cjatât la seconde e in chel moment o vin vût… pôc ben.

Parcè? Parcè che la domande e je cheste:
«Secondo te, il Friuli coincide con la provincia di Udine?»
(E za li:… no comment!)

E chestis a son lis rispuestis pussibilis:
«Sì
Sì, ad eccezione delle Alpi Carniche e delle Alpi Giulie
No, include anche parte della provincia di Pordenone
No, include anche parte della provincia di Gorizia
No, include sia parti della provincia di Pordenone che di Gorizia
No, include tutta la regione
No, include tutta la regione e anche altri territori (ad esempio Sappada)»
.

Al è evident che al mancje alc. Prin di dut no je – tra lis opzions – la rispueste che e varès di jessi: la definizion di Friûl, in tiermins obietîfs, storics e gjeografics, daûr di une tradizion lungjonone, di duments e di studis, che i studiâts de Universitât a varessin di cognossi. Ven a dî che il Friûl al è chel toc di Europe e di mont che al sta tra lis Alps e l’Adriatic, la Livence e il Timau e che al cjape dentri lis provinciis di Udin, di Gurize, di Pordenon, il mandament di Puart e Sapade.

Cun di plui nol è nancje un spazi in blanc par podê scrivi chê rispueste o altris ancjemò.

Cussì, stant che, se no si rispuint no si va indenant, in chês cundizions non podevin rispuindi in nissune maniere e duncje o vin scugnût molâ, cul marum di vê sperimentât «one more time» (dit par inglês…) che la Universitât dal Friûl e mostre di no savê dulà (e ce) che al è il Friûl.

Magari cussì no, si podarès calcolâle tant che la discuvierte de aghe cjalde…

Massime se si ten cont che tra chei che i àn lavorât daûr al è ancje cui che timp indaûr al scriveve, cun grande cunvizion, che i Nazionalisti friulani a jerin nazionaliscj furlans cence inacuarzisi che a son dome nazionaliscj «italianissimi» in Friûl.

I vûl studiât e i vûl sa(v)ût. E no dome par fâ scliçôts.

Standard
Atualitât, Par ridi (?), Politiche

Al mancjave dome il Fertility Day. Vonde monadis, vonde talianadis!

La rêt si conferme une scovacere grandonone, là che la realtât vere – o almancul formâl e salacor istituzionâl – in tancj câs e je ancjemô plui “bufale” des “bufalis”.

Îr e îr l’altri, in particolâr, o vin viodût, cjalât e scoltât robononis.

Prime nus à tocjât di viodi une robe de Rai dulà che une esperte zovine e studiade de Accademia della Crusca e fevelave dal «dialetto sardo», disint che tal Stât talian a son ducj dialets e che si pues calcolâju ancje dutis lenghis (dal molisan al sart…), ma che la uniche vere lenghe – che e je plui lenghe di chês altris – e je chê taliane.
Nus vignarès di fâ une citazion dal resonîr Fantozzi. Mah, cemût che si dîs… par talian: No Comment!

Po o vin let alc di cheste robe dal Fertility Day, iniziative governative che e varès di sburtâ lis feminis a vê fîs…prime che al sedi masse tart o ben – cemût che e dîs cumò la ministre – che e je stade inmaneade dome par promovi la salût e che no je stade capide (ma chest al vûl dî che la comunicazion metude impins di chei esperts e vâl pôc o nuie).

Nus somee une cragne di dimensions galatichis, a tacâ dal non, che al è ancje avonde coerent cul coment iluminant su la lenghe taliane e sul dialet sart viodût la dì prime. Un mix di ipocrisie, maschilisim e (para)fassisim cence sens, che si domandisi cui che al pues jessi cussì pindul par pensâ, fâ, fâ fâ e paiâ (cui nestri bêçs) une robe di cheste fate.

Si cjatìn ad in plen in cunvigne cun chest coment.

In chest câs no podìn tasê e o vin propit di doprâ lis peraulis mitic resonîr Fantozzi dai films di Paolo Villaggio: «una cagata pazzesca».

Se Fantozzi al fos un furlan cuntun tic di sentiment e di ironie le clamarès «une talianade» (oviementri cence ofindi lis tantis talianis e i tancj talians di sest).

Par chel, plui in gjenerâl, nus ven di dî ancje a nô: «Vonde monadis! Vonde talianadis!».

Standard
Atualitât, Storie

26 di Lui. Ricuardâ? Sì. Fâ fieste? Nancje fevelâ

Vuê o sin ai 26 di Lui, inovâl dai 26 di Lui dal 1866.

Ve chi un piçul ricuart di chei timps, un toc de letare scrite di Quintino Sella (commissari dal re di Italie pal Friûl) al president dal Consei dai Ministris, Bettino Ricasoli:

“Udine, 11 ottobre 1866
Signor Barone. Già le feci sapere come la notizia della pace sia stata dapprima accolta con freddezza in Udine e dintorni.
(…)
Indi non vi era la più piccola traccia di manifestazione, come se si fosse trattato di una pace fra la China ed il Giappone.
Questa freddezza mi inquietava, giacché mi dava ragion di temere che il plebiscito riuscisse svogliato e poco frequentato…”

Se no vevin fat fieste in chê volte, parcè varessino di fâ fieste cumò?

Standard