Atualitât, Media, Spetacui, Storie, Taramot

A proposit di ‘Orcolat’. Une domande par Simone Cristicchi

O sin ai 15 di Setembar, tal cuarantesin inovâl de seconde scjassade dal Taramot dal 1976.

La ricorince e ven memoreade cun diviersis iniziativis. In particolâr a Glemone, li dal Domo, al vignarà metût in sene Orcolat, il spetacul di Simone Cristicchi dedicât propit al Taramot in Friûl.

Magari cussì no, si cjatìn lontan de Patrie. Par chel no podarìn jessi a Glemone e viodi e scoltâ Orcolat.

Nus displâs une vore, ancje parcè che o vin let che al cjantarà almancul trê cjançons par furlan: une di Dario Zampa, une di Ennio Zampa e une di Giorgio Ferigo.
O varessin propit gust di sintî ce cjançons che al fasarà. E cemût.

Plui in gjenerâl nus plasarès viodi in ce maniere che al tratarà chel argoment… dopo vê let che al è stât un lavoron di contat, di dialic, di condivision e di intimitât cu la int furlane.
Sal fasarìn contâ di cui che usgnot al sarà a Glemone. O magari o varìn altris ocasions par tornâ a viodilu.

Nus plasarès ancje fâi une domande a Cristicchi.

Nus plasarès domandâi, a lui che al à vût scrit che in Istrie «come dice una vecchia canzone, ‘anche le pietre parlano italiano’»
(Gulp! Ancje i claps? E dome par talian? Isal propit sigûr?): in ce lenghis pensial che a fevelavin – e che a fevelin – no i claps, lis pieris, i modons o i rudinaçs, ma lis personis di chenti?

Post scriptum.
Nus àn contât che chê altre dì par television, in cont des cjançons di Dario Zampa, Ennio Zampa e Giorgio Ferigo, Cristicchi al à declarât che tal so spetacul a son ancje parts «in dialetto».

Eh??? Cemût??? Dialetto???!!!!?????

Che al vedi in cualchi maniere za rispuindût ae nestre domande???

Ancjemò une altre pontade di «Mamma, ho perso il friulano» ???

Advertisements
Standard

2 thoughts on “A proposit di ‘Orcolat’. Une domande par Simone Cristicchi

  1. Simon Krstic says:

    Vecje cjançon eh!
    Cari vecchi ragazzi della Repubblica di Salò!

    Nave che mi porti sulla rotta istriana,
    Nave quanti porti hai visto, nave italiana,
    Nave che attraversi il golfo di Venezia,
    Agile vai avanti anche solo per inerzia.

    Portami veloce sulla costa polesana,
    Corri più in fretta come una volpe verso la tana,
    E tu signora bella non sarai più sola:
    Danzeremo insieme nell’arena di Pola.

    Ascolta in silenzio la voce delle onde
    Ti porterà sicura verità profonde
    Perché in Istria non ti sembri strano:
    Anche le pietre parlano italiano,
    Anche le pietre parlano italiano.

    Siamo nel Quarnaro e sempre più vicini
    Solo ci circonda la danza dei delfini.
    E poi Arbe e Veglia ci guardano passare,
    Anche dopo cinquant’anni non si può dimenticare.

    Ascolta in silenzio la voce delle onde
    Ti porterà sicura verità profonde
    Perché in Dalmazia non ti sembri strano:
    Anche le pietre parlano italiano,
    Anche le pietre parlano italiano.

    Nave che mi porti sulla rotta di Junger,
    Nave quanta gente è scappata da Fiume
    Pensa agli stolti che in televisione
    Chiamano Dubrovnik Ragusa la bella.

    Ascolta in silenzio la voce delle onde
    Ti porterà sicura verità profonde
    Perché in Italia non dimentichiamo
    Quanto ha sofferto il popolo istriano,
    Perché in Italia non dimentichiamo
    Quanto sta soffrendo il popolo istriano

    test di Di là dall’acqua
    de Compagnia dell’anello

    La Compagnia Dell’Anello è un gruppo musicale, considerato con gli Amici del Vento, tra i fondatori della Musica alternativa di destra, e cioè di quella corrente artistica nata negli anni settanta che canta ideali e valori considerati di destra.
    Tra le canzoni più famose vi sono Jan Palach, dedicata allo studente cecoslovacco divenuto il simbolo della Primavera di Praga, Il domani appartiene a noi e La terra di Thule.
    Circa gli esordi del Gruppo Padovano Di Protesta Nazionale, Mario Bortoluzzi raccontò:
    « Abbiamo iniziato nel 1974 a scrivere canzoni per la nostra gente, perché per i “fascisti” non cantava nessuno.
    .., in occasione del primo Campo hobbit, tenuto presso Montesarchio, il gruppo assume il nome di Compagnia Dell’Anello ispirandosi all’omonimo libro di John Ronald Reuel Tolkien. Per l’occasione i componenti sono Mario Bortoluzzi, e Junio Guariento a cui si aggiunge nel ruolo di autrice di alcuni testi Stefania Paternò. Tra le altre canzoni viene presentata “Il domani appartiene a noi”, brano che diventerà l’inno non ufficiale del Fronte della Gioventù.
    … Tra il 1983 e il 1989 la Compagnia Dell’Anello è protagonista dei principali appuntamenti di area, tra cui il concerto a Trieste del 1987 in memoria di Almerigo Grilz, il Quinto Raduno della Contea a Roma, la Festa Nazionale del Fronte Della Gioventù ad Assisi.

    Gjavât di https://it.wikipedia.org/wiki/Compagnia_dell%27Anello_(gruppo_musicale)

    O imagjini un biel conciert cuintri dal taramot slavocomunist pe ricostruzion tricolôr cun cualchi element dialetâl.

  2. Il fat che al vedi dit «dialetto» al è dome un element secondari… evidentementri.
    La cuistion e je plui penze, ma la somee che a sedin ducj contents…
    E che al vedi fat mancul piês di ce che si spietâvisi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s