Atualitât, Editorie, Friulanofobie, Politiche

Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs

Une gnove conferme di cemût che «L’Italia è una e incorreggibile». E je chê che e rive dal passaç ae Cjamare dal gnûf dissen di leç dal Guvier in cont de riforme de Rai e dal servizi radiotelevisîf public, che al continue a fâi cuintri ae normative di tutele des minorancis linguistichis storichis, in particolâr parcè che no garantìs lis trasmissions televisivis e radiofonichis tes lenghis de plui part des minorancis stessis, a tacâ di chê furlane e di chê sarde.

Il test al jere stât fat bon ae fin di Lui dal Senât in violazion palese de Leç 482/1999 (là che a son diviersis «normis di tutele des minorancis linguistichis storichis» e tra chestis al è l’articul 12 che al fevele propit di servizi radiotelevisîf public in maniere clare e precise) e dal DPR 345/2001 (che al è il Regolament pe metude in vore de stesse Leç 482, là che l’articul 11 al zonte ancjemò clarece in cont di cemût che si à di «sigurâ lis cundizions pe tutele des minorancis» in chest cjamp).

Par ce che al tocje radio e television publiche e minorancis, sei l’esecutîf che senatôrs e senatoris in chê ocasion a vevin mostrât di no cognossi ni l’articul 6 de Costituzion («La Republiche e tutele lis minorancis linguistichis cun normis specifichis»), ni la esistence de Leç 482/1999 (là che a son diviersis «normis di tutele des minorancis linguistichis storichis» e tra chestis al è l’articul 12 che al fevele propit di servizi radiotelevisîf public in maniere clare e precise) e dal DPR 345/2001 (che al è il Regolament pe metude in vore de stesse Leç 482, là che l’articul 11 al zonte ancjemò clarece in cont di cemût che si à di «sigurâ lis cundizions pe tutele des minorancis» in chest cjamp) e nancje il fat che a tacâ dal 2000, e soredut dal 2005 incà, il Comitât di esperts che al sta daûr de metude in vore de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls, ratificade de bande dal Stât talian ancjemò tal 1997 cu la leç 302, e po ancje il Comitât dai Ministris dal Consei de Europe a continuin a marcâ – un cu lis sôs Opinions e chel altri cu lis sôs Risoluzions – che il Stât talian nol rispiete i impegns che al à cjapât sù cun chê ratifiche propit in cont de tutele des minorancis tal cjamp de radio e de television publiche e in particolâr cun rivuart pes comunitâts furlane e sarde.

Îr dut chest si à tornât a viodilu e a sintîlu in maniere ancjemò plui fuarte e plui fastidiose. Parcè? Parcè che dopo dal pastroç fat in Senât, diviers di lôr a vevin prometût che la robe e sarès stade comedade ae Cjamare dai deputâts.
Al jere cui che al veve menaçât «di fare il Vietnam», ma – cemût che si spietâvisi – nol à fat nuie. In maniere plui serie cualchidun altri al à fat indenant un emendament che – se fat bon – al varès fat justizie de cuistion, però al è stât dut dibant.

Magari cussì no, scrivi e proponi un emendament nol è avonde, cuant che si acete di ritirâlu in comission e si contentisi di un ordin dal dì che al impegne – Cuant? Cemût? – il guvier a visâsi de cuistion.

Ir e je lade cussì: l’emendament nol jere plui e al è dome un gjeneric impegn dal esecutîf.

Ce che al fâs ridi – o che al fâs vaî, sielzêt voaltris – al è il resocont de zornade fat de plui part dai media, là che al somee che chê di îr e sedi stade une concuiste e une vitorie.
Un biel esempli di disinformazion!!!

Al vignarès di dî che dongje di chel ordin dal dì – che in concret i domande al guvier e ae Rai di fâ alc che al varès di jessi za stât fat e che si varès di fâ di almancul cuindis agns, daûr de Leç 482/1999 e dal DPR 345/2001 – al torne a palesâsi une ciert disordin di ducj i dîs.

Al è un disordin concetuâl che al ten dongje gjornaliscj e parlamentârs: su lis pagjinis dal cuotidian di chenti – chel cul non forest – si lei ancjemò une volte di «elevare a rango di legge la tutela delle minoranze linguistiche nella Riforma Rai alla pari delle cosiddette minoranze linguistiche nazionali».

Al è un disordin fondât su la ignorance, suntune cierte prepotence e su la mancjance di rispiet dai principis di fonde, dai dirits e des leçs.

E soredut al è un disordin di caratar politic, che al mostre cetant che e je debile la vôs dai furlans e dal Friûl no dome a Rome ma ancje a Triest, stant che ancje in chest câs de bande dai vertiçs de Regjon no si à sintût nuie sul argoment.

Al covente movisi e fâ alc. E no dome pal furlan in Rai.

Advertisements
Standard

One thought on “Furlan in Rai. L’ordin dal dì e il disordin di ducj i dîs

  1. Pingback: In sardu e par furlan? Mai dire Rai (Ancjemò une volte) | LIDRÎS E BUTUI

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s