Atualitât, Friulanofobie, Politiche, Scuele

Un velo pietoso

In Italie e plui in gjenerâl tal Stât talian – cemût che o savìn ben achì in Friûl – si fâs pardabon une fature mostre a rispietâ la diversitât e ancjemò prime a dâi acet e a ricognossile.

Di chest o vin vût conferme ancjemò cuindis dîs indaûr, in particolâr in doi setôrs – chel dal sport e chel de scuele – che impen a varessin di vê une funzion strategjiche propit a pro dal disvilup di relazions tra lis personis e duncje a pro de integrazion, de educazion, de convivence e de citadinance.

Di une bande a son lis declarazions fatis in ocasion de ultime edizion dal Torneu di Viareggio de bande dal innomenât alenadôr di balon Arrigo Sacchi. In cont di chês peraulis, che a fasin vignî i sgrisui, si cjatìn ad in plen in cunvigne cu lis riflessions fatis indenant di Max Mauro tal so blog, che us conseìn di lei.

Di chê altre e je la circolâr dade fûr de bande dal preside dal Istitût Malignani di Çarvignan, che al ten dongje plui scuelis superiôrs de Basse Furlane, cul diviet di «ostentazione» e «esibizione» dai «segni esteriori della propria confessione religiosa», cun riferiment al «fazzoletto o velo che copre talvolta il capelli e parte del viso delle ragazze mussulmane», parcè che «può essere colta come una provocazione e suscitare reazioni di ostracismo, disprezzo o rifiuto».

Leint chestis peraulis al vignarès di domandâsi se ancje une colane cuntune crôs si pues calcolâle tant che une ostentazion dai «segni esteriori della propria confessione religiosa». Ma no dome: daûr de insistence fate te circolâr sul argoment de «provocazione», e salte fûr une pôre de diversitât che e fâs vignî i sgrisui.
Al è un ategjament che si cjate in tantis ocasions. Vêso inaments frasis tant che «Non sono razzista, è lui che è negro (o zingaro)…!», «Non sono omofobo, è lui che è frocio…!», «Non sono contro la lingua friulana, ma non può essere usata in pubblico e insegnata a scuola….» ?. La cuistion e je simpri chê: la pôre de diversitât.

Il fat di Çarvignan al à fat une vore di scjas, a son intervignûts i vertiçs istituzionâi de scuele (l’Ufici scolastic regjonâl) e il Garant regjonâl dai dirits de persone e cussì la circolâr e je stade ritirade. A chest pont o podaressin fevelâ di chest fat dome “al passât” e duncje «stendere un velo pietoso». In realtât al è ben no pierdi di viste la cuistion, stant che e je impuartantone e penze e che no tocje dome il vêl…

Nus somee interessant, a chest pont, viodi ce che al saltarà fûr tal incuintri che si fasarà li dal liceu “A. Einstein” di Çarvignan ai 9 di Març.

E nus ven su ancjemò une domande: tal câs de circolâr dal Malignani l’Ufici scolastic regjonâl e il Garant regjonâl dai dirits a son intervignûts daurman e a àn fat ben. Parcè no àno fat (e no fasino) compagn tal câs de friulanofobie des nestris scuelis?

Advertisements
Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s