Atualitât, Par ridi (?), Politiche

Spara Jurij spara (Giovanni, Debora, Pieri & C.)

Chel di sparâle gruesse al è un sport che al ven praticât sù par jù di ducj, simpri e in ogni lûc.
Ultimamentri, però, o vin vude la impression che des nestris bandis e ancje inaltrò al è stât cualchidun che lis à sparadis propit cul canon.

Tra chescj nus à colpît – e nus à fat une vore dûl – Giovanni Lindo Ferretti. Lu vin viodût cun Giorgia Meloni cualchi dì indaûr e o vin let lis sôs declarazions fatis in chê ocasion. Però, se o pensìn che za cualchi timp indaûr al veve fat sparadis no di pôc e stant che si visìn di cuant che cui CCCP al cjantave «Spara Jurij spara», alore si cuietìn e o provìn a justificâlu, magari recuperant il titul di une cjançon dai CSI: «M’importa ‘na sega».

O podìn freâsi di Giovanni Lindo Ferretti, ma o fasìn plui fature a fâ fente di no lei e di no sintî ce che a disin cierst politics, massime chei che par divignince o dome par vie che a cjapin i vôts culì, nus tocje clamâju «nostrans».

Al è il câs dal cjâf grup dal Pd ae Cjamare, Ettore Rosato, che intun incuintri public a Flumisel sù par jù une setemane indaûr al à vût declarât che e covente fate la «macroregjon a statût speciâl» dal “Triveneto” (Sì, al à dit propit cussì, compagn di un cualsisedi speaker che al lei lis previsions dal timp suntune radio o suntune television taliane…).

No savìn se al dipent de buere, dai problemis di digjestion de jote e de influence de preseose tradizion teatrâl des Maldobriis, ma i politics triestins a mostrin di jessi i miôr tal sport di sparâle gruesse, cun efiets tragjics e comics in chel istès. Cussì dongje di Rosato che te Basse al babe di chê robe lì che o vin ricuardât cumò denant e che o vin fastidi ancje a tornâ a menzonâle, su Facebook al è il senatôr Francesco Russo che a’nt spare une pardabon fenomenâl.

Ve chi l’incipit:
«Questa Regione è speciale grazie a Trieste.
Perché Trieste è speciale e straordinaria. Non ha nostalgie: sta semplicemente chiedendo di essere messa in condizione di sviluppare il suo enorme potenziale.
Al servizio della Regione per esaltarne – e non minare – la specialità. Così come, ad esempio sta succedendo in Sicilia e Sardegna dove Catania, Messina, Palermo e Cagliari sono città metropolitane. E non minano affatto la specialità della Regione.
Perché se in squadra ho Messi non lo faccio giocare 15 minuti a partita per paura di rompere gli equilibri: lo metto titolare inamovibile e gli lascio la libertà di inventare. Così si vincono le partite: Trieste, in fondo, sta chiedendo la stessa cosa (…)»
.

No si capìs se si à di ridi o di vaî. Nol è mâl fâsi une ridade, ma soredut al è ben stâ in vuaite parcè che – lu disevin i nestris vecjos – la m***de plui che tu le remenis e plui che e puce. E achì al è un brut remeneo.

Ancje dicà dal Timau no mancjin lis sparadis. Daûr di ce che a ripuartavin i cuotidians locâi al somee che ancje il Sindic di Udin le vedi sparade gruesse, fevelant di une aree metropolitane che e varès di tignî dongje Udin e Triest o il Friûl e Triest.
La nestre idee e je che Friûl e Triest a puedin dâsi dongje – il Friûl tant che Friûl e Triest tant che Triest – e che a vedin di fâlu intune relazion di paritât, cence sotanisims, jerarchiis o prejudizis. Duncje no sin in cunvigne cun chei che a son – o che al somee che a sedin – plui cuintri di Triest che a pro dal Friûl. Cun dut achel, cheste storie de aree metropolitane no le vin capide. Ma forsit al è dome un probleme di algoritmis.

A san tant di sparade ancje diviersis declarazions de presidente de Regjon Friûl-VJ, Debora Serracchiani, saltadis fûr îr sul cuotidian di chenti (chel cul non forest…).

Par esempli, cuant che e fevele di autonomie speciâl «blindade», no savìn parcè ma al somee che nus disi a ducj, in Friûl e a Triest: «State sereni». Ce vuelial dî? Domandaitlu a Enrico Letta.

Cuant che, impen, a tacâ dai risultâts eletorâi in Catalogne, se e cjape cui Stâts piçui in Europe (chei che a podaressin nassi, ma ae fin ancje che che a esistin bielzà), se o fossin in Slovenie, nus vignarès cualchi sgrisul sù pe schene, pensant che cualchidun, cun chê di «semplificare», «ottimizzare» e «razionalizzare, evitando frammentazioni», al podarès pensâ di tornâ ae Provincie di Lubiane dal 1941-1943, magari inte suaze di un «Grande Triveneto». Al sarès compagn se o fossin in Estonie, in Letonie 0 in Lituanie, là che cun chei stes intindiments di Rome, di Londre o di Berlin a podaressin vê chê di creâ la «Macrorepubliche dal TriBaltic»…

Sparâle gruesse no je une esclusive ni dal Pd ni di chei di Triest. Lu mostre a clâr il President de Provincie di Udin, che intun colp sôl al rive a sparâle plui gruesse di ducj chei che o vin za ricuardât, ancje dai doi parlamentârs triestins, e in cheste maniere i dà sodisfazion ae nestre braùre furlane plui profonde (si fâs par mût di dî).

Tal ‘day after’ dal vôt catalan, di Palaç Belgrât e ven dade fûr une declarazion, che e conferme une cierte vocazion a fâ il Re Mida, in chê maniere particolâr che o vin za ricuardât timp indaûr, stant che e tire fûr doi dai concets plui antifurlans che a esistin: chel de «piccola patria» e chel di «Grande Friuli». Cun di fat la Patrie e je Patrie e vonde, sei par cui che i crôt ae patrie sei par cui che al fâs dome riferiment al non storic di Patrie dal Friûl, e soredut il Friûl al è il Friûl, des Alps al Adriatic e de Livence al Timau: un, unitari, policentric, plurâl, ni grant ni piçul.

Advertisements
Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s